Trai titoli più attesi in uscita nei prossimi mesi c’è sicuramente The Division, gioco MMO (Massive Multiplayer Online) prodotto da Ubisoft che verrà rilasciato probabilmente nel tardo 2015 o nel 2016 per console next gen e PC.

The Division è una grande opportunità per Ubisoft per varie ragioni. In primis la softwarehouse deve lanciare un nuovo brand di successo visto che alcune serie ormai accusano gli anni (vedi ad esempio Assassin’s Creed).  In secondo luogo la natura MMO di The Devision potrebbe garantire un alto numero di giocatori per un buon periodo di tempo, basti pensare al successo di Destiny dovuto in larga parte alle sue dinamiche collaborative. Al contrario se questo nuovo titolo dovesse rivelarsi un mezzo fiasco, come Watch Dogs, la Ubisoft perderebbe ancora più credibilità, una perdita di credibilità porta inevitabilmente un calo di profitti. La situazione è quindi davvero delicata, i ritardi nell’uscita del gioco potrebbero proprio essere legati a questo fatto. Ubisoft sa di non poter sbagliare ancora quindi sta cercando in tutti i modi di produrre un gioco di qualità, o almeno questo è ciò che io auspico e desidero.

Una questione particolare è quella della grafica, nei gameplay che sono stati mostrati il comparto video era di ottima qualità, realistico e fluido. La grande domanda è: sarà così anche nella versione definitiva del gioco? Si vedrà, ma anche qui Ubisoft deve stare particolarmente attenta.

Altra problematica è quella legata ai bug, un gioco di grandi dimensioni come The Division ne avrà inevitabilmente ma gli utenti sperano che non si ripeta la situazione di Asssassin’s Creed Unity, il quale all’uscita pullulava di bug a volte davvero incredibili.

Infine vi è la questione della trama. The Division si basa sul lavoro del famoso scrittore Tom Clancy, quindi il materiale per costruire un bel universo di gioco è presente. Come sapete il tutto si svolgerà a New York dopo una letale epidemia. Girando per la città dovremmo affrontare bande di sciacalli e indagare sull’origine del virus.

Insomma le premesse affinché esca un grande titolo ci sono, tutto sta in quello che Ubisoft vorrà e riuscirà a fare. Io gli darò fiducia (anche per il nuovo Raimbow Six sono speranzoso), ma se The Division dovesse rivelarsi un titolo mediocre probabilmente perderò l’ultimo briciolo di fiducia nella softwarehouse francese.

Voi cosa ne pensate? Siete ottimisti o pessimisti?

 

screen_5_101402