Il 20 luglio del 1969, per la prima volta nella storia, l’umanità sbarca sulla Luna. Quel giorno rappresenta senza alcun dubbio una delle date più significative della storia umana, un evento capace di segnare un’intera generazione, che ha assistito incredula alla discesa sul suolo lunare di Neil Armstrong prima e di Buzz Aldrin poco dopo.

“Here man from the planet Earth first set foot upon the moon, July 1969 A. D. We came in peace for all manikind”

Il nostro satellite ha da sempre ispirato, nel corso dei secoli, racconti, miti e leggende, ed è spesso stato utilizzato come ambientazione di alcuni dei viaggi di fantasia più recenti. Non solo libri e lungometraggi, anche il settore videoludico ne ha sfruttato il fascino oscuro e misterioso fin da quel fatidico giorno

Dal 1969 a oggi, vedremo alcuni dei titoli che ci hanno portato sulla luna.

LUNAR LANDING GAME (1969)

Nello stesso anno dello sbarco dell’Apollo 11, Jim Storer, uno studente della Lexington High School, mette insieme un gioco testuale che chiama Lunar Landing Game.

Il titolo gira su PDP-8, acronimo di Programmed Data Processor, accreditato come primo minicomputer commerciale a riscuotere un certo successo in termini di vendite (nonostante un costo di 16.000 Dollari).

Un PDP-8, fonte: Wikipedia

Lo scopo del gioco è molto semplice, il giocatore dovrà inserire dei vari numerici corretti per riuscire ad atterrare con successo sulla superficie lunare.

LUNAR LANDER (1979)

Il cabinato arcade di Lunar Lander

Ispirato proprio dal lavoro di Storer, Lunar Lander fu un titolo in grafica vettoriale prodotto da Atari.

L’obiettivo del giocatore consisteva nell’atterrare su di una della zone piatte della superficie lunare, direzionando correttamente la spinta del retrorazzo di cui la navicella era munita, per evitare di schiantarsi.

Una leva, tre bottoni e si va sulla Luna.

A complicare il tutto ci pensa la limitata quantità di carburante a disposizione: una volta esaurito il propellente infatti, la navicella non sarà più controllabile, a meno di non inserire ulteriore credito durante la partita. Pay to win di altri tempi?

MOON PATROL (1982)

Nell’anno in cui l’Italia festeggiava la conquista della sua terza coppa del Mondo a spese della Germania Ovest, Atari confezionava un altro titolo lunare: Moon Patrol.

Questo simpatico Shooter a scorrimento laterale rappresenta una piccola pietra miliare per via delle innovazioni tecniche che è stato capace di implementare.

Uscito per Atari 2600, 5200 e 8-bit, oltre che su Commodore-64 e in versione cabinato Arcade, Moon Patrol ci poneva al comando di un rover lunare armato di due cannoni, in grado di accelerare e di saltare, e fu il primo gioco a simulare con successo l’effetto di un’immagine tridimensionale in movimento, sfruttando il fenomeno del Parallasse. Il titolo simula anche il comportamento delle sospensioni indipendenti, di cui è dotato il rover, sull’irregolare suolo lunare.

BARIS (1993)

Buzz Aldrin’s Race Into Space, o Baris per gli amici, è un gestionale sviluppato per PC-98 e MS-DOS dallo studio di Strategic Visions.

Il titolo ci pone, a scelta, al comando della NASA o dell’Agenzia Spaziale Sovietica, con l’obiettivo di essere i primi a effettuare un allunaggio con successo.

Un titolo curato piuttosto meticolosamente, cercando di includere e di riprodurre fedelmente le caratteristiche di tutti i più famosi veicoli spaziali dell’epoca.

VIAGGIO AL CENTRO DELLA LUNA (2005)

Il 2005 ci riporta tra i crateri lunari grazie a Viaggio al Centro della Luna, un’avventura punta e clicca di Kheops Studio, team di sviluppo francese con base a Parigi che vanta nel suo curriculum molti giochi di questa tipologia. Questo almeno fino al 2012, anno in cui lo studio ha chiuso i battenti.

Ispirato ai romanzi di Jules Verne e di H. G. Wells, il titolo racconta di un avventuriero francese che arriva sulla luna su una palla di cannone, per sopravvivere e tornare a casa dovremo raccogliere risorse e andare a caccia di indizi per risolvere una serie di indovinelli, in un viaggio che ci porterà fin dentro le viscere del nostro satellite, alla scoperta di un segreto che lo collega ai popoli della terra.

DELIVER US THE MOON: FORTUNA (2018)

Rilasciato per PC nel 2018, questo titolo di KeokeN Interactive ci porta avanti nel tempo, in un futuro in cui la razza umana ha ormai esaurito le risorse energetiche a disposizione.

Nell’anno 2030, la salvezza è rappresentata dalle colonie lunari, impegnate a estrarre Helium-3 e a trasformarlo in energia, prima del suo trasferimento sulla Terra grazie alla tecnologia MPT (Microwave Power Transmission). Tutto pare andare secondo programmi, ma, improvvisamente, nell’anno 2052 i contatti con la colonia cessano senza preavviso.

Sara’ compito dell’astronauta Fortuna recarsi sulla colonia e scoprire le cause di questo improvviso silenzio, in un dedalo di insidie e di sfide che metteranno a dura prova la sua capacità di improvvisare per sopravvivere.

MENZIONI SPECIALI

Prey: Mooncrash (2018)

FPS sviluppato da Arkane Studios e pubblicato da Bethesda, Prey ha avuto una storia a dir poco travagliata.

Prey, infatti, è il titolo originale del primo capitolo uscito nel 2006, il cui sequel, Prey 2, annunciato durante l’E3 del 2011, sarebbe dovuto uscire nel corso del 2014, con il team di Human Head Studios al timone.

Tuttavia alcuni problemi in fase di produzione provocarono dapprima dei ritardi e successivamente la cancellazione: da qui allora la decisione di un completo reboot del franchise, rilasciato per PC, PS4 e Xbox One nel 2017.

Nel 2018 viene pubblicato invece il DLC Mooncrash, che, a differenza del gioco base, sposta la storia dalla stazione spaziale Talos I, in orbita intorno alla Luna, direttamente alla base Pytheas, sulla superficie stessa del nostro satellite.

L’obiettivo principale consiste nel riuscire a fuggire dall’installazione, infestata dai mutaforma Typhon, con almeno uno dei 5 personaggi a disposizione, utilizzando al meglio le abilità acquisite le armi e gli equipaggiamenti a disposizione.

COD BLACK OPS ZOMBIE – MAPPA MOON

Dalla sua prima comparsa su World at War fino a oggi, la modalità Zombies di Call of Duty ha creato una folta schiera di fan.

Negli anni gli sviluppatori hanno condotto i giocatori a sterminare le infinite e sempre più folte ondate di zombie per completare i vari easter egg su molte mappe diverse, tra le quali troviamo anche la Luna.

Resa disponibile con l’acquisto del DLC Rezurrection di COD Black Ops, uscito nell’agosto del 2010, Moon è la mappa zombie più estesa disponibile nel gioco, e la prima ad articolarsi in due differenti luoghi: la partita infatti avrà inizio in una zona di teletrasporto all’interno dell’area 51, nel Nevada.

DESTINY (2014)

Uscito a settembre 2014, Destiny rappresenta nel bene o nel male uno dei titoli più chiaccherati degli ultimi anni. L’FPS Cooperativo targato Bungie e (fino a quest’anno) Activision ci porta a esplorare vari mondi nel nostro sistema solare, tra cui proprio la Luna. Nei panni di un Guardiano dell’ultima città sulla Terra, cercheremo di fermare l’oscurità che avanza.

Un tempo sede di una colonia vasta e di un importante installazione, la Luna è territorio dell’alveare, una razza aliena che venera l’Oscurità e che la sfrutta per trarne potere, che ne infesta la superficie ma, soprattutto, le sue viscere.

Le profondità del nostro satellite infatti, sono ormai un brulicante labirinto scavato da queste oscure creature. La Luna è anche sede dell’ingresso alla seconda incursione rilasciata con il primo DLC del gioco, L’Oscurità dal profondo, che ci conduce nel tronomondo di Crota, figlio di Oryx, Dio dell’Alveare.

Potete saperne di più sul gioco visitando The Tower Destiny Italia, la nostra sezione dedicata al titolo Bungie.

DESTINY 2 – OMBRE DAL PROFONDO (2019)

Uscito nel settembre 2017, il sequel del primo Destiny si appresta a entrare nel su terzo anno di vita.

Con il rilascio dell’espansione Ombre dal Profondo, settembre segnerà anche il ritorno dei Guardiani sulla Luna, location non presente al lancio del gioco, a caccia di qualcosa che sta liberando sulla superficie degli Incubi, ovvero presenzecon le fattezze dei nostri antichi nemici.

L’espansione uscirà il 17 settembre 2019, e sarà la prima prodotta e distribuita interamente da Bungie.

CINQUANT’ANNI DI GRAZIE

Andare sulla Luna ha rappresentato un punto di svolta, un’impresa che ancora oggi ci lascia senza fiato al solo pensiero degli enormi sforzi attuati, e capace di ispirare idee, sogni, aspirazioni e opere che hanno accompagnato le nostre vite.

“That’s one small step for a man, one giant leap for mankind.” Neil Armstrong.
Nella foto da sinistra gli astronauti dell’Apollo 11: Neil Armstrong, Michael Collins e Buzz Aldrin.

A tutti coloro che lo hanno reso possibile, grazie.

Grazie di cuore per quel piccolo passo. Da quel 20 luglio 1969, per ogni volta che osserviamo la Luna splendere nel cielo notturno,ci avete regalato un motivo in più per sorridere.