the witcher 3 wild hunt

Era noto già prima del lancio che The Witcher 3: Wild Hunt sarebbe stato l’ultimo capitolo della storia di Geralt di Rivia. È stata un’ottima conclusione, quella della trilogia dello Strigo ispirata dai romanzi di Sapkowski, su questo non c’è ombra di dubbio. Tuttavia è altrettanto innegabile che il successo ottenuto dall’ultima iterazione della saga non abbia fatto altro che rendere più forti le voci di coloro che desidererebbero la messa in produzione di un nuovo capitolo.

CD Projekt Red sta attualmente lavorando a pieno ritmo su Cyberpunk 2077, ma il CEO della compagnia, in un’intervista, ha accennato ai piani futuri del team di sviluppo.

Adam Kiciński – parlando alla redazione di Strefa Inwestorow – ha ricordato che, nonostante la trilogia fosse stata ufficialmente conclusa con Blood & Wine, CD Projekt Red possiede ancora i diritti sulla proprietà intellettuale. Questo rende “probabile” un ritorno al mondo di The Witcher, perché sia i fan che gli investitori sarebbero delusi del contrario.

Blood and wine

Presumibilmente il nuovo gioco potrebbe essere ambientato in un periodo diverso, o con nuovi personaggi. Kiciński, ovviamente, non è entrato nei dettagli. Quest’ultima dichiarazione ricalca un po’ le linee di quelle rilasciate in passato da altri membri del team di sviluppo, e non può fare altro che farci sperare bene in merito ad un nuovo capitolo ambientato nell’universo di The Witcher. Per il momento, riteniamo che sia più giusto che gli sviluppatori si concentrino  sul gioco di carte Gwent e sull’ambizioso Cyberpunk 2077. “Perché ambizioso”, dite? Avete letto che, secondo questi ultimi rumor, la mappa sarà ben quattro volte più grande di quella di The Witcher 3?