Fallout

L’evento Microsoft-Bethesda di domenica sera ha visto molti nomi importanti in ambito videoludico fare la loro comparsa nel corso dello show. Tra un nuovo trailer di Hollow Knight: Silksong e l’annuncio di una partnership tra Kojima Production e il colosso di Redmond, il punto più alto della conferenza è certamente stata la presentazione dell’atteso primo video gameplay di Starfield, prossimo e ambiziosissimo progetto della casa di Fallout e The Elders Scrolls.

Ovviamente, in questi giorni gli addetti ai lavori stanno diffondendo varie e nuove notizie su Starfield, ma pare che Bethesda abbia intenzioni ben precisi anche per le altre sue IP.

In una recente intervista con il noto portale di informazione IGN, il Director Todd Howard ha discusso di vari argomenti, soprattutto inerenti i piani futuri dello studio, confermando che Bethesda è già più che convinta a voler sviluppare un prossimo Fallout 5, anche se ciò avverrà soltanto dopo aver rispettato determinate condizioni, ossia l’aver pubblicato prima Starfield and The Elder Scrolls 6.

Sì, Elder Scrolls 6 è in fase di pre-production e, sapete, dopo di esso ci metteremo al lavoro su Fallout 5, quindi la nostra tabella di marcia sarà bella piena per un bel po’. E abbiamo anche altri progetti che portiamo avanti nel frattempo“, ha dichairato Howard.

Altresì, nell’intervista si è anche parlato di come i titoli dello studio richiedano un lungo tempo di sviluppo e di come il team si stia impegnando per velocizzare il tutto ma mantenendo la miglior qualità possibile. “Richiedono del tempo per essere completati. Vorrei ci fosse un modo per farli uscire prima, davvero, e stiamo cercando in tutti i modi di farlo, ma vogliamo che la loro qualità sia al massimo possibile

Dopo un Fallout 4 che ha deluso le aspettative di molti e un F76 al lancio ancor più problematico (qui la nostra recensione della versione PC), la prossima iterazione della saga post-apocalittica di Bethesda avrà quindi un ruolo ancora più importante, quello di riportare Fallout ai vecchi fasti ed è importante che il team si prenda tutto il tempo necessario.

Nel frattempo, tuttavia, potremo passare il 2023 ad esplorare i circa 1.000 pianeti, sparsi negli oltre 100 sistemi stellari, all’interno di Starfield ed approfondirne la sua componente ruolistica.