Halo-5-Guardians-Multiplayer-Beta-Empire-Overwatch.0Eccoci ancora una volta al consueto appuntamento con l’Halo Canon Fodder, pronti ad approfondire ancora punti chiave dell’universo Halo!

Siamo giunti alla sua cinquantesima edizione, e questo la dice lunga sull’incredibile ed appassionata fanbase di Halo. Questa settimana iniziamo a trattare temi di Halo 5: Guardians che potrebbero essere considerati spoiler, mentre nelle prossime settimane verrà approfondito il tema tecnologia, come la seconda stagione di Hunt the Truth sia legata agli eventi dell’universo Halo e sì, si parlerà anche delle navi Sangheili.

READ BETWEEN THE LINES

“Jeff mi ha chiesto se creerei un “post-mortem riguardo la creazione della trama di Halo 5” che sarebbe praticamente il titolo per un libro. Ma dopo averci riflettuto, credo possa servire per aprire una finestra sullo sviluppo di Halo 5 per fare un piccolo passo in alto verso la montagna che il lavoro riguardante Halo 5 rappresenta.
La prima cosa da considerare per quanto riguarda la creazione di un titolo come Halo 5 è che ogni secondo di ogni giorno, tra un team di centinaia di persone, vengono prese decisioni ed ogni decisione presa produce un effetto domino su tutte le altre decisioni che verranno prese.
Ogni poligono, ogni riga di dialogo, ogni texture, ogni mappa attraversa questa stessa follia.
Per illustrare la più piccola parte di questo processo, vediamo cosa abbiamo passato per sviluppare il team Osiris.

La storia di Osiris in realtà inizia col Fireteam Majestic, perché in un universo parallelo vicino, sono loro le star di Halo 5. Mentre stavo parlando con Frank O’Connor riguardo l’unirmi a 343, lui ha chiarito che c’era un desiderio di ampliare il numero di personaggi dell’universo Halo nei videogiochi. Questo è già cominciato con Halo 4 con l’introduzione di personaggi come il Capitano Lasky e Palmer, continuando con le Spartan Ops con Roland, Dr.Glassman ed altri Spartan e Fireteam, incluso il Fireteam Majestic.
Appena il direttore creativo Tim Longo venne a bordo e la storia di Master Chief e Cortana si sviluppò, divenne chiaro che Majestic era il team sbagliato da inviare sul campo per questa missione. Quindi abbiamo spostato Majestic in panchina e creato un team apposito per quello scopo. Il Fireteam Kodiak, Artemic, Zodiac? Hmmm…

Se vorrete mai sperimentare la pazzia, fatevi coinvolgere in una discussione per la scelta di nomi in un progetto grandissimo. Ci saranno lavagne bianche coperte di candidati e discussioni via email che andranno avanti per giorni dato che ogni singola persona di ogni dipartimento ha un’opinione sul perché ogni nome non vada bene eccetto quello che preferiscono. Quindi prima di usare un vero e proprio nome, assegnamo tanti nomi in codice, ecco perché abbiamo iniziato col Fireteam Kodiak/Artemis/Zodiac con gli Spartan Smith, Jones e Brown.
Questi tre erano così incerti che in questa fase non avevano neanche un sesso attribuito, erano solo il nostro nuovo Fireteam e ci avrebbero aiutato a rendere Halo 5 un gioco concentrato sulla cooperazione.

Il primo obiettivo del team Narrativa era decidere chi sarebbe stato il caposquadra del nuovo Fireteam. Abbiamo cominciato col pensare che lo Spartan Smith sarebbe potuto essere un agente ONI reclutato nel corpo Spartan, inizialmente pensandolo come “il figlio di James Bond e Lara Croft”, perché quei due personaggi avevano tutte le caratteristiche che volevamo avesse anche il nostro caposquadra. Smith sarebbe stato lo Spartan da spedire in posti assurdi per cercare bersagli che non avrebbero voluto essere trovati. Quest’idea ci ha portato alla creazione delle acquisizioni ONI, ed abbiamo cominciato a pensare a Smith come un precedente assassino dell’ONI che ha preso momentaneamente il ruolo di eroe.
Tutto ciò ci ha dato un personaggio che ha passato la propria carriera militare assicurandosi che nessuno conoscesse la sua identità ed abbiamo deciso che l’avremmo conosciuto più osservando le sue azioni ed il modo di comportarsi coi propri compagni di squadra sottoposti.

Una volta deciso vagamente chi fosse il leader, abbiamo continuato ad assemblareil resto del team. Anche se avevamo scartato Majestic come gruppo adatto alla missione di Halo 5, ci è piaciuto Thorne e volevamo renderlo coinvolto in qualche modo. La sua visione del mondo come un posto potenzialmente buono si sarebbe accostato bene alla figura del cinico Spartan Smith, “ogni bersaglio è solo un altro bersaglio”.
Thorne sarebbe anche stato un punto di collegamento per i fan.
Ci è piaciuta anche Palmer e l’abbiamo subito candidata come possibile sostituta di Thorne per affiancare lo Spartan Smith. Poi abbiamo anche pensato all’inserirli entrambi in squadra.
Per alcune settimane abbiamo avuto Smith, Thorne, Palmer e lo Spartan Jones (uno spartan esperto in linguaggi alieni).

Una volta aver messo in piedi la trama, abbiamo continuato a lavorare nei dettagli del nostro Fireteam. Lo Spartan Jones è diventato lo Spartan Vesper, ma sembrava essere troppo “bambina prodigio”, quindi abbiamo lavorato al far maturare la sua voce pur non privandola della sua innocenza.

Il primo grande e definitivo cambiamento al team è arrivato quando abbiamo avuto l’idea di Meridian come un pianeta vetrificato estraneo alla giurisdizione UNSC. Volevamo qualcuno che avrebbe rappresentato la nostra finestra in quel mondo, ed abbiamo rimpiazzato Palmer (di cui c’era comunque bisogno in altre parti della storia di Halo 5) con lo Spartan Song. La sua storia è iniziata con “cresciuta all’esterno dell’UNSC” fino ad arrivare ad includere la sua sopravvivenza alla vetrificazione del suo pianeta natale.

A questo punto erano passati mesi dall’inizio dello sviluppo, e Thorne sembrava andare bene nel team vista la sua personalità. Ha cacciato ed ucciso come Smith, subito perdite come Song ed ha avuto una certa curiosità verso la galassia come Vesper.
Dato che stava andando tutto bene, non avremmo dovuto essere sorpresi di un cambio di rotta programmato dagli dei. Eithan Peck, l’attore che interpretava Thorne, non era disponibile riguardo un progetto collaterale.
Con Thorne fuori dal team Osiris, ci siamo chiesti che personalità sarebbe stata in armonia col resto del team. Abbiamo pensato ad uno Spartan completamente nuovo, ma ci serviva qualcuno di già stabilito in precedenza e neanche un membro della Squadra Blu ci sembrava adatto.

Qualcuno ha proposto in modo scherzoso che avremmo dovuto usare Buck dato che la sua personalità gioviale sarebbe stata la perfetta controparte da affiancare al professionale Smith, sarebbe stato in grado di far aprire Song riguardo il suo passato e la differenza di età tra i membri del team avrebbe fatto vedere Vesper come sorella minore.
In effetti, fu proposto per scherzo, e Nathan Fillion era già occupato con una serie tv di nome Castle… ma per un miracolo che ancora non comprendo fu disponibile a prendere parte al nostro progetto.
Mentre ci stavamo occupando della sceneggiatura e del doppiaggio, siamo tornati a prendere le decisioni finali riguardo i nostri nomi. Smith divenne Locke, Vesper e Song divennero Vale e Tanaka, i loro personaggi continuarono a maturare e a dare vita e forma al Fireteam Osiris come lo conosciamo.

Tornando al discorso precedente, come dicevo, questo è stato un riassunto velocissimo di una follia durata più di 2 anni. E questo solo per 4 personaggi. Ora estendete tutto ciò all’intero gioco e moltiplicatelo all’infinito. Letteralmente ogni sfaccettatura di ogni pezzo di Halo è toccata da centinaia di sviluppatori.
Ci sono poche persone di noi che prendono decisioni riguardo cosa è importante e cosa no, ma la verità è che abbiamo un esercito alle nostre spalle.
E’ un onore ed un privilegio essere parte di questo incredibile team.

Per tutti voi esterni alle sale di 343 che state leggendo, grazie per esservi uniti a noi in questa avventura, comprese quelle che seguiranno.

-Brian Reed

SUSTAINABLE ARMORY

1

Molto presto pubblicheremo il primo caposaldo di Halo 5: Guardians, e tra le nuove modalità, mappe e skin contenute nell’aggiornamento “Battle of Shadow and Light” ci saranno anche altre nuove deliziose armature da provare e da aggiungere alla vostra serie di aperture di pacchetti REQ.
Mentre abbiamo lasciato qualche traccia lungo il cammino, abbiamo pensato che fosse stato carino raccontarvi la storia che amate.
Diamo un’occhiata alle storie dietro le armature SHINOBI e TRACER.

SHINOBI

ShinobiScoperta a bordo di un relitto di un cargo su Lacaille 9352, l’armatura SHINOBI non ha produttore o utente conosciuto. L’ONI continua a testare le tute recuperate per sbloccare quelli che sembrano essere molti livelli di funzioni nascoste. I sistemi vitali della SHINOBI restano criptiche “scatole nere” per gli analisti UNSC, nonostante i successi ONI dell’integrare l’elmo SHINOBI con le Mjolnir GEN2 standard e le relative interfacce neurali Spartan.
Pur consapevoli dei rischi coinvolti, l’ONI ha autorizzato il testing limitato dell’armatura SHINOBI per pochi S-IV selezionati segreti.

TRACER

TracerL’armatura di classe TRACER combina caratteristiche di altre Mjolnir per la raccolta dati sul campo in un nuovo pacchetto integrato. L’elmetto TRACER è caratterizzato da un nucleo dati Tier-III, il primo esempio portatile di un sistema computazionale così potente, ed un importante miglioramento rispetto a quanto trovato nella GEN2 base.
Inoltre, la TRACER ha la maggior parte delle capacità operative delle tute ENGINEER e TRACKER.

TRUTH & RECONCILIATION

11

Ch00path1ng4: Qual’era il nome della corazzata classe Marathon distrutta dalla Day of Jubilation durante l’incursione EVA di John-117 per rispedire la bomba durante la battaglia della Terra?

A: La UNSC Feeling Lucky ha combatutto con valore come parte della Quinta flotta della marina dell’UNSC durante la battaglia per la Terra.

FordFalcon1997: Come ha fatto Jul ‘Mdama a perdere il controllo dei prometeici del Didatta come in Halo 5?

A: L’estensione del controllo esercitato da ‘Mdama sulle forze prometeiche durante la campagna di Requiem era per la maggior parte basato sull’influenza e volontà dello stesso Didatta e meno sulla vera capacità di un comandante Sangheili di quel tempo. Appena Jul arrivò su Kamchatka, le forze prometeiche erano sotto una completamente nuova influenza…

EightWalk326413: A- Vedremo mai l’armatura classe DECIMATOR in Halo 5? B- L’armatura SPI è ancora in uso tra gli Spartan III, oppure è stata completamente rimpiazzata dall’armatura Mjolnir GEN2?

A: A- Sì.

B- Mentre la SPI è caduta quasi totalmente in disuso tra gli Spartan III operativi, alcune delle tecnologie fotoreattive hanno visto un limitato ma efficace uso in varie unità speciali ODST.

Sora Vran Rumil: Qual’è il nome del comandante che ha guidato i Covenant alla battaglia di Sunaion?

A: Mentre la battaglia di Sunaion è stata condotta da vari comandanti Covenant, un generale Sangheili identificato come Kitun ‘Arach, che secondo alcune fonti si dice abbia caricato la collina su Kamchatka aiutato da un’improbabile – tuttavia temporanea – alleanza col Fireteam Osiris. Mentre oltre le possibili implicazioni, queste particolari notizie non possono essere confermate.

ONIPHILES

oniphilesNormalmente alla fine di ogni edizione del Canon Fodder abbiamo evidenziato gli ultimi nuovi e/o articoli aggornati per popolare l’enciclopedia dell’Universo su Halo Waypoint ed Halo Channel, questa settimana potremmo fare qualcosa in più.
In aggiunta al nostro consueto carico di storia, vorremmo introdurvi un’intera nuova sezione dell’enciclopedia dell’Universo Halo: ONI FILES.
Molti fan di Halo hanno adorato la tradizione del franchise riguardo l’allentare i morsetti sulla trama tramite drop di informazioni casuali e documenti resi pubblici.
Dato che tenere traccia di tutte queste informazioni potrebbe risultare difficile, abbiamo creato la sezione ONI FILES, in cui potrete trovare tutte le informazioni aggiuntive comprese in tutti i giochi di Halo, come per esempio i terminali di Halo 3.
Continuate a tenere d’occhio quest’area, dato che potremo aggiungere nuovi documenti da un momento all’altro.
Qualcuno di voi potrebbe aver già visto, mentre altri… forse non abbastanza.

JACKPOT

In occasione della cinquantesima edizione del Canon Fodder, vorremmo condividere con voi alcune cose. Copie di Halo 5: Guardians, Halo 5: Guardians OST su vinile, Halo: Hunters in the Dark firmato dai più importanti scrittori della storia di 343 Industries e set di MegaBlocks a tema Halo.
Per partecipare e cercare di vincere, bisognerà semplicemente inviare un tweet a @GrimBrotherOne con l’hashtag #CanonFodder e dire il proprio aspetto preferito della fiction di Halo.
I vincitori saranno estratti casualmente ed annunciati nella prossima edizione del Canon Fodder. Per un’ulteriore chance di vittoria, semplicemente postate nella discussione riguardo questo numero del Canon Fodder, buona fortuna!

È tutto per questa edizione del Canon Fodder, continuate a seguirci! 😀