risis Core: Final Fantasy VII Reunion

Lo speciale evento streaming per il 25° anno di Final Fantasy VII non è stato solo importante per l’annuncio di Final Fantasy VII: Rebirth, la seconda delle tre parti totali che andranno a comporre il progetto iniziato con FFVII: Remake, ma anche perché ha visto l’annuncio di Crisis Core: Final Fantasy VII Reunion, ossia una rielaborazione dell’opera pubblicata nel 2008 su PSP.

Visto tuttavia le modifiche apportate da Square Enix a FF7, in molti hanno iniziato a domandarsi se anche questa nuova versione di Crisis Core avrà o meno delle modifiche di trama (magari proprio per adattarsi alla trilogia del Remake).

Sui cambiamenti in generale è intervenuto il producer Yoshinori Kitase che, in una intervista ad IGN, ha risposto che “Dato che Final Fantasy 7 è stato un titolo amato per 20 anni, abbiamo voluto assicurarci che questo nuovo progetto, quello di Final Fantasy 7 Remake, venisse amato per altri 20 a venire. [..]”

Parlando in maniera specifica di Crisis Core, invece, Kitase ha voluto rassicurare tutti, spiegando che “FF7 Remake ha rappresentato un nuovo punto di partenza per un Final Fantasy 7 e perciò abbiamo deciso di espanderne la storia. Tuttavia, Crisis Core Reunion è una remaster ed è pertanto ancora una espansione della storia dell’originale Final Fantasy 7. Per questo non abbiamo voluto allontanarci troppo da esso“.

Altresì, Kitase ha dichiarato che al momento “non ci sono piani” circa l’aggiunta di nuovi elementi come nuove side quest o storyline aggiuntive.

Vi ricordiamo che la pubblicazione di Crisis Core: Final Fantasy VII Reunion è prevista per questo inverno su PC, PlayStation 5, PlayStation 4, Xbox Series X/S, Xbox One e Nintendo Switch, anche se non è stata svelata una data o una finestra di lancio più precisa.