Quando si parla di fumetti in Italia i più vecchi potranno dire Tex, Dylan Dog e anche Topolino, ma negli ultimi anni sono emersi fumettisti con un grandissimo talento, prediligendo un tratto stilistico minimalista, e tra questi c’è Simone Albrigi aka Sio.
Questo ragazzo ha conquistato il cuore di giovani e adulti dal suo lancio su piattaforma Youtube e nel tempo è riuscito a ritagliarsi una grossissima community con più di venti fumetti pubblicati dalle varie editorie. Super Cane Magic Zero segue i disegni, i colori e la demenza tratta dai fumetti di Sio e Studio Evil; gli sviluppatori del titolo sono riusciti a creare un gioco divertente, capace di intrattenere più tipologie di gamer. Analizziamolo insieme.

Questo gioco è… Diablo?

La storia di Super Cane Magic Zero è semplice: il bizzarro mondo WOTF è in pericolo perché il cane magico ha stravolto il mondo e messo in in pericolo internet; sarà compito nostro con Coso, Cosa, Giancoso e altri personaggi portare tutto alla normalità in un’avventura esilarante e al momento stesso stravagante, incontrando personaggi iconici dell’amato fumettista come il Dottor Culocane e Mariangiongiangela.
In questo mondo, avremo la possibilità di visitare molteplici zone con propri nemici caratteristici e NPC particolari, e senza esclusioni di colpi, la trama è fortemente collegata a come noi interagiamo nel mondo di gioco, anche se queste sono poche. Un’interazione fondamentale è la ricostruzione degli edifici, dove ognuno di questi è affidato a un personaggio storico dalle storie di Sio.

Il gameplay del titolo è semplice quanto geniale: in questi anni di sviluppo i ragazzi di Studio Evil hanno ottimizzato e cambiato più volte lo stile di gioco, ma ora abbiamo un gioco divertente e funzionale con le sue meccaniche. Pad alla mano i comandi sono molto semplici da imparare e proseguendo nel gioco si imparano nuove meccaniche senza creare troppa confusione con la mappatura di comandi. Il gioco è molto ispirato a Diablo e ha un suo comparto GDR dedicato molto curato e completo, difatti potremmo modificare continuamente l’equipaggiamento del nostro personaggio con armi e armatura ai limiti del bizzarro.
Inoltre, ogni personaggio ha delle abilità uniche e speciali. Le abilità uniche si diversificano tra PG a PG e ognuno ha i suoi vantaggi e svantaggi; Giancoso, ad esempio, ha la possibilità di creare un’area ciambellosa intorno a sé e curare sé stesso e gli alleati. Invece per le altre abilità, sbloccabili da tutti i PG, si ottengono attraverso un sistema ad albero e lì dovremmo scegliere la ramificazione che più preferiamo.

Le armi trovabili sono uniche e rare e ognuna di essa può seguire dei moveset comuni, anche se c’è una grande varietà grazie alle differenti tipologie di armi, e moveset speciali che però sono usati solo armi uniche veramente rare da trovare. Tutto quello che troveremo nel mondo di gioco sarà catalogato e messo in un’apposita stanza dei trofei, in modo da leggere le strambe descrizioni.

Raccogli l’oggetto e lancialo o mangialo!

Questo aspetto del gameplay merita una sua menzione ad honorem: in Super Cane Magic Zero c’è la possibilità di raccogliere oggetti, nemici o alleati per poi scegliere di lanciarli o di mangiarli nel primo caso. La scelta di mangiare un oggetto di solito comporta la natura stessa di quest’ultimo, se ad esempio risulta un prosciutto, questo ci darà HP; discorso inverso invece se è un sasso, una volta ingurgitato prenderemo danno.
Però ci sono i casi particolari come le lampade: esistono delle zone oscure e per ottenere un po’ di luce, senza aver le mani occupate dalla lampada, potremo scegliere di mangiarla. Prenderemo danno da fuoco, ma passato il danno saremo delle luci viventi!
Questa è una chicca molto apprezzata e mi ha regalato talvolta alcune risate per altri oggetti particolari.

I miei nemici sono i miei nemici e i miei alleati sono i miei nemici!

I nemici hanno un IA non propriamente ottimale, ma ritengo giusto così poiché non stiamo affrontando dei cavalieri esperti nell’arte della scherma, ma mostri tipo piedi senzienti.
I boss invece sono molto simpatici e alcuni offrono un certo grado di sfida, che però viene molto diminuita se in presenza di altri alleati.

Gli alleati sono forse il movente che vi farà continuare a giocare con piacere. Sfortunatamente il gioco, se giocato in solitaria, risulterà dopo un paio di orette noioso, ma se giocate con almeno un amico, vi assicuro che le risate abbonderanno e ve le ricorderete per sempre. Oltre al combattimento, potrete punzecchiarvi e nel caso uno dei due cada, con conseguente ripresa, l’altro può prenderlo e buttarlo nella lava. Uno degli esempi più semplici di quello che potete fare.

Oltre alla modalità storia, sono presenti varie modalità multigiocatore dove vi potrete fronteggiare in sessioni inizialmente pensate per le prime versioni del gioco, ora migliorate sotto tutti gli aspetti tecnici.

Nota: Ho provato solo il multigiocatore in locale per tutte le modalità.

Un fumetto sotto il livello tecnico

A livello grafico è semplice, pulito e veramente molto gradevole. Dai personaggi, fino a giungere alle ambientazioni, il titolo risulta sempre bello da vedere e mantiene sempre lo stile minimalista di Sio. Super Cane Magic Zero è indistintamente uno dei giochi con la grafica più originale usciti in questi ultimi anni e indistintamente dal tratto conosciuto del famoso fumettista. Lo Studio Evil è riuscito a rendere giocabile un fumetto e per questo tanto di complimenti al team di sviluppo. Però in questa bellezza c’è un problema che coinvolge tutti: il senso dell’altezza. Come nei vecchi Zelda, questo problema ci rende difficile riconoscere quali sono le zone in altura o meno e spesso ci portano a cadere, per poi rifare nuovamente il giro.

L’audio in questo gioco è gestito in maniera ottimale e le musiche “farbuffe“, termine gioco ispirato ai video del fumettista, sono veramente gradevoli e rendono il tutto molto più giocoso. I nemici, i personaggi ed i boss hanno animazioni uniche e divertenti e le cut-scene, anche se spesso immagini ferme, rendono benissimo il contesto e la loro stravaganza regala delle risate incondizionate.

Il gioco dopo anni di sviluppo è innegabile che sia perfetto su PC a livello di ottimizzazione. Crash, Lag e freeze sono risultati totalmente assenti nelle nostre quasi 25 ore di gioco.

In conclusione

Super Cane Magic Zero è sicuramente uno dei giochi co-op più divertenti nel mercato indie e la matita indimenticabile di Sio ha regalato al gioco quella giocosità innocente e bizzarra che mancava da tempo nei videogiochi. Il gioco è già disponibile su Steam alla modica cifra di 19.99€, un prezzo più che giusto date le 15 ore sicure di gioco.
Se volete saperne di più sul titolo, vi invitiamo a dare un occhio al sito del gioco e alla pagina facebook.

Noi ci vedremo domani con un annuncio davvero importante sul nostro Facebook, canale Yotube e su un articolo!