Un adattamento come serie TV della serie di videogiochi di successo Halo è rimasto bloccato per anni. Proprio di recente, la serie allestita da Showtime ha fatto qualche progresso assumendo il regista di Robin Hood, Otto Bathurst, al timone di quella che sarà una serie di fantascienza piuttosto costosa. Ma prima, Rupert Wyatt, regista di Rise of the Planet of the Apes, avrebbe dovuto produrre la serie e dirigere alcuni episodi. Purtroppo, ha lasciato il progetto alla fine dello scorso anno e ora il regista ha fornito alcune nuove informazioni sul motivo per cui ha lasciato il timone della serie.

Rupert Wyatt ha lasciato la serie TV di Halo a dicembre dello scorso anno e, in quel momento, questa era la sua dichiarazione:

È con grande disappunto che le modifiche al programma di produzione di Halo mi impediscono di continuare nel mio ruolo di regista della serie. Il mio tempo su Halo è stata un’esperienza creativa ricca e gratificante con un team di persone fenomenale. Ora mi unisco alla legione di fan là fuori, entusiasta di vedere la serie finita e auguro a tutto lo staff il ​​meglio.

In una discussione più recente con Collider, Wyatt era un po ‘più specifico sul perché si sentiva incline a lasciare:

Quando sono stato coinvolto, sapevo molto poco di Halo, così come sapevo molto poco su Il pianeta delle scimmie quando ero stato coinvolto, e così mi sono immerso nella mitologia e ho iniziato a rendermi conto di quanta letteratura incredibile ci fosse e di quanta profondità della narrazione, e tutto ciò è mi è cresciuto dentro. C’era una base incredibile per costruire la storia, la narrazione, era sensazionale, ero molto emozionato. In breve, penso che se mi fossi imbattuto da una precedente prospettiva dalla sua realizzazione, forse sarebbe andata diversamente, ma da regista di uno show televisivo è piuttosto difficile diventare l’architetto creativo di quello show. Penso che in un certo senso non lo sarei mai stato, e va bene perché ci sono davvero molte persone di talento coinvolte in quello show che stanno facendo quel particolare lavoro.

Era chiaro che ci sarebbe voluto più tempo necessario, sto parlando di alcuni mesi se non anni, per allinearsi. Come probabilmente sapete lo show è enormemente ambizioso, quindi il budget ha davvero bisogno di allinearsi con le sceneggiature. E stavamo ancora lavorando su questo, ma alla fine non era sotto il mio controllo la possibilità di trovare quell’allineamento. Quindi c’era la scelta fatta da Showtime che era essenzialmente quella di spingere per certe cose, e se fossi stato lo showrunner sarei rimasto in quel viaggio per due o tre anni, ma come regista di un numero finito di episodi, ci sono altre cose che voglio davvero fare. Quindi ero molto triste di andarmene, ma fondamentalmente non era all’interno del tipo di lavoro per il quale mi ero legato all’inizio.

Una serie TV è un grande impegno, specialmente una che ha cercato di decollare per anni. E mentre Wyatt avrebbe avuto una parte integrante come produttore esecutivo, non sarebbe stato lo showrunner di Halo. Invece, avrebbe fornito qualche input, diretto alcuni episodi, e poi se ne sarebbe andato per la sua strada. E il tempo che avrebbe dovuto passare a lavorare nello show per adempiere ai suoi doveri non valeva la pena alla fine. Almeno era abbastanza consapevole di se stesso invece di limitarsi a prendere il lavoro a causa di quanto è alto il profilo di una serie TV.

Che ne pensate? Fatecelo sapere con un commento!