The Division è certamente un dei giochi più travagliati del 2016, ricordiamo l’enorme hype intorno a questo gioco e il successivo enorme successo di vendite: ben oltre i 10 milioni di pezzi nella prima settimana.

Purtroppo però non tutte le ciambelle riescono con il buco e l’MMOTPS pubblicato da Ubisoft e sviluppato da Massive incontra subito una serie di problemi tecnici che ne mettono profondamente in crisi il gamaplay, inoltre, sopratutto sulla piattaforma PC, dilagano cheaters e bug piuttosto gravi. Infatti, dopo solo un mese, quasi il 70% dei giocatori abbandona il gioco, frustrato da questi problemi. A nulla sono serviti i tentativi di migliorare la situazione con le patch 1.1, 1.2 e 1.3.

Quando ormai la situazione era disperata, Massive ha fatto una sana doccia di umiltà e ha cercato di sistemare le cose come meglio poteva; citiamo le parole di  Anne Blondel, VP of live operations:

“E dalla pubblicazione della Patch 1.4 che gli utenti attivi stanno costantemente aumentando, probabilmente perché molte persone si sono rese conto della incredibile quantità di cambiamenti che abbiamo introdotto con questo aggiornamento. Purtroppo alcuni giocatori hanno lasciato The Division sin troppo presto e allora abbiamo dovuto scegliere tra continuare a pubblicare contenuti extra o fermarci e sistemare la situazioni una volta per tutte e poi pubblicare i nuovo contenuti. La seconda scelta si è dimostrata vincente e sebbene alcuni utenti abbiano protestato per il ritardo dei DLC alla fine abbiamo avuto ragione perché ora la gente gioca con molta più soddisfazione.”

In effetti abbiamo notato questo enorme ritorno in auge di The Division, voi cosa ne pensate?
Se cercate agenti come voi entrate nella community di The Division più attiva d’italia: Green Zone.