Qualche settimana fa il Senior Quest Designer di CD Projekt Red, Philipp Weber, ci aveva letteralmente messo in guardia sul mondo di Cyberpunk 2077, in particolar modo sul fatto che avremmo dovuto imparare a convivere con le conseguenze provocate dai nostri fallimenti.

Proprio Weber è recentemente tornato ad affrontare l’argomento, seppur in maniera più generica, durante un’intervista rilasciata al canale YouTube polacco arhn2eu.

Durante l’intervista Weber ha dichiarato che i giocatori il più delle volte avranno a disposizione una varietà di scelte che saranno ben lontane da un concetto di positivo o negativo in senso assoluto: ogni decisione che prenderemo avrà delle conseguenze, che tuttavia non impatteranno immediatamente sulla nostra storia, ma anche diverse ore di gioco più tardi, e che influenzeranno per esempio l’andamento delle altre quest che vi affronterete più avanti.

“Vogliamo raccontare una storia realistica, quindi non vi diremo mai se una delle vostre scelte sarà giusta o sbagliata. – ha detto Weber – Dovrete pensare a cosa sarebbe giusto secondo il vostro pensiero. Qualche volta, quello che pensate sia giusto si rivelerà corretto, e avrete delle conseguenze positive. Altre volte invece, penserete di fare la scelta giusta, ma come nella vita vera, le cose non andranno come vi aspetterete, e le conseguenze delle vostre azioni talvolta arriveranno anche dopo cinque ore”

Il mondo di Cyberpunk 2077 quindi non rimarrà passivo alle nostre scelte, ai nostri successi e ai nostri fallimenti, non sarà un semplice sfondo statico in cui muoversi, e dalle parole del Senior Quest Designer pare proprio che l’intero ecosistema ci metterà spesso alla prova, presentandoci il conto ogni qual volta ce ne sarà l’occasione.

Cosa ne pensate di queste dichiarazioni? Siete curiosi di scoprire il mondo che sta creando CD Projekt Red? Fateci sapere le vostre impressioni nei commenti!