Lo aspettavamo e finalmente, a soddisfazione di molti, Starfield si è infine mostrato in maniera concreta.

Quella che è considerabile l’opera più attese dei Bethesda Game Studios, soprattutto dopo l’acquisizione della società da parte di Microsoft, è infatti tornata nuovamente a farsi viva all’evento Microsoft-Bethesda di oggi dopo un lungo silenzio dal suo annuncio in occasione dell’E3 2018 (inframezzato da notizie e dettagli che non sempre hanno saputo placare l’attesa).

Nel video di oltre 15 minuti, l’epoea spaziale di casa Bethesda ha mostrato molti dettagli interessanti, tra cui la possibilità di esplorare e combattere sia in prima che terza persona (con il nostro personaggio seguito dal robot VASCO), alcune feature di gioco e varie ambientazioni come il satellite Kreet e la città di New Atlantis; in quest’ultima abbiamo potuto ricevere anche qualche dettaglio su quella che dovrebbe essere la trama principale del gioco.

Come da tradizione Bethesda, nel corso della nuova presentazione di Starfield è stato dato spazio anche ad una prima occhiata alla personalizzazione del nostro alter-ego digitale, di cui potremo scegliere ogni particolare, sia per quanto riguarda l’aspetto fisico, sia dal punto di vista del background (in base al quale “passato” sceglieremo, ci verranno fornite diverse abilità iniziali e le relazioni con gli NPC subiranno dei cambiamenti). Durante la creazione del nostro personaggio ci troveremo inoltre a scegliere dei tratti unici, alcuni dei quali ci avvantaggeranno e altri ci svantaggeranno. Il sistema delle Skill, altresì, prevedrà diverse abilità da sbloccare salendo di livello e che potranno essere a loro volta potenziate usandole e completando sfide specifiche.

Sarà ulteriormente presente un sistema di crafting grazie al quale potremo realizzare diversi progetti di ricerca e mod per le armi. Altresì, come avveniva in Fallout 4, potremo costruire una nostra base che ci aiuterà a sopravvivere e nella raccolta delle risorse.

Per la gioia di molti, sarà inoltre possibile creare e personalizzare la propria nave spaziale con diversi slot e componenti, scegliere il nostro equipaggio e, naturalmente, sfruttare il tutto per esplorare e combattere nello spazio.

In termini di grandezza, Starfield promette di poter atterrare su ognuno dei 1.000 pianeti, sparsi negli oltre 100 sistemi stellari in gioco, e di poterli visitare in lungo e in largo, avendo nel contempo incontri ravvicinai con la flora e fauna aliene.

Starfield arriverà su PC e Xbox Series X/S, nonché disponibile sin dal lancio sul Xbox Game Pass. Al momento non è stata svelata la data di pubblicazione definitiva, restando un generico 2023 per la sua uscita sulle nostre piattaforme.