Darkness RollercoasterIl nostro Road to VR continua nonostante il periodo estivo e indossare un visore quando si è residenti a Crematoria non giova assolutamente. Però, da amanti dei parchi divertimento e attrazioni mozzafiato, abbiamo approfittato del nuovo titolo targato Creative VR 3D per catapultarci in carrozza e godere dell’adrenalina rilasciata dalle montagne russe. Nonostante il vago richiamo ad altre produzioni dello stesso tipo, correndo su binari, Darkness Rollercoaster: Ultimate Shooter Edition ci ha costretti a muoverci più del dovuto, simulando le urla degli ignari accompagnatori che riecheggiano nei nostri timpani ad ogni discesa, comprensiva quella strana sensazione allo stomaco ad ogni dosso superato. Grazie al codice fornitoci dagli sviluppatori, siamo saltati sul vagone, pronti ad ascoltare i suoni delle rotaie.

Darkness Rollercoaster
Pronti a salire in carrozza?

Allacciate le cinture!

Come abbiamo avuto modo di provare, esistono varie tipologie di titoli che aderiscono alle periferiche destinate alla realtà virtuale. Tra i vari walking simulator, mini giochi e avventure cooperative, vi sono gli arcade godibili stando seduti sul divano. Uno dei primi titoli di punta all’uscita del PlayStation VR è stato senza dubbio lo spin-off dedicato ad Until Dawn, quel Rush of Blood che permetteva di immergersi nelle cupe atmosfere di un parco a tema capitanato da clown malefici e discesa negli inferi, tutto coadiuvato da uno shooter system mentre il nostro alter ego virtuale sedeva su una carrozza delle montagne russe. Seduti comodamente sul divano, la coppia di PlayStation Move permetteva un’immersione più convincente, sparando a paperelle innocue e ricaricando le proprie armi, nonché fruire di una sorgente luminosa per non morire di nictofobia. Defibrillatore a parte, Darkness Rollercoaster mantiene le stesse caratteristiche citate in precedenza, diminuendo il realismo e amplificando il senso di arcade game.

Darkness Rollercoaster
Viaggiare nello spazio una volta era differente…

Il comparto narrativo non risulta pervenuto, vista la tipologia di gioco, per cui ci ritroveremo nelle grinfie delle burle donate dagli sviluppatori prima di partire con il nostro giro in carrozza. Sostanzialmente si tratta di scegliere uno dei quattro scenari a disposizione (ulteriori contenuti saranno pubblicati in seguito), tra Avventura, Fantasy, Sci-fi e Futuristico. Ogni ambientazione risulta molto caratterizzata e ispirata, dove la singola corsa non muore con la mera monotonia. Avremo quindi a disposizione una serie di comandi da impartire al nostro alter ego. Alcuni nemici renderanno la nostra avventura più impegnativa, facendoci diminuire la salute fino a farci ritentare la corsa. Potremo altresì schivare la loro offensiva e utilizzare alcuni attacchi per sconfiggere gli avversari, puntando contro di essi la nostra arma.

Darkness Rollercoaster
Discesa in arrivo!

Altro giro, altra corsa!

Dopo un breve tutorial che ci mostra come utilizzare schivata e attacco, nonché l’azione di strafe per eludere i colpi nemici o barriere ambientali, Darkness Rollercoaster si mostrerà per quello che offre: un arcade a scorrimento senza pretese particolari. Sfruttando il motore grafico donato da Unity, avremo una pulizia visiva molto gradita, merito anche di una semplice realizzazione poligonale. Il titolo possiede due modalità di controllo, sia dal punto di vista limitativo (per quanto riguarda l’immersività) con DualShock 4 che con libertà di movimento dettata dai PlayStation Move. La ciliegina sulla torta è dettata dalla piena compatibilità con 3DRudder, periferica aggiuntiva in merito al foot powered game controller. Il grado di immersività aumenta ulteriormente, dove i Move garantiscono puntamento e azione diretta, mentre il 3DRudder consente uno strafe più rapido dettato dai nostri piedi.

Darkness Rollercoaster
Occhio alle barriere!

I modelli poligonali sono minimali, con scheletri e altre creature che fungono da contorno per uno shooting tutto sommato divertente. Il sistema di puntamento è affidato alla vista. Bisognerà solo guardare e sparare, alternando i vari attacchi a disposizione e difendersi al contempo dagli attacchi nemici col nostro scudo. La corsa filerà via tranquilla, per modo di dire, fino all’arrivo del boss da sconfiggere. Niente è insormontabile, anzi, la curva di apprendimento è ben bilanciata, spostando tutto sul divertimento al posto della solita frustrazione nel rifare nuovamente il livello dal principio. Terminare Darkness Rollercoaster porterà via un paio d’ore, tra una pausa e l’altra, scorrazzando tra i vari livelli e corse bonus, ma non tutte daranno la stessa soddisfazione. Se il mondo fantasy o avventuroso rappresenteranno solo i classici scenari, quello sci-fi risulterà il più ispirato, con esplosioni evocative e suoni convincenti, mentre un piccolo passo falso è stato commesso con quello futuristico. Troppe texure approssimative e di bassa risoluzione rischiano la non rigiocabilità di un determinato settore.

Darkness Rollercoaster
I vari nemici tenteranno di rallentarci in ogni occasione, ma eliminandoli avremo la possibilità di incrementare il nostro punteggio in classifica.

Il prezzo vale il biglietto?

Senza dubbio non siamo qualitativamente al livello di Rush of Blood, vista anche la produzione, ma Darkness Rollercoaster (nato anche per Gear VR e Oculus Rift) potrebbe essere un buon erede spirituale e valida alternativa, soprattutto per il livello di divertimento che concede in un paio d’ore. In aggiunta vi sono anche sessioni musicali che ricalcano titoli come Beats Fever, oppure intermezzi liberi, dove si potrà decidere il percorso da seguire senza giungere ad un termine specifico. Quest’ultima modalità consente una velocità estrema di esplorazione, ma nonostante questo aspetto la presenza di motion-sickness, quella strana sensazione di malessere e nausea dovuta al comparto VR, è praticamente quasi assente. La presenza di boss da sconfiggere è un’aggiunta gradita, compresa una classifica online per invogliare lo spirito di competizione.

Darkness Rollercoaster
Potremo utilizzare anche diverse modalità di attacco a seconda del nemico incontrato.

Il sistema di puntamento è stato migliorato nel corso del tempo, dove gli sviluppatori sono costantemente al lavoro per risolvere i vari problemi che si presentano in gioco. Lo sforzo è notevole, ma tante sbavature sono già state corrette, così come il frame rate su PS4, rendendo più godibile il titolo. Purtroppo la mancanza di una vera e propria campagna, compreso un livello visivo più incisivo penalizzano l’esperienza, anche se il divertimento cerca di sopperire a tale mancanza. Alcuni scenari risultano più ispirati di altri, però ulteriori contenuti dovrebbero vedere la comparsa entro l’anno. Darkness Rollercoaster si presta a conferire un po’ di sano svago correndo sui binari delle montagne russe, alternando un gameplay che calza a pennello in base allo scenario selezionato il cui costo del biglietto è di appena 8,99€ disponibile sullo Store.

PRO CONTRO
  • Montagne russe in chiave VR
  • Gameplay divertente
  • Supporto al 3DRudder
  • Assenza di motion-sickness
  • Comparto visivo datato e poco ispirato
  • Rigiocabilità limitata
  • Breve durata

Conclusione
Darkness Rollercoaster: Ultimate Shooter Edition
7.0
Articolo precedenteNBA 2K20 – Annuncio
Prossimo articoloBorderlands 2: guida agli scudi
Programmatore, analista software e scrittore, appassionato del mondo videoludico e cinematografico fin dalla tenera età. Iniziando con un Vic-20 ho cavalcato tutta l'evoluzione fino alla next-gen, riuscendo a mettere a disposizione tutta l'esperienza al servizio dei 17K.