Gears 5 su PC: per Digital Foundry è probabilmente il miglior porting mai visto

0

Che Gears 5 sia con tutta probabilità uno dei titoli visivamente più godibili di questa generazione è cosa ormai nota da quando la beta pubblica era stata resa disponibile sia su Xbox che su PC.

Nonostante le già ottime premesse i ragazzi di Digital Foundry hanno voluto esaminare nel minimo dettaglio cosa rende così speciale la versione PC di Gears 5 al punto da far sembrare la già stupefacente versione per One X un titolo nettamente inferiore.

Entrambe le piattaforme in esame offrono la possibilità di renderizzare il titolo in 4k con un framerate di ben 60 FPS, risultato notevole su PC (vista la grande mole grafica del titolo) e ancor più su console.
Entrambe le versioni integrano una interessante funzionalità di Resolution Scaling di modo da mantenere il framerate a 60 FPS su console o nel range di framerate che ci si propone di raggiungere su PC.

Fino a qua quindi, l’esperienza di gioco può per certi versi essere equiparabile sebbene, a patto che il sistema di gioco sia sufficientemente performante come quello usato proprio da Digital Foundry (AMD Ryzen 3900X, Nvidia RTX 2080 Ti e 16 GB RAM DDR4 3200MHz), su PC sia possibile andare a modificare le singole impostazioni grafiche per ottenere un livello visivo realmente sbalorditivo.

Sbalorditivo è lo stesso menù impostazioni, che si fregia di una così ricca e parcellare possibilità di impostare il titolo a proprio piacimento da far impallidire i titoli tripla A usciti sino ad ora.
Fra queste numerose impostazioni effetti come “Screen Space Reflections“, “Volumetric Lightning” e altri effetti scelti all’interno di quelli disponibili possono vantare l’impostazione nota come “INSANE” che alza l’asticella qualitativa ben oltre il sistema medio PC.

Attivando questi effetti la qualità complessiva del gioco raggiunge picchi mai visti prima su Unreal Engine 4 aprendo una finestra su quello che sarà il gaming quando le ingenti risorse hardware necessarie saranno diventate (per così dire) mainstream.
Il settaggio massimo di questi effetti è sensazionale ma come si intuisce dal paragrafo precedente ha un costo sulle prestazioni non molto parsimonioso rendendo di fatto impossibile giocare in 4k nativo con queste impostazioni se si vuole mantenere almeno i 60fps.

Proprio per sopperire a questo The Coalition ha sfruttato una risoluzione variabile anche su PC con risultati prestazionali ottimi seppur vessati da un temporaneo problema legato a fenomeni di stuttering in GPU già in sovraccarico elaborativo.

Oltre a queste impostazioni, di per se già molto superiori a quanto osservabile su One X il menù del gioco mette a disposizione dell’utente un pack di texture ancor più dettagliate per andare ad aumentare ulteriormente la fedeltà visiva e la qualità dei modelli sia dei personaggi che del mondo di gioco.

Per conoscere meglio tutte queste impostazioni e per conoscere le altre differenza che rendono la versione PC di Gears 5 così speciale vi rimandiamo al video di Digital Foundry direttamente dal loro canale YouTube ufficiale.

Vi ricordiamo che Gears 5 è già disponibile per tutti coloro che avessero effettuato il pre-order del gioco o che fossero in possesso di un abbonamento Xbox Game Pass Console, Xbox Game Pass PC o Game Pass Ultimate.
PEr tutti gli altri invece Gears 5 sarà godibile solo a partire dal 10 settembre.

Fateci sapere cosa ne pensate di questa analisi nei commenti e non dimenticate di seguirci sulle nostre pagine social e su 17kgroup.it per notizie, recensioni, approfondimenti e tanto altro sul mondo dei videogiochi.