Microsoft E3

Sapevamo già che molti dei giochi di nuova generazione non sarebbero stati giocabili sulle vecchie generazioni. Ma stavolta Microsoft vuole rompere questo taboo e per farlo utilizzerà tutta la potenza di xCloud che presto verrà implementato sulla console del 2013.

A dirlo è il boss della divisione Xbox, Phil Spencer, che in una recente intervista alla rivista online Kotaku, ha affermato che: “Pensando a Xbox One, assolutamente, crediamo che il cloud gaming sia un ottimo sistema per collegare le generazioni, permettendo alle persone di giocare a quei titoli. Non penso che tutto ciò disti anni di distanza. C’è solo del lavoro da fare, ma sappiamo come farlo.

xCloud

Nella stessa intervista Spencer ha parlato di come il lancio di Halo Infinite non sia essenziale per la console next-gen e di come si stia valutando di dividere il gioco in due pacchetti, uno multiplayer e uno sulla campagna. Simile per come è avvenuto a Call of Duty: Modern Warfare. Inoltre si è parlato anche di ciò che accadrà ai giochi sviluppati Bethesda, solo recentemente acquisita da Microsoft per 7.5 miliardi di dollari. L’head manager di Xbox non la manda a dire e afferma senza remore che: “non vedo il motivo per il quale i giochi Bethesda debbano arrivare da piattaforme diverse da quelle che già supportiamo, in ogni caso si deciderà caso per caso.

Voi cosa ne pensate della nuova tattica di Xbox? Tutto questo potrà rendere la Series X la console più venduta della prossima generazione? Continuate a seguirci per scoprirlo.