Capcom

Dopo la freschissima notizia secondo la quale Capcom avrebbe cancellato tutti i progetti attualmente sotto sviluppo al suo studio di Vancouver, che possiamo ricordare per la serie di Dead Rising, ora arriva la naturale conseguenza di questa decisione: Capcom Vancouver si accinge a chiudere i battenti dopo l’ultimo flop vissuto con Dead Rising 4, risultato parecchio sottotono rispetto alle aspettative.

In un rapporto fatto da Kotaku, Capcom ha reso nota la decisione, ponderata dopo un consiglio interno dal quale è uscita la decisione di centralizzare la produzione in Giappone dei titoli di punta della software house.

Come risultato di una revisione dei titoli prodotti presso Capcom Vancouver, Capcom ha deciso di cancellare i progetti in corso presso questo studio e concentrare lo sviluppo dei titoli di punta in Giappone. Uno scheletro del team di sviluppo rimarrà fino al Gennaio 2019 per finalizzare le operazioni di chiusura e logistica.

Questo il lapidario report rilasciato da Capcom.

Come tutti gli studi di sviluppo si possono vivere alti e bassi, ma a quanto pare la scarsa resa di Dead Rising 4 ha convinto Capcom ha non investire più nel suo studio di Vancouver, con le naturali ripercussioni prevedibili su i prossimi titoli sviluppati dalla casa nipponica, oltre che su i poveri dipendenti che perderanno il lavoro.