Call of Duty , pur con alti e bassi, resta sicuramente il franchise più popolare nell’industria videoludica. Tuttavia, appunto, la serie di Activision-Blizzard negli ultimi periodi ha subito parecchi “bassi” al punto che la compagnia ha apertamente ammesso che la sua ultima iterazione, Call of Duty: Vanguard, non è riuscita a soddisfare le aspettative.

Nonostante, infatti, le vendite di Vanguard possono sembrare abbastanza solide e continue, anche considerando che resta un titolo molto giocato sulle varie piattaforme nonostante la presenza gratuita di Warzone, se si paragonano i dati di vendita a quelli degli altri capitoli della serie, la questione assume tutto un altro aspetto. Come riportato dal portale VGC, infatti, Vanguard ha segnato il lancio peggiore della serie degli ultimi 14 anni, superato persino dal tanto chiacchierato e criticato Infinite Warfare, che avrebbe venduto un numero di copie superiori del 16% rispetto all’ultima installazione di CoD.

L’insuccesso di Call of Duty: Vanguard, come esposto da Activision-Blizzard nel rapporto annuale riferito al 2021, sarebbe da attribuire alla società stessa, che si è “incolpata” di non averlo lanciato al meglio. Altresì, secondo Activision il setting della Seconda Guerra Mondiale non avrebbe fatto presa su “parte della nostra community“, anche perché “non abbiamo fornito l’innovazione sperata nella versione premium del gioco“.

Si tratta di problematiche che, a detta del publisher, si cercherà di ovviare con il prossimo capitolo regolare della serie, ossia il nuovo Call of Duty: Modern Warfare 2, realizzato da Infinity Ward e che sarà un diretto seguito del remake del 2019 di Modern Warfare.

Vi ricordiamo che, nonostante la acquisizione di Activision-Blizzard da parte di Microsoft, questa ultima terrà fede agli accordi già stipulati e continuerà a pubblicare i prossimi Call of Duty anche sulle console Sony, così come i titoli Activision e Blizzard già annunciati come multipiattaforma non cambieranno destinazione diventando di colpo esclusive Xbox (s del resto già accaduto a Deathloop dopo l’acquisizione di Zenimax/Bethesda).