ws_Halo_ODST_1680x1050Bentornati fans della lore a questa nuova puntata dell’Halo Canon Fodder, la rubrica settimanale di GrimBrother ONE dedicata all’Universo di Halo! La scorsa settimana abbiamo dato uno sguardo ad Halo 3: ODST, appena rilasciato come DLC sulla Halo: The Master Chief Collection. In questo numero riprendiamo l’argomento, scambiando quattro chiacchiere con la mente creativa dietro al progetto ODST: Joseph Staten. Carichi al punto giusto? Bene, allora iniziamo!

Come abbiamo visto nel numero della scorsa settimana, è stato recentemente pubblicato un video che ha visto il Mr. Staten sedersi con Max Szlagor di 343 Industries a parlare di alcuni degli aspetti del gioco Halo 3: ODST. GrimBrother ONE ha pensato che sarebbe stato bello chiacchierare con Joseph chiedendo così qualcosa in più sulla narrativa e sulla natura della storia della campagna del gioco. Ecco cosa aveva da dire…

GRIMBROTHER ONE: Allora, qual è stato il processo di sviluppo dei personaggi sia come una squadra così come individui, dalle differenze nei loro percorsi e le loro personalità diverse?

JOSEPH STATEN: Abbiamo iniziato con le nozioni di base: abbiamo voluto una squadra a tutto tondo di ODST con diverse qualifiche che consentano scenari di gioco uniche. Ad esempio, abbiamo programmato fin dall’inizio che una delle missioni si concentrasse sulla distruzione di un edificio per tenerlo fuori dalle mani Covenant, ciò significa che uno dei Talo doveva essere un esperto di demolizioni. Abbiamo voluto raccontare la storia da più punti di vista, abbiamo capito che le personalità dei nostri Talo e le loro voci dovevano essere uniche così che ogni giocatore sapesse riconoscere tutti gli ODST per le sue caratteristiche. Volevo davvero scrivere per specifici attori per quanto possibile, così abbiamo gettato i nostri personaggi all’inizio del processo di sviluppo. Una volta saputo che avevamo avuto la fortuna di poter lavorare con Nathan Fillion (celebre per la serie televisiva Castle: Un dective tra le righe in cui interpreta lo scrittore Richard Castle) in Halo 3: ODST insieme ad altri grandi attori, sono stato in grado di definire tutte le personalità da questo.

GRIM: In quale dei personaggi ti identifichi di più? Ha influenzato la tua scrittura in qualche modo?

JS : Mi piacerebbe dire Buck, perché chi non vorrebbe assomigliare a Nathan Fillion? Ma onestamente mi identifico di più con il Rookie, il protagonista principale senza voce del gioco. Spesso, facendo un gioco è come perdersi, di notte, in una città pericolosa dove i tuoi migliori piani sono andati terribilmente storti. Si impara molto velocemente che non ci si può fare da soli. Questa comprensione dell’importanza del lavoro di squadra ha influenzato non solo la storia del gioco ma anche come abbiamo lavorato.

GRIM: Impossibile non essere d’accordo con tale analogia! Ora per quanto riguarda la campagna stessa, come è stato scrivere una storia progettata per essere un po ‘più modulare, e meno lineare, di un tipico racconto?

JS: Mi piace molto scrivere storie con diversi punti di vista, dimensioni ridotte della squadra ODST e il calendario di produzione più stretto. Durante i primi tre giochi della serie Halo, abbiamo imparato alcune dure lezioni su come sia difficile modificare una storia puramente lineare. Abbiamo iniziato ODST con un mandato di “massima flessibilità”, abbiamo finito per essere così efficienti che eravamo in realtà in grado di raccontare una storia ancora più ampia di quanto avevamo inizialmente programmato, in particolare l’aggiunta “La storia di Sadie”.

GRIM: Parlando di Sadie, come è stato raccontare questa “storia nella storia”? E più in generale, ci sono stati problemi nel creare la storia di ODST allineandola con la narrativa più vasta di Halo?

JS: Abbiamo avuto grandi partner che hanno lavorato con noi sulla storia di Sadie: Elan Lee e Sean Stewart, che avevamo collaborato con il “I Love Bees” ARG per Halo 2 . Dopo aver parlato con loro sulla collocazione di ODST nella timeline Halo, ci venne una grande idea per raccontare il lato civile dell’invasione Covenant a New Mombasa. La più grande impresa era probabilmente convincere Marty a registrare e produrre durante il gioco il lungo messaggio radio di Sadie dopo che avevo già dato a tutte le direttive per rendere “saxofono sfumato” lo strumento firma di Halo 3: ODST  come colonna sonora. Ma scherzi a parte, abbiamo volutamente scelto una parte vuota della timeline Halo per ODST, quindi la sfida non era tanto, “Quello che stiamo andando a rompere?”, Ma piuttosto, “Quali fantastici nuovi dettagli possiamo mettere in questo gap? ”

GRIM: Penso che “un bel po’” sarebbe la risposta corretta e sono sicuro che innumerevoli fan di Halo sarebbe d’accordo. Guardando indietro alla storia ora, quali sono i tuoi pensieri su come sono amati quei personaggi e la storia nel corso degli anni?

JS: Sicuramente il grande cast di attori ha un grande merito per questo. Ma ODST affronta anche le emozioni e i temi che altri giochi della serie Halo non hanno. E’ una storia più intima, meno incentrata sul “salvare la galassia” ma “salvare il popolo e la città che si ama”. Anche se è difficile non guardarsi indietro sulla storia e concentrarsi su tutte le cose che avrei potuto fare meglio, è un vero onore ogni volta che qualcuno mi dice che ODST è il proprio gioco preferito Halo. E’ stato sicuramente il mio preferito su cui lavorare e spero davvero che alla gente piaccia giocare l’edizione rimasterizzata.

GRIM: Oh non ho dubbi che lo faranno. Grazie mille per la disponibilità!

AUDIO ADRENALINE

Durante l’esplorazione delle strade di New Mombasa durante la campagna di Halo 3: ODST si potrebbe sentire uno squillo del telefono, un filo di voce, un suono particolare. Questi segnali portano a uno delle 30 diverse registrazioni audio sparse per tutto il gioco; audiolog che come detto da Mr. Staten sopra, raccontano una storia molto speciale e unica all’interno dell’universo Halo. La storia prende in esame l’invasione Covenant dal punto di vista di una giovane civile, Sadie Endesha, attraverso gli occhi di un’IA progettata per gestire e monitorare la città nel suo complesso. Quando si raccolgono le varie registrazioni, scoprirete un audio drammatico non non molto diverso alla campagna #HUNTtheTRUTH che molti di voi stanno seguendo con piacere. Accompagnato da immagini create dal leggendario artista Ashley Wood, “La storia di Sadie” conduce gli appassionati in un viaggio sorprendentemente personale in Halo ma che ha la risonanza in tutta la narrativa. In realtà, i giocatori che hanno familiarità con la “storia nella storia” siamo rimasti piacevolmente sorpresi quando hanno letto Halo: New Blood. Se ne avete controllato uno ma non l’altro, ora potrebbe essere il momento di fare il grande passo! E a proposito di collegamenti…

DROP DEEPER

Halo 3: ODST “drop in the pond” ha increspature che irradiano sia prima che dopo gli eventi del gioco stesso e ci sono una varietà di pezzi di fiction-Halo che può aiutare a mettere insieme i pezzi di una storia molto più grande. Se siete dei nuovi fan o un veterano brizzolato, può essere utile per far emergere alcune di quelle storie sparse. Se sei un fan di ODST, dovresti andare a dare un’occhiata!

Halo: Legends – “The Babysitter”

Uno degli episodi nell’antologia animata Halo Legends, “The Babysitter” è incentrato attorno a una squadra di ODST stazionati sulla UNSC Kronstadt, una squadra che include Taylor “Dutch” Miles. Quando la squadra viene accoppiata ad uno Spartan-II, Cal-141, si ritrovano in missione per assassinare un Profeta sul pianeta di Heian, oltre ad indagare su alcune misteriose e antiche rovine, la tensione mette ogni membro alla prova per completare questa operazione pericolosa  e a portata di mano.

Halo: Helljumpers

Scritto da Peter David e disegnato dall’artista Eric Nguyen, Halo: Helljumpers è una serie a fumetti in 5 parti che si concentra sull’ODST Taylor “Dutch” Miles e Kojo “Romeo” Agu. Quando il pianeta colonia Ariel invia un segnale di soccorso misterioso, Dutch e Romeo si trovano al centro di un misterioso nuovo conflitto. Prima che sia risolto, dovranno mettere la loro amicizia e le loro vite in prima linea. Questa storia entra molto nel personale tra i due compagni di squadra, oltre che uno sguardo più profondo nelle loro rispettive backstories.

Halo: Evolutions – “Dirt”

“Dirt” si trova all’interno dell’antologia “Halo: Evolutions” scritto da Tobias Buckell. “Dirt” si concentra su un veterano ODST, Gage Yevgenny, che racconta la sua vita a un giovane ODST, dalla sua esperienza di combattimento insurrezionale alle prese con la guerra Umani-Covenant. Il giovane ODST è colui che i fan hanno imparato a conoscere come il Rookie.

Halo 2 / Halo 2: Anniversary – “Another Day at the Beach”

Nel filmato di apertura in Halo 2 livello “Sobborghi”, vediamo tre Pelican UNSC trasportare truppe da battaglia nel centro di Mombasa. Quando uno Scarab emerge improvvisamente distruggendo subito uno dei Pelican, lasciando i due rimanenti. Uno di loro trasporta il Sgt. Johnson e Master Chief  e sfugge relativamente indenne, mentre il secondo,  che porta una squadra di ODST guidati dal Sgt. Marcus Stacker, prende fuoco e va giù. Questa speciale cutscene, originariamente inclusa con il Halo 2 Multiplayer Map Pack, mostra ai fan la sorte di questi helljumpers eroici. Cercatelo su Halo Channel!

Halo: New Blood

Scritto da Matt Forbeck, Halo: New Blood si concentra sulla squadra ODST  Alpha-Nine dopo gli eventi di Halo 3 È un viaggio incredibilmente emozionante per ogni membro della squadra dove vedranno il loro futuro influenzato in modo potente per la fine della sua storia. Alcuni personaggi preferiti dai fan passeranno attraverso alcune evoluzioni molto specifiche che si faranno sentire in tutta la trama di Halo.

ERA COSÌ FACILE (DA DOPPIATORE)
Jessica Shea, ha viaggiato fino ad Atlanta lo scorso fine settimana per il MomoCon. I fan non si sono voluti perdere questa occasione che ha visto la partecipazione delle leggende Steve Downes e Keith David, rispettivamente le voci dei nostri cari Master Chief e Arbiter Thel ‘Vadam. Si tratta di un aspetto assolutamente stimolante non solo attraverso Halo in sé, ma per le loro proprie carriere diverse. È possibile trovare qui il video. Mettetevi delle buone cuffie e godetevi i toni melodiosi dei nostri eroi!

Queste sono tutte le notizie presenti in questo ultimo Canon Fodder, quindi vi lasciamo con i nostri saluti e con quello di GrimBrother ONE: “Per questa settimana è tutto.  Alla prossima!

Alla prossima settimana … Vivete bene, giocate ad Halo, e in caso di dubbio, fate esplodere un sole.