La Warner Bros ha utilizzato un modello “Live Service” per i titoli più importanti pubblicati negli ultimi anni, offrendo un alto livello di supporto post-release (e una sfortunata fioritura di opportunità di guadagno attraverso le molto controverse micro-transazioni).

Con un buon numero di titoli in uscita tra 2021 e 2022 (alcuni dei quali hanno attirato molto l’attenzione del pubblico videoludico), WB Games pare abbia intenzione di mantenere questo approccio nei confronti delle nuove uscite.

Un annuncio di lavoro nel dipartimento di “Virtual Games Production” della WB Games ci mostra infatti tale intenzione riportando che il publisher è (traduciamo per il pubblico) “al momento impegnato in una varietà di nuovi progetti, con giochi che spaziano da casual a core e che coprono alcune delle nostre più famose franchise su tutte le piattaforme” e che in tali giochi avrà “una grande importanza l’elemento Live Service“.

Live Service Back 4 Blood

Il titolo più prossimo della WB Games è Back 4 Blood (in uscita a Giugno) e la sua natura di sparatutto co-op in prima persona incoraggia un modello di gioco simile. Sempre in uscita nell’anno corrente, anche Gotham Knights potrebbe aderire al Live Service, vista la centralità del gioco in cooperativa (nonostante gli sviluppatori neghino che sia stato concepito con quello in mente).

Tra gli altri titoli papabili per un simile trattamento figurano Suicide Squad: Kill The Justice League e Hogwarts Legacy, ambedue in uscita nel 2022 e, se Injustice 3 dovesse (e diciamocelo, probabilmente lo farà) uscire nei prossimi tempi, anche quello sarà probabilmente adatto a un simile approccio.

Continuate a seguirci su 17K Group e continueremo a tenervi informati!