Quest’oggi siamo qui per portarvi il nostro provato di Pokémon: Let’s Go Pikachu! e Pokémon: Let’s Go Eevee! targati Game Freak, in uscita su Nintendo Switch il 16 Novembre 2018. Dato che la demo in questione era la stessa di quella mostrata durante la Gamescom 2018, abbiamo deciso di concentrarci su aspetti non ancora completamente approfonditi. 

NULLA È CAMBIATO…O QUASI 

Pokémon: Let's Go

Appena cominciata la demo, ci siamo ritrovati catapultati nel mondo dei Pokémon, così come lo avevamo lasciato su Nintendo 3DS, e precedentemente sulle altre console, solo in una nuova veste grafica. Un rinnovato motore grafico, che strizza l’occhio allo stile adottato nei remake Pokémon: Rubino Omega e Pokémon: Zaffiro Alpha, ci consente di osservare il mondo dei mostriciattoli tascabili con occhi nuovi.

Per quanto riguarda i modelli poligonali, le texture, gli effetti particolari, le illuminazioni e le ombre, non possiamo che ritenerci soddisfatti dal lavoro di Game Freak. L’unica pecca che abbiamo notato sono le ombre dei pokémon durante gli incontri selvatici che appaiono leggermente pixelate.

Il Bosco Smeraldo è ora più vivo che mai, con i pokémon presenti nell’overworld e non più nell’erba alta, che si muoveranno in base alla loro natura. Avremo infatti Rattata che tenderanno a fuggire dal nostro personaggio, mentre Nidoran che si lanceranno all’attacco senza troppe esitazioni.

Questa funzione, più che affascinante, a volte può però risultare alquanto fastidiosa. In svariate occasioni ci siamo ritrovati circondati da un considerevole numero di pokémon selvatici che ci impedivano di proseguire lungo il sentiero, costringendoci ad affrontare una serie di incontri selvatici (N.d.R. ancora non sappiamo se saranno presenti Repellenti che potrebbero ovviare a questo problema).

È TEMPO DI LOTTARE E CATTURARE

Come già abbiamo visto nei vari trailer e presentazioni, il sistema di combattimento è rimasto del tutto invariato. Sono presenti IV ed EV, natura e caratteristiche del pokémon, nonché tutto ciò che concerne il competitivo.

Per quanto riguarda invece la cattura, il gioco presenta una forma semplificata del sistema presente nell’app per dispositivi mobili Pokémon Go. Dopo la rimozione delle lotte contro i pokemon selvatici (rimaste solamente con i pokemon leggendari), all’interno di Pokémon: Let’s Go, Eevee! e Pokémon: Let’s Go, Pikachu! sarà infatti possibile solamente lanciare la poké ball in linea retta, o darle un effetto per lanciarla a sinistra o a destra, in quanto risulterà assente la possibilità di farla ruotare su se stessa per poter aumentare il tasso di cattura.

NOVITÀ ALL’INTERNO DELLA BORSA

Tra le novità che ci siamo ritrovati dinanzi ve ne sono diverse per quanto riguarda la modifica della Borsa. All’interno di essa, tralasciando la nuova disposizione degli oggetti nelle diverse sacche, troviamo i Vestiti per il personaggio e per il nostro compagno di avventura, ed anche il Box Pokémon.

Come già accadeva da Pokémon X e Pokémon Y, sarà possibile cambiare l’outfit del nostro personaggio, questa volta però direttamente dal menù, senza recarsi in un apposito edifico come in Pokémon Sole e Pokémon Luna.

La più grande novità è l’introduzione del Box Pokémon all’interno della Borsa. Dopo ben 20 anni, i Box presenti all’interno dei Centri PokPmon sono stati rimossi e resi più accessibili direttamente dal menù. Seppur a livello di Lore questo potrebbe risultare non coerente con l’universo dei mostriciattoli tascabili, a livello di gameplay è molto utile. I giocatori infatti potranno cambiare la composizione della propria squadra in qualunque momento essi vogliano.

LA POKÉ BALL PLUS E IL SENSORE DI MOVIMENTO

La demo che abbiamo provato ci ha consentito di testare anche il nuovo accessorio e controller Poké Ball Plus. Il controller andrà a sostituire in tutto e per tutto il classico joy-con, consentendoci di giocate senza rimuovere quest’ultimo dalla console. Per quanto riguarda il tasto con il quale andremo a muoverci nel mondo di gioco e attraverso i vari menù non vi sono problemi, e lo stesso vale anche i tasti A e B.

Invece per quanto concerne il giroscopio, fondamentale per quanto riguarda la cattura e l’interazione con il proprio compagno tramite il Play with Eevee/Pikachu, siamo rimasti abbastanza delusi. Durante l’incontro con i pokémon selvatici, quando ci accingevamo a muovere il controller per lanciare la poké ball, tra il movimento eseguito dal giocatore e l’effettivo lancio in-game vi era un ritardo di poco più di un secondo. Inoltre, non avendo la possibilità di calibrare il lancio come invece è possibile in Pokémon Go, tramite il movimento delle dita, a volte questo risulterà non sufficientemente forte per poter colmare il divario tra la camera e il pokémon.

Per quanto l’interazione con Eevee e Pikachu, questa risulta essere molto fastidiosa, in quanto non essendo ottimale con la cattura il giroscopio, lo sarà ancora meno con questa funzione. Accarezzare il pokémon o portargli una bacca alla bocca per fargliela mangiare sarà alquanto difficile e irritante.

Queste pecche inficiano non poco sull’esperienza di gioco del giocatore. Non sappiamo se questi difetti sono presenti anche con l’utilizzo di un joy-con, tanto meno se verranno risolti in futuro con eventuali aggiornamenti.

IN CONCLUSIONE

Pokémon Let's Go

Tralasciando le varie semplificazioni apportate da Game Freak, che rendono il livello di difficoltà del titolo quello con il livello più basso dalla nascita del brand, ci siamo ritrovati davanti ad una buona esperienza di gioco. Le lotte invariate, con tutto ciò che ci ruota attorno, faranno sentire i veterani a casa, mentre il sistema di cattura con i vari problemi tecnici abbasseranno la godibilità del gioco.

Vi ricordiamo che Pokèmon: Let’s Go, Eevee! e Pokèmon: Let’s Go, Pikachu! arriveranno il 16 Novembre 2018 su Nintendo Switch.