Geralt The Witcher

L’anno sembrava essere iniziato bene per CD Projekt Red. Non solo, infatti, Cyberpuk 2077 ha finalmente ricevuto il tanto atteso update next-gen e altre patch correttive, ma l’annuncio di un nuovo capitolo di The Witcher, stavolta realizzato con il nuovo Unreal Engine 5, aveva fatto ben sperare per il futuro della software house polacca, soprattutto per coloro che speravano in qualche aggiornamento sull’apprezzatissimo The Witcher 3.

L’ultima avventura dello strigo Geralt, che ha consacrato lo sviluppatore nell’olimpo videoludico nella scorsa generazione, avrebbe dovuto ricevere un aggiornamento per le console di nuova generazione a fine 2021, ma, come ben sappiamo, lo scorso ottobre CDPR ne annunciò il rinvio al secondo trimestre del 2022.

In molti si aspettavano quindi novità in merito ed in effetti finalmente qualcosa si è mosso, sebbene in senso abbastanza negativo.

Stando a quanto annunciato tramite l’account Twitter della serie, la realizzazione della versione next-gen di The Witcher 3, originariamente in fase di sviluppo presso gli studi di Saber Interactive (che già si erano resi autori dell’ottimo porting per Nintendo Switch), è adesso passata sotto un team interno di CD Projekt Red, che si occuperà di finire il lavoro iniziato da Saber. Ciò ha pertanto portato la società a rinviare a tempo indefinito la pubblicazione della versione nativa e della patch di aggiornamento per PlayStation 5 e Xbox Series X/S di The Witcher 3.

Come si può leggere nel comunicato ufficiale riportato qui sotto: “Abbiamo deciso di affidare ad un nostro team di sviluppo interno il lavoro restante sulla versione next-gen di The Witcher 3: Wild Hunt. Stiamo attualmente valutando il lavoro che deve essere svolto e pertanto dobbiamo rimandare la pubblicazione prevista per il secondo trimestre a data da destinarsi. Vi aggiorneremo appena sarà possibile. Grazie della comprensione“.