Dopo più di quattro anni di carriera, con la luce vista il 5 gennaio 2016 sotto il nome di Beam e dopo essere stato acquistato da Microsoft nello stesso anno, il tempo di Mixer giunge al termine, seguito della decisione di Microsoft di fondersi con Facebook Gaming per portare li i suoi contenuti.

Ancora non sono chiare le motivazioni dietro questa decisione, ma stando alle dichiarazioni ufficiali Facebook vorrebbe spingere i suoi streamer a scegliere nuove piattaforme dove portare i loro contenuti. Altre dichiarazioni sembrano affermare che la scelta è stata presa dopo aver capito che il tempo necessario per far crescere la loro community livestreaming sarebbe stato decisamente troppo per ciò che avevano in mente, da qui la decisione di chiudere Mixer e aiutare la community nel trasferirsi su una nuova piattaforma. Per quanto riguarda invece i motivi dietro cui sarebbe stata scelta proprio Facebook come piattaforma con cui allearsi vi sarebbero gli enormi numeri di persone che compiono attività legate al gaming, sul noto social oltre 700 milioni di persone infatti ogni mese giocano videogiochi, guardano video dedicati o interagiscono con le comunità dedicate al gaming. In altre parole dietro questa mossa potrebbe esserci la semplice volontà di vedere i propri numeri, sia di utenti che di guadagni, aumentati.

Per quanto riguarda gli utenti più attivi di Mixer, essi verranno ringraziati con Xbox Gift Card e mantenendo il loro status di partner anche su Facebook Gaming qualora lo fossero anche su Mixer, mentre a chi era nel programma di monetizzazione verrà garantito l’accesso al Facebook Gaming Level Up Program, dove potranno continuare a monetizzare i loro contenuti esattamente come facevano sulla piattaforma precedente. Per quanto riguarda personaggi famosi come Ninja e Shroud invece, veniamo a sapere tramite un tweet di Richard Lewis che questi hanno deciso di non proseguire la loro collaborazione con Facebook Gaming dopo questa decisione. Di seguito il tweet di Lewis.

A partire dal 22 luglio di quest’anno quindi, tutti i siti e le app che prima portavano a Mixer reindirizzeranno invece l’utente su Facebook Gaming.