War of the Spark

Ormai è circa un mese che War of the Spark è approdato nei negozi di tutto il mondo grazie agli eventi pre release, e ormai potremmo tirare le somme analizzando come le nuove carte hanno cambiato il meta dello standard e cosa i giocatori pensano di questa nuova espansione.

Molti giocatori vedono la nuova espansione come una grande possibilità in quanto le carte presenti sono estremamente varie, donando quindi l’opportunità di rinforzare un gran numero di mazzi.
Attualmente il mazzo più utilizzato in standard rimane il classico mono-rosso aggro, che grazie a Planeswalker come Chandra può contare su un danno costante e soprattutto sostanzioso grazie all’abilità passiva della famosa Planeswalker.
Sempre nello stesso mazzo abbiamo anche la possibilità di impedire al nostro avversario di guadagnare punti vita grazie ad un Tibalt che non si fa troppo notare ma che se messo in un side può dimostrarsi utili in alcune occasioni specifiche.
Dopo questo tipo di mazzo si piazza l’esper midrange, mazzo che impedisce letteralmente all’avversario di giocare grazie aad una strategia control che lascia ben poco campo d’azione al resto dei giocatori.

Fra i trentasei nuovi Planeswalker la scelta è sicuramente la parte più ardua nella costruzione del mazzo.
Trattandosi di carte completamente nuove e non di ristampe gli effetti sono vari e si adattano a qualsiasi esigenza, sebbene alcuni possano lasciare un po’ a desiderare (sì Tibalt, stiamo guardando te).
Abbiamo una Liliana veramente forte, che se lasciata agire indisturbata è letteralmente in grado di distruggere del tutto l’avversario svuotando il suo campo e lasciandolo senza nessuna risorsa.
Altri Planeswalker che sono sicuramente degni di nota sono il nuovo Teferi, in grado di impedire all’avversario di giocare istantanei o carte con Lampo nel nostro turno o carte come Narset che fanno sì che l’avversario non possa pescare più di una carta a turno, stroncando numerosi mazzi tra cui ad esempio l’Izzet Phoenix.
Nissa è sicuramente una manna per i mazzi che giocano magie dal costo elevato, e insieme a Kiora i mazzi che contano su creature costose e pesanti puntando ad infliggere pesanti danni all’avversario in un colpo solo possono far sudare freddo a gran parte dei giocatori che se li troveranno contro.

Nel complesso la grande quantità di nuovi effetti permette allo standard di poter contare su un gran numero di nuove combo che prima si potevano vedere solamente in modern, rendendo tuttavia i formati constructed una vera spina nel fianco da giocare, mentre al contrario il formato Limited, grazie alle possibilità quasi infinite che questa espansione offre, sono ancora più vari e divertenti di quanto non fossero prima.

Ovviamente non si può non parlare delle novità che questa espansione porta alla lore di Magic.
In War of the Spark la guerra contro Nicol Bolas è sempre stata da anni l’argomento principale dei giocatori rendendo famoso l’ormai indistinguibile drago.
Scegliendo come teatro della battaglia finale Ravnica, uno dei piani più famosi e amati dai giocatori, la guerra contro questo tremendo nemico raggiunge il suo climax, vedendo scontrarsi sul campo di battaglia divinità e altre entità.
Oltre al filone principale della storia possiamo vedere come ogni personaggio principale vede la sua storia approfondita andando a scavare nei legami personali di ognuno di essi, portando il tutto ad essere ancora più profondo di quanto non fosse già.
Possiamo vedere ad esempio come Ral, per fare un esempio, non fosse solamente uno scienziato affamato di conoscenza, o come Niv Mizzet non riesca ad avere ogni cosa sotto il suo controllo nonostante la sua onniscienza e il suo enorme intelletto, ma non entreremo nei dettagli per non svelare retroscena che magari preferite scoprire da soli.

Per i collezionisti invece questa nuova espansione rappresenta sicuramente una delle sfide più divertenti da superare in quanto poter vedere per intero ogni Planeswalker nella propria raccolta sarà sicuramente una soddisfazione non da poco per chi ama divertirsi in questo modo.

Per concludere, questa espansione porta una valanga di novità per ogni tipo di mazzo oltre a dare la possibilità di costruirne di totalmente nuovi, e sia i giocatori modern che quelli standard avranno solo l’imbarazzo della scelta di fronte all’enorme numero di nuove carte valide per le loro strategie.
Nella lore si raggiunge finalmente un capitolo che i fan attendevano da anni mentre i collezionisti potranno godere di numerosissime carte in grado di dare enormi soddisfazioni una volta raccolte e aggiunte alla propria collezione.
Ora vogliamo sapere come voi avete sfruttato tutto ciò!

Noi per il momento vi salutiamo e vi auguriamo buona fortuna per le vostre partite e soprattutto vi auguriamo di divertirvi il più possibile!