Control

Remedy sta continuando i lavori sulla sua nuova opera, Control, che dopo Alan Wake e Quantum Break stanno lavorando a questo titolo presentato all’E3 2018.

Purtroppo le notizie continuano a essere poche e vaghe e solo da qualche giorno, a qualche mese dall’annuncio, veniamo a conoscenza di qualche dettaglio in più grazie agli sviluppatori che ci hanno detto qualcosa sulla storia della protagonista, Jesse, che ha avuto un passato traumatico come possiamo vedere da questo diario di sviluppo.

Oggi tuttavia vi portiamo le parole di Mikael Kasurinen, direttore di Remedy, che ci parla del potere di Jesse e delle missioni secondarie.

Ciò che sta al centro di Control è, come dice il nome stesso del titolo, il controllo.
La telecinesi è la colonna portante del gioco e per questo abbiamo sviluppato il titolo rendendo il mondo di gioco interagibile in ogni sua più minuscolo elemento.
Ogni oggetto come sedie e tavoli potrà essere usato come arma e potremo interagire con l’universo di gioco come vorremo.

Lo stesso Kasurinen successivamente aggiunte un commento su ciò che saranno le missioni secondarie all’interno del gioco.

Durante il gioco potremo decidere come andare avanti nella campagna principale ma ovviamente ci saranno delle missioni secondarie.
Esse però non saranno elementi a se stanti come missioni di ricerca o simili ma saranno direttamente collegate alla storia primaria rendendo le missioni secondarie legate alla trama.

Remedy è atteso per un non meglio specificato 2019.