IMG_20140814_10082516 e 17 agosto. Sabato e domenica, gli ultimi giorni in cui la Gamescom  aperta al pubblico ed ultimi due giorni della nostra permanenza a Köln. Buona parte dello staff di 343 Industries è ripartito per gli Stati Uniti, solo Bravo, il fantastico Community Manager, resta in Germania, con il preciso incarico di presiedere il torneo di Halo sulla Master Chief Collection.

È sabato mattina e, come gli altri giorni, ci dirigiamo verso la Koelnmesse nel clima piovoso di questa settimana d’Agosto. Poichè non abbiamo appuntamenti importanti in mattinata, ci alziamo con calma e arriviamo ai padiglioni della fiera verso le 11.00. Complice forse anche l’orario, non troviamo la folla che ci eravamo aspettati. Essendo il weekend ci aspettavamo molta più gente, non tanto in coda per entrare, visto l’orario, ma anche all’interno della fiera. Eppure… Tuttavia noi non ci lamentiamo, anzi, e felici di non dover navigare in un mare di folla, ci addentriamo all’interno della Koelnmesse.
Guardiamo con aria di nostalgia l’ingresso per il corridoio e i padiglioni riservati dell’area buisness, ormai chiusi ed in via di smantellamento. Ci mancheranno quella pace e quella tranquillità, che nei giorni precedenti abbiamo potuto trovare solo in Sala Stampa. Peccato che sia posizionata dalla parte opposta della fiera, costringendoci ad attraversarla tutta in un mare di gente.

DSCN1219

Per prima cosa ci dirigiamo ai padiglioni ESL dove entriamo in possesso dei pass per accedere alle loro aree riservate e, con i badge in mano, marciamo spediti verso il padiglione del torneo della Master Chief Collection.
Il torneo si svolge interamente su Halo 2 Anniversary ed è ad eleminatorie. Due squadre da 4 si affrontano e quella che vince continua la corsa, sfidando la successiva, fino a raggiungere il primo checkpoint di 5 vincite consecutive. Chi poi effettua il maggior numero di vittorie verrà candidato agli ottavi, entrando a far parte del torneo vero e proprio. C’è da dire che solo a raggiungere gli ottavi c’è una vincita di 500€.
Senza pensarci due volte, decidiamo di partecipare. Grazie ai nostri pass riusciamo a giocare abbastanza subito, solo per vederci asfaltati dal team nemico. Dopo l’enorme svantaggio iniziale riusciamo a recuperare leggermente la partita ma alla fine il trionfo nemico è inconstrastato. 50 a 21. Considerando che noi era la prima volta che giocavamo insieme e che non avevamo nessuna coordinazione, al contrario del team nemico.
Pesti ma non del tutto stupiti del risultato, lasciamo il posto al team successivo, per dirigerci nuovamente ad esplorare la fiera. Dopo una piccola pausa pranzo in Sala Stampa, torniamo ad esplorare nuovamente la fiera. Un salto tra le bancarelle ed uno tra i padiglioni dei giochi Indie. Rimaniamo esterefatti davanti alla bellezza di SUPER SHOUTGUN DEFENSE 2 DX. Se non sapete cosa sia scopritelo, penso di non aver mai riso così tanto.

DSC_0133

Lasciamo la Koelnmesse abbastanza presto, verso le 19. Un giro in centro a Köln l’ultima sera è assolutamente d’obbligo. Nella ricerca di un posto dove cenare ci imbattiamo in un immenso negozio della Lego, chiuso da appena una manciata di minuti. Urla e pianti salgono al cielo quando scopriamo di non poter visitare così tanta bellezza in mattoncini da vicino.
Dopo aver cenato in un ristorantino carino e dopo esserci fatti spennare per l’acqua (5,90€ per un litro d’acqua!! Ma scherziamo!?) e dopo un giretto in centro sotto la bellissima cattedrale, torniamo in hotel, per la nostra ultima notte a Köln.

Domenica la sveglia è nuovamente abbastanza presto. Tempo di sistemare le nostre cose e di chiudere le valige, che ci dirigiamo per l’ultima volta alla Gamescom. Oggi c’è più gente di sabato, essendo le 9 del mattino, ma comunque non quanta avevamo immaginato.
Entriamo dunque in fiera e, dopo aver raggiunto a fatica la Sala Stampa, lasciamo in custodia i nostri bagagli, per poi dirigerci al “teatro” di ESL, pronti per seguire la diretta delle ultime fasi del torneo della Master Chief Collection. Troviamo posto e, dopo esserci accomodati, possiamo dedicarci al grande schermo, posto alle spalle dei due team concorrenti, sul quale un simpaticissimo Bravo sta parlando assieme ad un presentatore di Twitch della Collection. Ci viene instantaneamente da salutarlo, realizzando solo successivamente di essere rivolti ad uno schermo. Dopo diversi minuti l’attesa finisce e il primo quarto di finale ha inizio.
Il team rosso vince di un pelo su Shrine ma ha decisamente la meglio sugli avversari su Zenith. Essendo la sfida al meglio dei tre, passano in semifinale. Il secondo quarto vede invece il trionfo dei blu, che si sfideranno con il team precedente per l’accesso alla finale.

Purtroppo il tempo passa troppo in fretta e sono già le 12:30. Siamo dunque costretti a lasciare il padiglione, perdendoci così i match successivi. Torniamo in Sala Stampa dove mangiamo e recuperiamo i nostri bagagli. Siamo dunque pronti a partire, dobbiamo raggiungere Düsseldorf per poter prendere il nostro volo, che decolla alle 16:40. Alle 14 riusciamo ad arrivare in stazione ed a prendere il treno per l’areoporto. Essendo leggermente in ritardo sulla tabella di marcia, i nostri pensieri in quel momento vanno al volo, più che alla Gamescom, che per noi è giunta alla sua conclusione. È però in areoporto, con un attimo di calma, che possiamo riflettere su quanto accaduto.
La più grande fiera d’Europa, una delle più importanti al mondo è così terminata. Una fiera che è stata protagonista di moltissimi giochi, che ha visto un’assaggio della Next Gen che ci attende per la fine del 2014 e l’inizio del 2015, così importante per Halo ed in secondo luogo anche per Destiny, è costretta a dirci addio. Una delle esperienze più ricche ed intense è giunta al termine, se solo ripensiamo a cosa abbiamo vissuto in questi giorni veniamo sommersi da un mare di ricordi e di immagini.
Era solo lunedì 12 che siamo arrivati qui, a Köln, eppure sembra essere passato un mese. E mentre l’aereo si alza in volo, diretto verso l’Italia, cerchiamo di guardare dal finestrino quella che è stata la nostra casa per una settimana ma le nuvole ci privano persino di questo ultimo saluto. Con il cuore gonfio di ricordi e di esperienze, ci dirigiamo in volo verso casa, felici di aver vissuto un’esperienza così incredibile e di essere riusciti a raccontarvela filo e per segno.
Speriamo di essere riusciti nel nostro intendo di avervi fatto sentire al nostro fianco in questi giorni, di essere riusciti a portare la parola della community italiana nel mondo della Gamescom.

Lo Staff:

Daniele B., Daniele S., Giacomo

Un ringraziamento particolare va a Mattia Granito, amministratore di Kingdomgame.it, che ha accompagnato noi del 17K in questo viaggio. Molte foto e video che avete letto negli articoli sono stati effettuati da lui e anche a Mattia va il merito di averci fatto scoprire tantissimo della fiera che da soli non saremmo mai riusciti a fare.

DSCN1238