Ormai è confermato: i forzieri, o loot box, che si otterranno nelle modalità multigiocatore della nuova fatica di Sledghammer, Call of Duty WW2, conterranno solo oggetti puramente estetici che potranno essere utilizzati dal giocatore per personalizzare il proprio personaggio, le proprie armi e via discorrendo.

Lo conferma il CEO di Sledgehammer stessa, Michael Condrey, che dichiara che tale decisione è stata presa per evitare che si vengano a creare match troppo sbilanciati e svantaggiosi per coloro che non hanno avuto molta fortuna nell’aprire i forzieri. In particolare, Condrey pone l’accento su come le varie skin e oggetti di personalizzazione che i giocatori troveranno all’interno di tali loot box del nuovo Call of Duty non avranno un aspetto particolarmente fantasioso, eccentrico o sgargiante come nei titoli precedenti a causa dell’ambientazione storica del titolo.

Non vedremo più oggetti cosmetici di questo genere. Per fortuna, o purtroppo. Dipende dai punti di vista

Decisamente stonerebbero con l’ambientazione storica del titolo e sembra che Call of Duty stia lentamente abbandonando quella giocosità e quel “non volersi prendere sul serio” del capitolo precedente.
Siete d’accordo con questa scelta di bilanciamento del team Sledgehammer? Fatecelo sapere con un commento qui, sul nostro sito, o sulla nostra pagina Facebook.