Quante volte vi siete detti: “Se solo avessi avuto più tempo!” o “Con più tempo a disposizione non avrei commesso certi errori!”.
Preparatevi a cambiare idea su questo luogo comune del “più tempo”.
SuperHot, tra le righe, ci spiega proprio questo.
La quantità di tempo a vostra disposizione difficilmente influirà sulle vostre performance, ma piuttosto quanto bene riuscirete a spendere il tempo a vostra disposizione!


SUPER CHE?!

Leggendo una scheda tecnica verrebbe da dire che sia un semplice FPS con un bellissimo stile minimalista, ma credeteci quando vi diciamo che la peculiarità di questo gioco è un’altra!
La genesi del titolo avviene nell’agosto 2013 alla “7 Day First Person Shooter” e il suo prototipo venne sviluppato nell’arco di appunto 7 giorni.
Il successo però fu immediato, proprio grazie alla particolare meccanica di gioco, e gli sviluppatori hanno così deciso di terminare il lavoro e pubblicarlo. Dopo una campagna su Kickstarter conclusasi con la raccolta di 250 mila dollari (100 mila era la cifra richiesta) e circa due anni di sviluppo finalmente abbiamo potuto provarlo in versione Xbox One.

In SuperHot il tempo avanza solo nel caso in cui vi muoviate. Questo cosa vuol dire? Semplicemente che se rimanete fermi, tutto è sospeso in una stasi temporale. Nemici, proiettili, oggetti e il tempo stesso si bloccano.

Questo ci da la possibilità di pensare ogni singola mossa per arrivare alla vittoria oppure di vedere con una lentezza estenuante il nostro fallimento. Perché è vero che fermando l’orologio, paradossalmente, abbiamo più tempo, ma una scelta sbagliata ci punisce anche a rallentatore e forse anche di più.

 


AVVIO IN CORSO…

L’avvio di SuperHot ci fa entrare subito nel suo stile retrò con una schermata di caricamento iniziale in stile DOS e un menù bianco su nero, il tutto contornato dall’inconfondibile rumore dei vecchi computer con floppy e hard disk in movimento.

La trama ci viene introdotta quasi subito tramite una chat tra noi e un anonimo interlocutore che ci inviterà a provare la versione crackata di questo nuovo programma: superhot.exe.
Dopo alcuni livelli che ci introducono al gioco e alle sue meccaniche, una nuova chiacchierata con il nostro fornitore di programmi illegali ci darà accesso ad una versione aggiornata dell’eseguibile con altri livelli sbloccati.

Nel gioco ogni colpo o pugno contro di noi sarà fatale, ma avanzando nelle missioni scopriremo di avere la possibilità di saltare, che non è poi così scontata visto lo stile minimalista del titolo, e quella di poter trasferire la nostra coscienza nel corpo dei “red dudes”, i nemici che ci impediscono di completare il livello, abilità molto comoda quando siamo in situazioni che non hanno un’apparente via d’uscita.

Nel nostro arsenale, oltre alle abilità, avremo a disposizione armi da fuoco e “contundenti”. Pistole, mitragliatori, fucili a pompa, katane, mazze e tubi innocenti. Ma anche bicchieri, statuine e tutti gli oggetti che riusciremo a raccogliere e lanciare contro i nemici! Potremo interagire con ogni cosa di colore nero!
Le armi da fuoco hanno un numero limitato di colpi, finiti i quali saremo costretti ad abbandonare l’arma in questione, ma la miglior cosa è trasformarla in un oggetto da lanciare.
Infatti ogni oggetto che possiamo raccogliere può essere lanciato contro i nostri avversari per interrompere le loro azioni, fargli cadere le armi e, se siamo abbastanza veloci, questo escamotage ci permetterà di prendere al volo le armi impugnate dal nemico o addirittura di interrompere la corsa di un proiettile che altrimenti sarebbe fatale.

 


NON CREDERAI CHE SIA TUTTO QUI?

Proseguendo di quadro in quadro abbiamo notato un particolare di SuperHot: la trama e i livelli che giochiamo, non sono per niente amalgamati. In pratica la trama dietro il titolo si sviluppa al 90% tra un livello e l’altro, tutta nelle finte chat che avrete con lo strano interlocutore.
Il gameplay invece non sarà altro che un pretesto per far giocare il protagonista con quel programma crackato, un gioco nel gioco in pratica.
L’unico legame che traspare tra le chat e il gioco vero e proprio è l’incapacità del protagonista di smettere di giocare, ammettendo che il titolo gli piace molto, è innovativo e coinvolgente. A noi è sembrato semplicemente un po’ di sano marketing inserito all’interno del titolo stesso, ma vista l’ottima riuscita, concediamo molto volentieri questa licenza agli sviluppatori.

A far passare in secondo piano la flebile trama che ci viene presentata mentre proseguiamo per la prima volta nelle missioni c’è la longevità stessa. Da quando si avvia per la prima volta a quando si termina l’ultima missione, passano a mala pena due ore.
Ma il punto di forza di SuperHot è la rigiocabilità! Una volta finita la breve storia, si sbloccano moltissime modalità che metteranno a dura prova le nostre abilità.
La sezione Challenge ci farà rigiocare le varie missioni con diverse modalità: dovremo completarle usando solo la katana, finire le missioni nel minor tempo possibile o con un tempo massimo, usando esclusivamente l’abilità di trasferimento della coscienza o solo i pugni. Insomma ci sono prove per tutti i gusti!

Ma non finisce qui! Si sbloccheranno svariate modalità Endless in cui dovremo, per esempio, resistere alle ondate di nemici eliminandone il più possibile o eliminare il maggior numero di nemici in un determinato tempo.
Il punto di forza di SuperHot è questo, ci spinge a migliorare sempre di più, farci più furbi, ad ottimizzare il tempo!

Se proprio dobbiamo trovare una pecca segnaliamo che in molte modalità Challenge, soprattutto nelle prove di velocità in cui avete il tempo contato o dovete terminare i vari livelli rimanendo sotto una determinata scadenza, i controlli non risultano poi così precisi. Un conto è usarli a rallentatore, ma se dobbiamo velocizzare il gioco le hitbox di nemici e oggetti sono decisamente troppo piccole e spesso la cosa si traduce in un fallimento sicuro!

Molto simpatica l’idea di inserire tra i vari menù piccoli giochini, screen saver, immagini, video ed easter egg, tutto rigorosamente in grafica ASCii!

superhot
Aaah, la MASTER RACE!

Vi ricordiamo che SuperHot è disponibile su PC (Windows, Linux e Mac) e Xbox One.

Conclusione
Voto
9
Articolo precedentePokémon Sole e Luna: trailer d’annuncio
Prossimo articoloMass Effect Andromeda rimandato al 2017
Da sempre appassionato al mondo della tecnologia e dei videogames, ha alimentato le sue passioni entrando a far parte del 17K e fondando una società di assistenza informatica. Ricopre i ruoli di newser e redattore.