Le novità di Doom Eternal dal QuakeCon 2018

Nuove armi, nuovi mondi, un sequel ancora più brutale

1

Dal 9 al 12 agosto scorsi il Gaylord Texan Resort and Convention Center in Texas ha ospitato l’edizione 2018 del QuakeCon. All’importante festival videoludico non poteva mancare la nuova, ruggente e furiosa dimostrazione del gameplay di Doom Eternal.

Sul palco del QuakeCon, Hugo Martin (Creative Director) e Marty Statton (Game Director) di Bethesda Softworks hanno tenuto una presentazione di poco meno di mezz’ora dove la rinnovata ferocia del Doom Slayer ha trovato spazio per mettere in mostra i muscoli.

DISTRUTTIBILITÀ CELEBRATIVA

L’armatura Praetor sfoggia ora un look più grezzo, armando il braccio sinistro con una letale lama retrattile posta sull’avambraccio e un potente cannone appena sopra la spalla.

Doom Eternal

Salta subito all’occhio il look smanicato del vestiario, un elemento di design che si affianca al concept di molti nemici per celebrare i dogmi classici della serie tratti da Doom II. In questo modo il prossimo titolo di Bethesda prende a piene mani dall’eredità di un classico del passato, e con i dovuti aggiornamenti propone un roster di avversari demoniaci familiare e brutalmente fresco.

Ugualmente fresco sarà il sangue che esigeremo dalle carcasse ostili dei nostri avversari grazie al Destructible Demon System. Il nuovo sistema di danno progressivo consentirà di osservare il progressivo accumulo dei danni sui mostruosi corpi degli avversari, come nel caso dell’Arachnotron qui sotto.

 

COAGULO VERTICALE DI STORIE

In Doom Eternal avremo comunque l’aggiunta di nuovi e interessanti nemici, come ad esempio il Marauder, le cui fattezze infernali ricordano spaventosamente quelle del Doom Slayer.

Tale somiglianza sarà ben motivata nel corso della storia di Doom man mano che quest’ultima si arricchirà di altri tasselli narrativi che, nel complesso, contribuiranno alla creazione di un universo di lore coeso e funzionale dedicato alla serie: il Doom Universe.

Gli occhi dei fan più attenti noteranno che il Marauder non è solo carne e metallo, ma si avvale della potenza di un’arma alimentata dal bagliore cremisi dell’energia dell’inferno, l’Argent. Il gameplay rivelerà un’altra arma forgiata in modo simile, ed entrambe si affiancheranno al prezioso artefatto visto nel precedente capitolo della serie: il Crucibolo.

La loro origine e il loro funzionamento sono tutte da scoprire e, a detta degli sviluppatori, basterà solo un poco di pazienza per conoscere la storia dietro ogni oggetto, personaggio e luogo di Doom.

Dopo una rapida spolverata all’armatura Preator, è tempo di avviarsi proprio alla scoperta di uno dei tanti luoghi che incontreremo: l’Inferno in Terra. Qui si terrà la prima parte del gameplay, dove potremo ammirare i 60 FPS stabili anche negli ambienti più affollati da spruzzi di sangue. Inoltre, si osserva in azione la brutale mod per il Super Shotgun chiamata Meat Hook.

Doom Eternal

Tale modifica all’iconico fucile consente di agganciarsi a ogni nemico per poi riavvolgere la catena del gancio e lanciarvi furiosamente contro di esso. Assieme alle abilità di scalata del Doom Slayer, questa mod consente di applicare nuove strategie di sterminio e aggiunge una notevole verticalità ai teatri di sangue di Doom Eternal.

KILLING ME CO-OPLY <3

Ma l’aggiunta al gameplay più significativa mostrata durante il reveal è l’incanto che la Mente di Bethesda ha progettato per la gioia di tutti: l’Invasione.

Doom Eternal

Scopriamo che sarà infatti possibile subire l’invasione della vostra campagna da parte di altri giocatori che vestiranno le carni di differenti demoni e tenteranno di interrompere il vostro camminodella vendetta.

La modalità dà a tutti la possibilità, completamente opzionale, di essere invasi o invadere la campagna di altri giocatori, anche in co-op! Inoltre, durante l’avventura vi è la possibilità di raccogliere vite extra da impiegare durante gli scontri tra giocatori. Tuttavia non abbiamo per ora i dettagli sulle modalità di invasione e il relativo scoring.

L’ultima dimostrazione di Doom Eternal si sposta su Phobos dove l’entrata in scena del Doom Slayer sortirà il giusto effetto sugli esseri inferiori. Non vogliamo anticiparvi nulla, quindi vi lasciamo al gameplay e a qualche concept art.

Vi ricordiamo che Doom Eternal sarà disponibile per Nintendo Switch, PC, PlayStation 4, e Xbox One a partire dal prossimo 28 dicembre 2018.

Ora perdonatemi ma debbo lasciarvi, il Doom Slayer si è introdotto nella struttura e intendo aggregarmi al party. E come disse un certo saggio “esattamente cosa ne farò ora di tutti questi proiettili?“.