Il Partito Comunista Cinese (CCP) ha nelle ultime ore proposto una legge che rivoluzionerà l’intero mondo videoludico e la vita di molti giovani ragazzi. Dopo aver bloccato le vendite del celebre videogame Animal Crossing (potete leggerne di più qui), la Cina ha ora intenzione di portare il tutto a un livello successivo, non consentendo più a nessun utente cinese di poter giocare online con videogiocatori di tutto il resto del mondo.

L’attenzione sull’argomento è nata da parte del Partito Comunista dopo i fatti del 10 Aprile, ovvero alcune settimane dopo l’uscita di Animal Crossing. Rilascio che però è stato prontamente fermato dopo che Joshua Wong, attivista pro-democrazia a capo delle rivolte di Hong Kong, ha personalizzato oggetti in gioco con slogan e prese in giro nei confronti del leader cinese Xi Jinping. Molti altri giocatori, seguendo l’esempio di Wong hanno usato la piattaforma per esprimere il loro dissenso nei confronti dello stato.

La risposta da parte delle autorità non è tardata ad arrivare. Il regime comunista ha infatti affermato di aver notato una grave mancanza di controllo nei giochi multiplayer online, che permettono ai videogiocatori di socializzare online senza essere monitorati. Per questo sembrerebbe che molte metropoli cinesi si stiano adoperando per limitare se non proibire ai loro cittadini di collegarsi tramite i videogiochi con il resto del mondo.

Questa non sarà però l’unica restrizione che affligerà i videogiocatori del paese. Anche i titoli single-player saranno presto messi sotto osservazione in tutta la Cina da parte delle autorità. Sarà inoltre illegale ogni tipo di videogame basato su zombies e pandemie, map editing (come Minecraft) e giochi di ruolo. Sarà inoltre impossibile organizzarsi in gruppi per giocare online.

Queste nuove restrizioni si aggiungono ad alcune già presistenti come il non poter giocare online tra le 23:00 e le 08:00, e un massimo budget mensile spendibile per i videogiochi per i minori di 18 anni.

Per restare sempre aggiornati su questo e molti altri argomenti a tema videoludico continuate a seguirci su 17KGroup.