Sembra che pochi giorni fa siano stati diffusi in rete i dati di accesso di un imprecisato numero di utenti Origin, il client Electronic Arts che fa concorrenza a Steam. La compagnia, dal canto suo, nega tutta la faccenda. I dati sono rimasti in rete per un breve periodo di tempo, dopo essere rimossi, e a tal proposito EA ha espresso chiaramente il fatto che sicurezza e privacy vengono prima di tutto. Ha aggiunto inoltre che non c’è nessuna prova che quelle informazioni siano state ottenute violando Origin.