halo roaming king

È con grande emozione che vi annunciamo il lancio di una nuova playlist creata dalla Community per infiammare le vostre sessioni di gioco su Halo 5: Roaming King. Si tratta di una modalità a obiettivi che imbriglia le capacità della Fucina per creare un approccio unico alla tanto amata modalità King of the Hill.

halo roaming king

In Roaming King i giocatori combatteranno ferocemente per il controllo di una collina costantemente in movimento attraverso l’intera mappa di gioco. A differenza del buon vecchio Crazy King, dove la collina si teletrasportava in un punto casuale della mappa a ogni intervallo di tempo prestabilito, in Roaming Hill la collina striscia in giro per la mappa lungo un sentiero prestabilito. Sebbene sia impegnativo, il lavoro di squadra vi ricompenserà con molti punti man mano che metterete in sicurezza la collina ripulendo la mappa lungo il suo sentiero.

Detto questo, abbiamo un’analisi completa delle mappe di Halo 5 che ospiteranno la modalità Roaming King, e i link al Content Browser che vi permetteranno di aggiungerla alla vostra lista dei preferiti così che possiate goderne in qualsiasi momento. Dopodiché, potrete mettervi in pari con la storia completa della creazione di questa modalità, raccontata direttamente dal suo Forger, MartianMallCop.

LA MODALITÀ

ROAMING KING BY MARTIANMALLCOP CAPTAIN PUNCH

LE MAPPE

BACKLASH BY KELL OF SCOTS

Si dice che da qualche parte di questo manto di nebbia giaccia un potente artefatto. Su Backlash, scagliatevi contro i vostri avversari attraverso brutali tattiche di guerriglia. Avanzate verso la torre centrale per inondarli di fuoco prima di tuffarvi nuovamente nella boscaglia.halo roaming king

PLAZA BY 343 INDUSTRIES

Plaza ora supporta pienamente Roaming King! Dopo i dovuti ritocchi, naturalmente.halo roaming king

PORT 66 BY FOR CHUB

Una stazione spaziale intergalattica costruita come pit stop e area di ristoro tra le Colonie Esterne. Su Port 66 vi ritroverete in intensi stalli con il nemico, dove lo tratterete attraverso i boccaporti, avanzando verso l’atrio centrale, e aprendovi la via attraverso le linee nemiche seminando devastazione tra i loro ranghi.halo roaming king

SECLUSION BY GIVEN TO FLY 93

Uno studio di contenimento biologico dei Precursori, abbastanza fortunato da non aver mai incontrato i Flood. Nel loro isolamento, alcuni visitatori credono di aver visto un fantasma. Su Seclusion, aspettatevi falciate di spazi aperti con molte colline a fare da copertura. Ingannate i vostri avversari e affiancateli attraverso i tunnel che giacciono sotto di esse.halo roaming king

TOURIST TRAP BY MARTIANMALLCOP

Un piccolo villaggio sul mare in mezzo alla frastagliata costa delle Cinque Terre. In Tourist Trap vi ritroverete a ballonzolare tra vicoli e tetti, tagliando attraverso gli edifici e supportando la vostra squadra dai più disparati punti di vantaggio.halo roaming king

WASH OUT BY KELL OF SCOTS

Gli Architetti erano conosciuti per non sprecare alcuna risorsa su cui potessero mettere le loro mani. La loro diga idroelettrica si erge ancora, ma essi non più. I giocatori turbineranno attorno e attraverso questa meraviglia architettonica, il tutto mentre si daranno battaglia per la superiorità aerea a bordo di un feroce Wasp.halo roaming king

DIETRO LE QUINTE

È stata fatta qualche chiacchiera con MartianMallCop riguardo il design di questa modalità di gioco, la sua costruzione in Fucina, e l’impegno dell’autore nel raffinarne l’esperienza. Qui c’è la storia di come abbia costruito Roaming King, dal momento del suo concepimento fino alla release del prodotto finale.

Verso la fine del 2016, la Beta di Doom 2016 mi aveva inspirato a provare come Warpath potesse funzionare su Halo, così ho messo insieme una vecchia mappa chiamata Pueblo, e ho scriptato il terminale su Strongholds affinché una singola base si muovesse in giro per la mappa sotto il terreno e cambiasse direzione solo 4 volte. Sebbene fosse tenuta insieme col nastro adesivo e il movimento risultava davvero traballante, era divertente. Ne ho fatto un video che ho poi condiviso sul canale Youtube ForgeHub e la cosa finì lì.

Più tardi, nel gennaio 2017, Unyshek mi inviò un messaggio proponendomi di implementare quella modalità su qualche altra mappa così da poterne esplorare la possibilità di inserirla tra le playlist a rotazione del matchmaking. Per mia fortuna la proposta arrivò durante il periodo in cui uscì la modalità Minigame, portatrice di un nuovissimo set di funzionalità per lo scripting, cosa che che ovviamente ci diede molte altre opportunità per ciò che potevamo fare alle modalità di Halo 5. Quindi lavorai con Carson (Captain Punch) per sviluppare la modalità da zero e risolvere così alcuni problemi di funzionalità della versione precedente. Visto che dovevamo ripartire da zero, il mio amico propose di non imitare più Doom, ma di costruire un qualcosa di più personale e originale. Dopo questo suggerimento optammo per cambiare la base da “Strongholds” a “King of the Hill”, one evitare il problema della prima versione. Funzionò alla grande, e seguirono alcune altre feature come la possibilità di non incrementare il rateo di punteggio all’aumentare dei giocatori, cosa che non solo incoraggia l’individuo a giocare più aggressivamente, ma spinge il gameplay verso azioni di squadra più profonde dove si può avere un compagno di squadra nella zona di conquista mentre voi e il vostro team potete fornire difesa da differenti punti di vantaggio. Permette anche di evitare che un intero team affolli una singola zona.

halo roaming king

La cosa che rende Roaming King più complicato da implementare sulle mappe rispetto ad altre modalità customizzate che ho visto è il sentiero da codificare per ogni singola mappa, che a causa dei loro differenti layout deve essere appositamente pensato. Non è semplice quanto incastrare un pezzo prefabbricato su una mappa e raggiungere immediatamente l’obiettivo prefissato. Ho dovuto impostare dei marcatori nel ruolo di vertici per le zone interessate e ho continuato a farlo per le successive. Inoltre, il tempo e le distanze devono essere costantemente calcolate per essere sicuri che le zone si muovano ad una velocità costante che si ripeta a ogni giro della mappa senza ritardi. Dopo qualche tempo Carson e io siamo riusciti a sviluppare uno foglio elettronico che si occupasse per noi di tutta la matematica. Tuttavia anche con il suo ausilio ci vogliono approssimativamente due ore per impostare le zone di movimento sulla mappa. Ora, immaginate di farlo più e più volte per alcune mappe quando il sentiero impostato necessita modifiche dopo averlo testato, e di aggiungerlo alle mappe tagliate o il cui tempo non era sufficiente. È un sacco di lavoro.

In generale, creare questa modalità da zero è stata semplicemente un’esperienza formativa. Sono venute alla luce diverse cose su cui non mi sono mai concentrato prima e che erano davvero importanti, come mettere insieme gli avvisi audio e video per indicare l’obiettivo o comunicare cose riguardo a esso in modo più chiaro. Altri due elementi vitali furono includere la possibilità di unirsi a partita in corso e tener conto della latenza nei calcoli di movimento delle zone.

Tutto sommato sono contento del completamento del progetto così che tutti possano goderne. Inoltre ciò mi permette di iniziare a lavorare ad altri progetti!

MartianMallCop ha inoltre voluto rassicurarsi che venissero menzionati i membri della community Nokyard, Yumudas, e SquallyDaBeanz, i quali lo hanno aiutato attraverso la forgiatura, lo scripting, e il processo di ottimizzazione delle mappe. Ha affermato che i loro contribuiti sono stati di incalcolabile valore durante i mesi di sviluppo, e che anche loro dovrebbero essere ringraziati a dovere per i loro sforzi.

E con questo salutiamo Unyshek e vi invitiamo a lanciarvi nel matchmaking online di Halo 5 Guardians per testare con mano Roaming King. Alla prossima!