A quasi 6 mesi dal suo disastroso debutto, Anthem da finalmente segni di vita.

Ieri BioWare infatti ha reso disponibile l’aggiornamento 1.3.0.0, che introduce il Cataclisma, il primo vero evento del gioco.

Prevista e annunciata originariamente per il mese di marzo, la patch rilasciata il 6 agosto ha portato con sé nuove missioni della storia, una nuova zona, una nuova modalità e alcune significative modifiche all’economia del gioco e al sistema delle ricompense (tra cui la rimozione del tanto discusso attributo Fortuna, sostituito da un bonus per la Corazza).

LA STORIA

Il Dominio è tornato. Dopo la perdita dello Scrutatore, la pericolosa fazione delle terre del nord ha un nuovo Leader: la Lancia, Vara Brom.

Al comando di un gruppo di potenti Valchirie e di un gruppo di soldati di Cristallo, Vara è determinata a portare a termine un ambizioso piano volto a ottenere il controllo dell’Inno della Creazione, sfruttando anche le conoscenze di un vecchio nemico creduto morto per molto tempo.

Vara è un Leader spietato e aggressivo, al punto da dividere persino il Dominio stesso in una faida interna, il nostro compito sarà quello di fermarla, prima che il Cataclisma da lei innescato travolga l’intera Bastion.

IL CATACLISMA

Venti travolgenti, detriti, cielo nero e scariche elettriche: addentrarsi nel Cataclisma sarà estremamente pericoloso e danneggerà il nostro Strale ogni secondo di più. L’unica salvezza è rappresentata dalle arene disseminate nella nuova zona, non accessibile in gioco libero (dove tuttavia troveremo dei nuovi eventi pubblici a tema) ed esplorabile solo selezionandola dal menu delle modalità di gioco. Una volta chiusi gli ingressi potremo trovare un temporaneo riparo dalla tempesta.

Non ci sono requisiti di livello per poter partecipare a questa modalità: durante una sessione nel cataclisma, riceveremo punti eliminando i nemici, raccogliendo oggetti, e completando enigmi e obiettivi. Potremo restare nel cataclisma per un periodo di tempo limitato, quindi dovremo lavorare insieme ai nostri compagni di squadra per sopravvivere e ottenere il punteggio più alto. Completare gli obiettivi in un’arena e trascorrere del tempo nella tempesta servirà ad aumentare il moltiplicatore di punteggio, permettendo di accumulare più punti, al prezzo però di molti più danni subiti.

A rendere meno prevedibili le sessioni all’interno del Cataclisma, ci penseranno le Inversioni, dei modificatori specifici che renderanno più o meno complicate le nostre imprese, senza però impattare sul punteggio.

Al termine di ogni partita, il nostro punteggio di squadra finirà in una classifica globale, che ci permetterà di vedere lo score più alto che avremo ottenuto durante il cataclisma e la nostra posizione rispetto agli altri giocatori. Punteggi alti significano anche più valuta da spendere presso il nuovo Vendor stagionale di Anthem.

NUOVA VALUTA E RICOMPENSE

Durante il cataclisma di Anthem, avremo accesso a nuovi oggetti mitici e leggendari: oggetti per corpo a corpo, equipaggiamento di supporto, armi e altro. Potremo anche ottenere elementi cosmetici esclusivi come pacchetti armatura e vinili.

C’è un nuovo Vendor nella zona del mercato: Herschel. Questo strano personaggio, che indossa permanentemente un casco per nascondere le conseguenze di un incidente con un manufatto dei Creatori, vende oggetti esclusivi che si aggiornano settimanalmente.

È inoltre disponibile una nuova valuta di gioco da accumulare e spendere durante la stagione del cataclisma: cristalli importanti e cristalli minori. I cristalli importanti si ottengono principalmente come ricompensa di missioni e sfide. I cristalli minori sono una valuta che si ottiene giocando e che può essere usata per acquistare cristalli importanti con cui comprare forzieri di guerra ed elementi cosmetici. I forzieri di guerra contengono tutti gli oggetti non cosmetici che puoi sbloccare durante il cataclisma.

NUOVE ARMI

Con la Patch BioWare ha introdotto tre nuove classi di armi con altrettante varianti leggendarie e mitiche:

  • Gli acceleratori a impulsi usano la tecnologia dei catalizzatori per generare un’energia distruttiva.
    • Cupo presagio” – Si carica per sparare una raffica di proiettili di energia.
    • Diluvio” – Emette una scarica di energia che esplode in frammenti più piccoli.
    • Scavafosse” – Emette un getto di energia di potenza crescente.
  • I condensatori voltaici usano la tecnologia dei catalizzatori per focalizzare l’elettricità ambientale
    • Ira di Jarre” – Emette un fulmine ad arco a corto raggio.
    • Barra fulminante” – Richiama un fulmine in un punto specifico.
    • Fuoco fulmineo” – Emette un attacco elettrico che si trasmette da nemico a nemico.
  • I proiettori di lame caricano un proiettile circolare dotato di forza dinamica.
    • Ala lacerante” – Lancia una pesante lama che rimbalza tra i bersagli.
    • Squartatore di Riza” – Lancia una lama seghettata che infligge danni da frammentazione prolungati.
    • Tempesta di schegge” – Lancia proiettili di cristallo sperimentali nell’area nelle immediate vicinanze.

Armi che promettono di dare un tocco più “esotico” rispetto a quanto visto sino a ora, in un titolo che allo stato attuale sfrutta quasi esclusivamente le abilità degli strali più che la potenza di fuoco a portata di grilletto. Abilità che sono comunque state integrate con nuovi equipaggiamenti e oggetti di supporto, occorrerà valutare quindi come si comporteranno queste nuove armi.

STRATEGIA COMUNICATIVA DA RIVEDERE

Dopo aver aver dato uno sguardo ai cambiamenti introdotti con l’aggiornamento, è doveroso fare una piccola parentesi sulla strategia comunicativa attuata dal team di sviluppo, in una parola: inesistente.

Quasi sei mesi di imbarazzante silenzio. BioWare e la stessa EA, infatti, non hanno praticamente fatto menzione di Anthem in questi mesi. Gli stessi volti che avevano animato le discussioni sui vari social, come Mark Darrah e Mike Gamble, non hanno più proferito parola sul titolo. Gli sviluppatori sono letteralmente scomparsi anche nelle discussioni su Reddit, prima vera fonte di notizie agli albori dello sviluppo del gioco e sede di confronto con molti utenti.

Un silenzio a dir poco scoraggiante, unito anche alle scellerate dichiarazioni rilasciate dal CEO di EA, che ha scaricato la colpa dei problemi del titolo sui giocatori, accusandoli velatamente di non aver compreso appieno il titolo. Quali che fossero la sua intenzioni, il messaggio filtrato è stato pessimo.

Il consiglio che ci sentiamo di dare, al di fuori delle considerazioni e delle valutazioni che si possono fare sullo stato attuale del gioco, è di riaprire i canali di comunicazione con l’utenza il prima possibile. Il silenzio non è un buon biglietto da visita, e se veramente BioWare ed Electronic Arts vogliono salvare Anthem dovranno assolutamente capire che il primo passo è confrontarsi con i giocatori.

Altri titoli hanno avuto un lancio disastroso (qualcuno ha detto No Man’s Sky?), tuttavia nascondersi sotto la sabbia non farà altro che aggravare la situazione del team di sviluppo e del publisher, anche in prospettiva futura per altri titoli.

Anthem ha un potenziale enorme, questo Cataclisma da solo (ovviamente) non ne risolleverà completamente le sorti, non è il cambiamento radicale in termini di contenuti che molti si attendevano dopo quasi sei mesi, ma è il primo vero passo concreto verso qualcosa di più vicino al titolo pubblicizzato prima del lancio, ora sta a BioWare e a Electronic Arts, continuare su questa strada.