Cyberpunk 2077 venne annunciato con un teaser nel lontano gennaio 2013, e ben poco ancora si sa di questo titolo, creato e in fase di sviluppo dal team di CD Project Red.

Pur non rilasciando nuove informazioni sul gioco e sullo stato dei lavori, durante un’intervista a PC Gamer, Marcin Iwinski, co-fondatore dello studio polacco, ha dichiarato che la saga di The Witcher, in particolar modo con l’ultimo capitolo, ha lasciato un segno profondo nelle loro vite grazie al suo enorme e meritato successo tra pubblico e critica, e che l’universo legato allo strigo non verrà in alcun modo abbandonato. Tuttavia lo studio ora è concentrato esclusivamente su Cyberpunk 2077.

Il titolo, che non ha ancora una finestra di lancio ma si paleserà presto con un nuovo trailer, avrà una componente online e Iwinski ha avuto modo di toccare l’argomento legato loot-box, commentando che, come con The Witcher 3, se un giocatore compra un titolo a prezzo pieno, ha diritto ad un prodotto completo, che offra svariate ore di gameplay e con “svariate”, si intende un range di circa 50-60 ore di gioco.

In termini di contenuti a pagamento, Iwinski li definisce intenzionalmente espansioni, e non DLC, in quanto si tratta di contenuti che offrono molte ore di gioco, mentre i DLC dovrebbero rappresentare piccole implementazioni gratuite, come per The Witcher 3.

L’obbiettivo finale è la soddisfazione del giocatore: non c’è pubblicità migliore di un giocatore felice che raccomanda un titolo ai propri amici.

E voi siete d’accordo con la politica di CD Project Red? Pensate che anche le altre case di sviluppo dovrebbero prendere esempio? Fatecelo sapere con un commento!