Finalmente è avvenuto il lancio di Fallout 76 e per i giocatori di tutto il mondo è possibile darsi alla ricostruzione dell’america post-nucleare in totale libertà e con gli amici. La nostra esperienza con la B.E.T.A. e le prime giornate dal lancio ci ha fatto apprendere alcune importanti lezioni, che vi lasciamo tramite 7 consigli con cui cominciare alla grande.

1 – PRIMI PASSI: ALLESTIRE UN C.A.M.P.

Una volta completata la sequenza introduttiva decisamente scremata e priva di fronzoli, sarete usciti dal Vault 76 e avrete già da subito totale libertà di esplorazione e di costruzione, senza alcun ostacolo di sorta: sotto questo aspetto, Fallout 76 non perde tempo e ci butta quasi istantaneamente nel vivo dell’azione.

Sarete catapultati fuori dal vault completamente disarmati, ma alla vostra destra potete trovare un cadavere su cui sono presenti una pistola e delle munizioni; prendetele e seguite il percorso che scende lungo la strada, setacciando tutta questa zona per recuperare quante più munizioni e armi possibili.

Una volta presa confidenza coi controlli di base, il nostro consiglio è di evitare distrazioni di qualsiasi genere e dirigersi subito al primo obiettivo della main quest: raggiungete il piccolo accampamento allestito dal vostro supervisore, recuperate le scorte e procedete anche col passaggio successivo della main quest. Vi ritroverete nei pressi di un piccolo paese in rovina, Flatwoods, che è il posto più adatto in assoluto per cominciare a cimentarsi nelle meccaniche di gioco di Fallout 76 e a gettare le prime solide basi per far progredire il nostro personaggio.

Consigliamo di allestire un C.A.M.P. nei pressi di questa cittadina per svariate ragioni: innanzitutto, la cittadina stessa è un enorme fonte di bottino, vi sono un sacco di posti da saccheggiare per ottenere cibo, acqua e risorse essenziali; sarà presente anche uno dei primi commercianti del gioco, una comodità decisamente non irrilevante.

Ma soprattutto, nell’areale della città sarà presente un evento pubblico che ricorre molto di frequente, sufficientemente strutturato ma di difficoltà basilare, il mix perfetto per prendere dimestichezza con questo genere di attività e per racimolare ricompense ed esperienza in modo rapido e affidabile: sarà sufficiente avviare la partecipazione all’evento per ottenere tutte le ricompense, anche se a completarlo sarà un altro giocatore.

Passate le prime ore nei pressi della zona, troverete con buona probabilità altri giocatori alle prime armi che saranno disposti a collaborare e che difficilmente avvieranno il PvP contro di voi.

2 – SACCHEGGIARE TUTTO QUANTO

La meccanica di gestione del sovraccarico di Fallout 76 è analoga a quella di Fallout 4 quando si hanno attivi alcuni perk del ramo Forza S.P.E.C.I.A.L., in particolare potremo spostarci a velocità di corsa anche superando il limite di peso, ma non potremo scattare e consumeremo AP per muoverci.

Questo significa che non avete alcuna ragione, a parte l’accesso al fast travel, per rispettare i limiti di peso, pertanto datevi alla pazza gioia e saccheggiate qualsiasi cosa vi capiti a tiro, per poi portarla al vostro C.A.M.P. o a un tavolo da lavoro.

Accumulate quante più risorse possibili, raccogliete anche ogni singola arma che trovate a terra e poi smontatela ad un banco da lavoro: le armi, anche quelle artigianali, sono un ottima sorgente di materie come legno e acciaio.

3 – SMONTARE TUTTE LE ARMI CHE TROVATE

Durante le prime ore di gioco (ma non solo), raccogliete e smontate ogni singola arma che trovate in giro, fatta eccezione per quelle su cui contate di fare affidamento: assegnatele alla ruota dei preferiti, così sarà più semplice distinguerle dal resto delle cianfrusaglie.

Vi diamo questo consiglio per una precisa ragione: Fallout 76 si scosta notevolmente dal 4 per quanto riguarda il sistema di modifiche alle armi, in particolare non conoscerete le modifiche a un arma senza averle apprese. È possibile imparare a creare una modifica da una ricetta saccheggiata in giro per l’Appalachia, ma sarà un’occorrenza più unica che rara nelle prime ore di gioco; invece, potete facilmente apprendere come creare nuove modifiche semplicemente smontando diversi equipaggiamenti, anche nel caso questi non equipaggino alcuna modifica a loro volta.

Smontando decine e decine di armi, in poche ore abbiamo imparato a realizzare moltissime personalizzazioni utili e accumulato risorse a volontà per allestire un C.A.M.P. di tutto rispetto, per cui vi consigliamo vivamente di fare lo stesso.

4 – SPECIALIZZATEVI IN UNA SOLA ARMA

Il sistema di perk di Fallout 76 pone i giocatori di fronte a una scelta a dir poco stringente: anche se potremo livellare all’infinito, proprio come avviene in Fallout 4 e come accade in Skyrim grazie alle abilità leggendarie, avremo un tetto massimo di 50 punti SPECIAL da spendere in carte talento per il nostro personaggio; inoltre, il level cap di una singola SPECIAL non è più a 10 ma a 15, motivo per cui avremo, in proporzione, pochissimi punti rispetto all’effettiva portata del sistema di talenti.

Per questa ragione, il nostro vivissimo consiglio è di provare i vari generi di armi a disposizione nelle prime fasi del gioco, ma di specializzarsi in una classe soltanto: limiti di carico stringenti, su cui grava anche il peso delle munizioni, ci impongono di portare appresso poche armi su cui fare affidamento e inevitabilmente non saremo in grado di sfruttare al massimo tutte le armi del nostro inventario se queste appartengono a classi diverse, senza dover necessariamente sacrificare qualche talento legato alle carte SPECIAL.

Una scelta adeguata, ma non necessariamente la migliore, potrebbe essere quella di portarsi appresso due armi principali e una di scorta nel caso si rompano nel corso dei nostri viaggi. Un’arma di scorta dovrebbe essere sempre poco ingombrante sia per conto proprio, sia tenendo in considerazione il peso delle munizioni, per cui suggeriamo vivamente di affidarsi alle pistole, che come in Fallout 4 sembrano essere un vero e proprio portento.

Nel nostro caso, nelle prime ore abbiamo trovato il fucile da caccia e il fucile a pompa un’ottima accoppiata che può gestire sia combattimenti ravvicinati che a lungo raggio, abbinati a una pistola da 10mm; tuttavia, una volta potenziati a dovere i due fucili avranno un ingombro considerevole, motivo per cui vi suggeriamo di valutare alternative; un’analisi approfondita ci ha spinto a considerare il fucile da caccia con le modifiche giuste la migliore arma early-game in assoluto, perché perfettamente utilizzabile sia in combattimento ravvicinato che a lunga distanza e perché le munizioni calibro .308 sono ubique; al fucile da caccia è ottimo accoppiare una pistola o una mitragliatrice da 10mm.

5 – LE TORRETTE VANNO IN ALTO

La costruzione di C.A.M.P. in Fallout 76 permette di realizzare quelli che erano gli insediamenti di Fallout 4 in quasi qualunque posto della mappa, ma a condizione di avere un limitatissimo spazio di costruzione e un budget molto stringente.

Non sappiamo se sono presenti dei modificatori che consentono di incrementare il budget di un C.A.M.P., ma abbiamo constatato che un numero di torrette che si aggira fra i 4 e i 6 fa raggiungere il limite pur avendo costruito un accampamento modesto sotto ogni altro aspetto; ricordate che il C.A.M.P. è usato al meglio come sorgente affidabile di approvvigionamenti importanti e come base per il crafting.

In quest’ottica, è importantissimo mantenere le difese del nostro CAMP operative di fronte a tutte le ostilità presenti nell’Appalachia, per cui vi suggeriamo di posizionare le torrette difensive, qualora decideste di integrarle nel vostro accampamento, sul tetto o in una posizione elevata, difficilmente raggiungibile dai nemici: la strategia era validissima già in Fallout 4 e sembra ancor più efficace in Fallout 76, infatti una torretta in posizione elevata può difendere l’insediamento senza correre il rischio di essere attaccata a distanza ravvicinata; inoltre, nelle fasi più avanzate, torrette come quelle lanciamissili potrebbero autodistruggersi tentando di colpire nemici vicini.

6 – FARE SCORTA DI VITI E ADESIVO

Succedeva già in Fallout 4 e chi ci ha giocato nel corso degli ultimi anni anni conosce l’importanza di questi ingredienti all’interno del sistema di crafting del gioco; ebbene, vite e adesivo sono ancora alcune fra le risorse più rare e importanti nella creazione di modifiche alle armi in Fallout 76 e la loro scarsità sarà quasi sempre il principale ostacolo nella realizzazione di un equipaggiamento completo.

Il nostro consiglio è di contrassegnare questi elementi per la ricerca a un tavolo da lavoro, in questo modo sapremo quali elementi della spazzatura dell’Appalachia contengono queste risorse.

Se per le viti c’è poco da fare e dovrete affidarvi interamente alla spazzatura o smontando armi mentre sono attivi dei talenti SPECIAL (ammesso e non concesso che siano presenti gli stessi talenti di Fallout 4), per l’adesivo esiste una soluzione e si chiama Amido Vegetale: si tratta di un oggetto craftabile a una qualsiasi stazione di cucina, senza dover in alcun modo apprenderne la ricetta. L’amido vegetale può essere facilmente creato con delle risorse rinnovabili, la maggior parte dei quali potete procurarvi dal vostro stesso CAMP e fornisce una consistente quantità di adesivo per singola unità.

Per creare l’amido vegetale servono:

  • Acqua purificata (1)
  • Frutto mutato (2)
  • Granturco (2)
  • Tatos (2)

7 – GESTITE LE MERCI IN ECCESSO

Se avete seguito alla lettera i nostri consigli fino a questo punto, è probabile che vi ritroviate nel giro di poche ore con la riserva del C.A.M.P. piena zeppa e costantemente in sovraccarico, uno scenario decisamente non ideale. Per questa ragione, controllate spesso quali merci non usate e invece di continuare ad accumularle, liberatevene vendendole a un commerciante.

Il prezzo di vendita sarà sempre svantaggioso, specialmente se si parla di commercio senza perk adeguati, ma in poco tempo vi ritroverete con molto meno peso e con della merce che virtualmente baratterete in cambio di altra, o per ottenere progetti o modifiche all’equipaggiamento.

Fate anche moltissima attenzione alle munizioni: per qualche ragione, Bethesda ha deciso di non rendere possibile la vendita di munizioni ai commercianti, perciò a differenza dei vecchi capitoli non potrete in alcun modo usarle come merce di scambio; questo significa che continuerete ad accumulare munizioni che dovrete per forza sparare o abbandonare a un certo punto.

In poche parole, fatta eccezione per risorse veramente importanti (per non dire fondamentali) di cui tuttavia sarete probabilmente a corto, non prendete l’abitudine di fare “hoarding”: Fallout 76 punirà esplicitamente questo comportamento, anche se vi lascerà giocare senza eccessivi ostacoli anche in tale circostanza.