Uncharted: L'Eredità Perduta

Nonostante l’ultimo capitolo di Uncharted rilasciato sia da considerarsi probabilmente anche come l’ultima avventura di Nathan Drake, Naughty Dog non sembra intenzionata a chiudere l’intero universo che girava intorno al protagonista.

Durante un intervista a Eurogamer il direttore creativo dell’ultimo capitolo della serie Shaun Escayg ha dichiarato:

Affermare che il mondo di Uncharted sia concluso… Ne dubito fortemente.

Il nuovo capitolo in arrivo si presenta come un espansione standalone in cui faranno il loro ritorno diversi vecchi protagonisti della serie (escludendo completamente Nathan Drake); Escayg infatti crede che questo sia l’approccio migliore per il futuro della serie:

Non direi che siamo alla fine. Questo mondo pieno di ladri è vasto. Ci sono così tanti personaggi. Prima ancora di focalizzarci sulla storia dell’Eredità Perduta, abbiamo studiando Sullivan, abbiamo analizzato Cutter, e li abbiamo confrontati l’uno con l’altro, pensando a cosa avrebbe potuto funzionare, cosa avrebbe potuto generare un conflitto, cosa li avrebbe fatti crescere, insomma abbiamo pensato a qualcosa di nuovo, di fresco. E Chloe è stato il personaggio chiave, quello che continuava ad emergere durante i nostri discorsi.

Un’altra possibile soluzione per l’avanzamento della saga potrebbe essere quella suggerita dal finale di Uncharted 4, che tuttavia per sicurezza eviteremo di spoilerarvi.

Siamo a questo punto curiosi di vedere come e se questo approccio standalone funzionerà, il 22 Agosto, data di uscita dell’Eredità Perduta.

Sicuramente la presentazione dell’E3 non è stata niente male, bisognerà comunque vedere per quante tempo questa espansione riuscirà a tenerci incollati al televisore, sperando in, almeno, una decina di ore.