Con le dure parole riportate nel titolo Shahid Kamal Ahmad, Ex Strategist Content Director di Sony, risponde a tutti coloro che hanno usufruito del rimborso dopo aver giocato per molte ore al titolo.

Che No Man’s Sky sia stato accolto in maniera decisamente negativa a causa della pubblicità sul limite dell’ingannevole e del hype da questa creato non è un segreto, tanto che Steam, Amazon e Sony si sono presi carico di rimborsare qualsiasi acquirente insoddisfatto dal titolo (rimuovendo il limite di due ore di gioco presente su Steam per i rimborsi).
Il gioco continua a far scalpore quando l’ex Strategist Content Director di Sony, che aveva permesso alla casa nipponica di ottenere il contratto in esclusiva col titolo indie, ha iniziato ad inveire contro coloro che chiedono il rimborso, questi i suoi tweet:

E voi cosa ne pensate? La mossa dei giocatori, delusi da un gioco al quale hanno giocato per ore e ore sperando in una svolta e non trovandola hanno chiesto rimborso è corretta?