Square ENix Deus Ex

Che Square Enix non navigasse in acque propriamente calme è chiaro a tutti. Nonostante la buona risposta dell’utenza all’annuncio di Kingdom Hearts 4 e a Final Fantasy XVI che è entrato nelle fasi finali di sviluppo, negli ultimi anni la compagnia giapponese ha visto grossi passi falsi e/o giochi accolti in maniera poco calorosa, come i flop di Babylon’s Fall e Marvel’s Avengers, nonché Stranger of Paradise che non ha incontrato il favore del pubblico come sperato.

Nonostante queste premesse, in pochi si sarebbero tuttavia aspettati l’annuncio che è arrivato come un filmine a ciel sereno in queste ore: The Embracer Group, società che si sta sempre più espandendo nel settore videoludico acquisendo studi come Gearbox e THQ Nordic, ha siglato un accordo per l’acquisto di diversi studi e proprietà intellettuali di Square Enix.

Pur non trattandosi di una “vendita finale”, in quanto è un accordo preventivo che si riterrà soddisfatto soltanto nel corso di quest’anno, si tratta di una acquisizione dal valore di 300 milioni di dollari e che vede Square Enix cedere a The Embracer Group gli studi di Crystal Dynamics, Eidos Montreal e Square Enix Montreal.

Nell’accordo sono incluse le IP a cui gli studi hanno lavorato e/o di loro possesso, inclusi marchi importanti come Deus ExTomb RaiderThief, Legacy of Kain, ecc, in un catalogo di oltre 50 titoli. Sono ovviamente stati cedute anche le IP a cui gli studi stanno attualmente lavorando, con la conseguenza che anche il prossimo già annunciato capitolo della saga di Tomb Raider non sarà più targato Square Enix.