Disponibile da oggi per dispositivi iOS, come iPhone e iPad, Carbon Warfare il primo simulatore sul Riscaldamento Globale.

Carbon Warfare è un vero e proprio simulatore creato per sensibilizzare le persone sul delicato e attuale problema del riscaldamento globale, attraverso esperienze realistiche. Il gioco arriverà anche su Android il 22 Novembre.

Nel gioco rappresenteremo un’entità malvagia che ha lo scopo di distruggere il nostro pianeta alimentando l’investimento di combustibile fossile come primaria fonte di energia per le industrie, il trasporto e il riscaldamento. A noi il compito di trovare il giusto equilibrio tra industrializzazione e disastri ecologici affinché l’umanità realizzi l’imminente estinzione e si adoperi al fine di trovare una soluzione contro le emissioni di carbone.

Citiamo le parole degli sviluppatori.

Perchè portare l’apocalisse?

Simbolicamente, lanciandolo durante la conferenza COP22 che si tiene a Marrakech dal 7 al 18 Novembre, Carbon Warfare vuole essere parte di un tentativo di educare il pubblico senza moralizzare o essere paternalistici. Il gioco è basato su proiezioni scientifiche di cosa accadrebbe se la temperatura media della terra si alzasse da 15° a 21°. Il divertimento e l’esperienza coinvolgente che il gioco fornisce, spinge il giocatore ad apprendere scrupolosamente i meccanismi e le cause del riscaldamento globale al fine di padroneggiarle per vincere il gioco. Il potenziale educativo di Carbon Warfare si basa sia su delle fondamenta scientifiche che riproducono le conseguenze del riscaldamento globale sia su un gameplay veramente immersivo.

Incoraggiando un’intensiva produzione agricola, la produzione di SUV o l’investimento nel carbone e nella costruzione di oleodotti, il gameplay di Carbon Warfare fa da insegnate riguardo i vari aspetti del riscaldamento globale e simula accuratamente i disastri naturali che mettono alla prova la società moderna. Incendi, Tempeste di Sabbia, Alluvioni e l’Annientamento delle città sono gli obbiettivi che contribuiscono all’effetto domino che metterà in pericolo il delicate equilibrio naturale della Terra.

screenshot01

L’aspetto scientifico del gioco è stato sviluppato con la partecipazione di Yoram Bauman, un economo ambientale dell’Università di Washington nel Programma dell’Enviroment Bainbridge School, e la collaborazione della Lakeside School.

Gilles Langourieux, CEO di Virtuos, spiega: “Noi vogliamo fornire un gioco che provochi una grande sensibilizzazione sociale attorno ai pericoli e alle conseguenze del riscaldamento globale sul nostro pianeta se non cambiamo abbastanza velocemente. Carbon Warfare è un modo fresco e nuovo di portare questo messaggio attraverso un’esperienza di gioco coinvolgente ed immersiva, e siamo veramente impazienti di vedere come reagiranno i giocatori».

Come giocare a Carbon Warfare

Per trionfare nella missione di distruzione della Terra, dovrete gestire con cura 3 variabili: Profitti, Emissioni di CO2 e Consapevolezza. I Profitti vi permetteranno di investire in più industrie che produrranno una sempre maggiore quantità di emissioni di CO2. Queste emissioni causeranno l’innalzamento della temperatura globale, sbloccando nuovi disastri naturali con i quali colpire le città del mondo.

Potrete anche comprare campagne pubblicitarie per ridurre la consapevolezza pubblica sulle vostre ignobili gesta. I vostri avversari denunceranno le vostre azioni e raccoglieranno fondi per finanziare la ricerca scientifica per sviluppare soluzioni energetiche pulite. Creare distrazioni per deviare l’attenzione pubblica dalle vostre azioni sarà fondamentale per il successo: una volta anche le popolazione verrà a conoscenza dei vostri loschi affari, le vostre chance di vittoria svaniranno.

screenshot04

Gestire le 3 variabili vi darà la possibilità di scegliere differenti forme di attività inquinanti a seconda di quali variabili avrete preso più in considerazione. Dovrete adattare la vostra strategia alle caratteristiche dei differenti continenti per poter distruggere il mondo. Per esempio investire in Europa porterà un grande profitto, una bassa emissione di carbone e alzerà rapidamente l’indice di consapevolezza della popolazione. Investimenti industriali simili in Africa causeranno invece un basso profitto ma non innescheranno alcuna reazione di crescita della consapevolezza come nel resto del mondo.

6 scenari saranno disponibili, permettendo ai giocatori di concepire diverse strategie e provare ogni singolo aspetto del gioco. Ci sono 3 difficoltà per ogni scenario, donando una fantastica rigiocabilità ai più appassionati distruttori di mondi. Molti altri scenari verranno rilasciati dopo il lancio di Carbon Warfare il 17 Novembre, aumentando molto le possibilità di assicurare una consapevolezza duratura per i tanti giocatori che distruggeranno la nostra preziosa Terra più e più volte!