La tecnologia Super X-Fi di Creative premiata al CES 2019 di quest’anno sembra lanciarci direttamente in un film di fantascienza. Quello che potremmo aspettarci da un impianto audio proveniente da film come Blade Runner accade, invece, in questi giorni e più precisamente a Milano.

La tecnologia di audio personalizzata sviluppata dai ragazzi di Creative ci ha da subito incuriositi e, pertanto, non abbiamo esitato nel provare ciò che l’azienda ha da offrire.
La lineup presentata copre varie esigenze e modi di consumo, che vedremo più avanti, in modo tale da permettere a tutti di poterne usufruire tramite ogni sistema e device.

Ciò che Creative consegna nelle mani dei consumatori è tanto semplice quanto avveniristico: ricreare un impianto surround in un paio di semplici cuffiette o headset.

Per cui, grazie ai prodotti che vedremo poco più oltre, saremo in grado di godere di un’esperienza sonora 3D con le nostre cuffie (grazie ad un adattatore) o tramite un prodotto realizzato direttamente da Creative con la tecnologia Super X-Fi integrata.
Ciò di cui Creative si è fin da subito preoccupata a comunicare, oltre alla compatibilità con i vari device, è l’adattabilità della loro tecnologia: migliora l’esperienza sonora con la musica, con i film e, soprattutto, con i videogiochi.

Il prodotto abbraccia, infatti, fin da subito molteplici esigenze, rivolgendosi a una fetta di pubblico il più grossa possibile e risultando fruibile su molteplici dispositivi, senza contare il fatto che il punto forte del prodotto è proprio l’alta differenza di immersività nel prodotto mediale rispetto a quando non se ne fa uso. L’esperienza di un film o di una partita ad un Apex Legends, per esempio, assumeranno tutt’altra caratura, così come ascoltare i nostri brani preferiti risulterà un’esperienza più coinvolgente e soddifacente grazie all’audio 3D, che dona l’impressione di essere in un luogo fisico ad ascoltare un concerto.

Una foto segnaletica 

Il punto forte della tecnologia di Super X-Fi è proprio la personalizzazione. Tramite una app è possibile resgistrarsi con un profilo su cui vengono memorizzate fino a dieci scansioni. Ciascuna scansione serve a ottenere una mappatura della nostra testa e dei padiglioni auricolari, in modo da permettere al software di rendere ottimale la fruizione di un audiovisivo sulla base dei dati raccolti. Il sistema è rapido e molto semplice: l’applicazione si collega alla fotocamera e chiederà all’utente di inquadrare rispettivamente orecchio destro, sinistro e il volto per ottenere i dati necessari. Una volta terminata la procedura, i dati verranno caricati sul nostro profilo.

L’esperienza che se ne ricava è spettacolare. Abbiamo provato a disattivare e attivare il software tramite un tasto presente sul prodotto e la differenza di qualità e profondità dell’audio è disarmante. Il rilevamento tramite olografia rende più realistico l’audio trasmesso, creando una sorta di ambiente virtuale tridimensionale con il solo utilizzo delle cuffie. Ad un primo impatto, sembra semplicemente che i suoni siano più profondi ma, prestando poca più attenzione, sembra di stare ascoltando il nostro gruppo preferito come se fosse live on stage o sembra addirittura di star guardando un film in una sala di un cinema dotata di impianto Surround.

I modelli

I modelli presentati sono tre: il Creative SXFI AMP, Creative SXFI Air e Creative SXFI C.

Il Creative SXFI AMP è un device aggiuntivo dotato di uscita audio jack e di entrata USB type C. AMP serve a rendere disponibile l’esperienza audio di Super X-Fi come “adattatore” a cui si collegano le nostre solite cuffie jack. Inclusa nella confezione, si trovano un cavo USB type C – USB type C per collegare AMP ai device android più moderni e un cavo USB Type C – Micro USB per chi possiede modelli di telefoni Android leggermente più datati (come uno Huawei P8 Lite, per esempio). Il dongle è compatibile anche con i PC che montano Windows e MacOS ma anche con i sistemi di gioco PlayStation 4 e Nintendo Switch. 

L’alternativa Bluetooth è la Creative SXFI Air che, invece, abbraccia l’approccio wireless. Tale modello non ha bisogno di AMP per funzionare, poiché possiede la tecnologia Super X-Fi integrata, e rende la tecnologia di Creative fruibile anche su device mobili Apple (come iPhone e iPad, che, prima, restavano esclusi per la mancanza di un adattatore USB type C – Lightning). Le SXFI Air posseggono, inoltre, degli anelli led (RBG) dal colore personalizzabile tramite app e un avveniristico sistema di controllo touch.

SXFI Air C

Per gli appassionati di gaming, compatibile con PC Windows, Playstation 4 e Nintendo Switch e MacOS, arriva in soccorso Creative SXFI Air C, che monta in aggiunta a un microfono ClearComms removibile. Tale modello è identico ad Air in qualità tecniche ma consiste in un prodotto essenzialmente fruibile tramite cavo USB con l’aggiunta del microfono.

Super X-Fi è per tutti

Come è stato dichiarato dalla stessa Creative, e così appare anche sul sito, l’ampio spettro di compatibilità permetterà a chiunque di utilizzare il prodotto nella maniera che meglio crede. Notevole il fatto che ogni confezione sia dotata di adattatori, cosa che risolve la noia (e l’esborso di denaro aggiuntivo!) di dover acquistare separatamente l’adattatore per rendere il prodotto compatibile con il nostro device.

L’assenza di Xbox One nella lista di piattaforme compatibili, purtroppo, avviene per motivi strutturali. Per il momento Creative non ha ancora commercializzato la soluzione che renderebbe compatibile la tecnologia Super X-Fi con un pad Xbox One. Allo stesso modo, la compatibilità di AMP con i device mobili Apple pare non essere fra i più semplici problemi da risolvere, tuttavia, gli utenti con dispositivi iOS possono tranquillamente utilizzare il modello Air collegabile tramite bluetooth.

L’impressione totale è assolutamente positiva: dopo aver testato con mano i modelli AMP e Air, siamo assolutamente certi che la tecnologia di Creative offra un’esperienza di immersività senza pari sul mercato odierno. L’audio, di fatto, risulta apperentemente meno pulito di quanto dovrebbe essere ma l’esperienza totale non ne risente, anzi ne risulta notevolmente migliorata. 

Siamo rimasti notevolmente soddisfatti delle prove effettuate con i prodotti Creative e non vediamo l’ora di scendere più nel dettaglio.

Sul sito Creative, otterrete ulteriori informazioni.