Xbox One, lo sappiamo, ha avuto un’esistenza travagliata. Un lancio ad un prezzo ben superiore alla concorrenza ed una line-up che sin dall’inizio non ha convinto in molti sono state solo alcune delle problematiche che impedirono alla console di Microsoft di prendere il volo e di affermarsi appieno nel settore come accaduto invece a PlayStation 4.

Tuttavia, grazie alla nuova gestione della sezione Xbox e alla volontà di distaccarsi dall’offerta della concorrenza, potenziando i servizi e puntando tutto sull’ormai immancabile Game Pass, la console del colosso di Redmond è riuscita infine a riprendersi e a preparare un’ottima pista di lancio per Xbox Series X/S.

Pere, però, che l’era di Xbox One sia destinata a tramontare, visto che Microsoft ha ufficialmente cessato (da ormai un anno) la produzione di ogni tipo di Xbox One.

Così come riportato e confermato dal portale The Verge, Microsoft ha continuato a produrre Xbox One, One X e One S/All Digital fino alla fine del 2020, lasciando completamente il campo nel 2021 alle console di nuova generazione. Una decisione che la stessa Microsoft ha deciso di giustificare dichiarando che “per concentrarci sulla produzione di Xbox Series X/S, abbiamo cessato la produzione di tutte le Xbox One alla fine del 2020“, come comunicato da Cindy Walker, Senior Director of Xbox Console Product Marketing.

La scelta di focalizzarsi sulle nuove console da una parte appare più che sensata, soprattutto se si considera il momento in cui è stata presa, ma oggi potrebbe avere tutto un altro effetto, soprattutto considerata la crisi dei semiconduttori che ha piegato il settore e che, insieme al bagarinaggio, non ha permesso a tutti gli interessati di fare il salto generazionale.

Voi cosa ne pensate di questa decisione?