Ammettetelo, anche se siete armati fino ai denti quel Demone Capra ancora vi infastidisce. E che dire di quei Gargoyle che proprio non vanno giù? Senza parlare di quei terribili Ornstein l’Ammazzadraghi e Smough il Giustiziere. Ebbene, se siete alle prese con qualche boss difficile, queste guida ha intenzione di accompagnarvi lungo la strada più semplice per sconfiggere tutti i boss e giungere all’epilogo del gioco in tutta serenità… se si può chiamare serenità l’epilogo di Dark Souls.

Senza perdersi in chiacchiere, partiamo subito con i boss che, di norma, danno più problemi alla maggior parte dei giocatori:

Demone Capra

L’incubo di ogni nuovo giocatore. Lo spazio ristretto, i cani non-morti e la scarsa collaborazione della telecamera certo non rendono semplice abbattere questo boss.

Per affrontare questo demone bisogna prima sapere le sue mosse, ovvero: due fendenti consecutivi, un attacco in salto e un attacco caricato. Inoltre, bisogna tener conto che avrà come “minion” due cani non-morti, uguali a quelli incontrati nel Borgo dei Non-Morti, esattamente prima di entrare nella sua arena.
I cani sono i bersagli prioritari: vanno abbattuti subito. In tal modo, lo scontro sarà equo e non vi infastidiranno interrompendo gli attacchi contro il boss vero e proprio.
Se possedete uno scudo che assorbe il 100% dei danni fisici e con buona stabilità (tipo uno Scudo di Balder, l’ideale per questa battaglia) non dovrete preoccuparvi dei primi due attacchi del Demone Capra, poiché sarete perfettamente in grado di incassarli riparandovi dietro ad esso. Ciò che risulta temibile, e che spesso è seguito da altri attacchi, è il colpo caricato: il boss impugnerà entrambi i suoi machete con entrambe le mani, sollevandoli, per poi scagliarli contro di voi. Questo attacco è in grado di farvi esaurire tutta la stamina e rompere la vostra difesa… con spiacevoli, ovvie, conseguenze. Dunque è più sensato schivare quest’attacco piuttosto che pararlo.

Veniamo al dunque: se non siete in grado di sfruttare le finestre di apertura fra gli attacchi del boss, vi tornerà utile osservare l’arena in cui lo si combatte. Sulla sinistra son presenti delle scale che conducono ad un balcone rialzato, che potrete sfruttare a vostro vantaggio.
Salendoci, il Demone Capra vi seguirà e voi, buttandovi giù, avrete qualche secondo per curarvi (qualora foste feriti) e attirerete il demone facendolo cadere con voi. La sua animazione di atterraggio consente quasi sempre di assestargli qualche fendente ma, mi raccomando, non siate avidi e ripetete il procedimento fino alla dipartita del boss.

Se, inoltre, volete tentare un azzardo, potrete fare affidamento sulle bombe incendiarie. Posizionandovi sul ponte, fuori dalla nebbia, e mirando abbastanza in alto, potrete lanciare le bombe incendiarie oltre al muro con la nebbia e colpire il boss o i cani, in modo tale da iniziare la boss-fight con un notevole vantaggio.

Ornstein l’Ammazzadraghi e Smough il Giustiziere

Questo temibile duo può essere veramente motivo di frustrazione per molti, specie i giocatori nuovi ai titoli From Software. Anche i più navigati hanno imparato a temere questa boss-fight a causa della disparità numerica.
Per quanto riguarda tale svantaggio, è opportuno affrontare la battaglia in forma umana e accompagnati dal mitico Solaire di Astora, inseparabile e indispensabile compagno d’arme.

Ciò che è più importante in questo combattimento è tenere divisi i due boss: cercate di attirare Ornstein da una parte mentre lasciate che Solaire fronteggi Smough. Si tratta di un accorgimento fondamentale, perché se verrete colpiti da uno dei due boss, l’altro avrà l’occasione per farvi ancora più danni con un secondo attacco.
Evitate assolutamente la piromanzia Pelle Ferrea che aumenterà sì le vostre difese ma vi renderà più deboli ai danni da fulmine, elemento che Ornstein e Smough sfruttano per i loro attacchi.
Se, però, farete affidamento su equipaggiamento pesante (come l’armatura di Havel in accoppiata con uno scudo a torre) tutto risulterà più semplice, dato che gli affondi di Ornstein non sono in grado di rompere facilmente una guardia solida.

Questa particolare boss-fight è strutturata in maniera tale da evolversi in base al boss che si sconfigge per primo: se si abbatte prima Smough, Ornstein ne assorbirà l’anima per ingigantirsi e diventare estremamente pericoloso, mentre se si uccide prima Ornstein, Smough schiaccerà Ornstein per aggiungere il danno elettrico ai propri attacchi.
Oggettivamente parlando, è molto più pericoloso affrontare Ornstein con la taglia di Smough, motivo per cui si raccomanda caldamente di uccidere prima Orstein.

Per fronteggiare Smough senza rischi eccessivi è importante mantenersi il più possibile vicino a lui, in quanto i suoi attacchi col martello sono in grado di colpirvi solo dalla medio-lunga distanza. Stando sotto di lui sfrutterete il punto cieco della sua animazione e sarete al sicuro. Se, invece, deciderà di caricarvi, sarà necessario tenere lo scudo alzato (possibilmente uno scudo a torre, come sopra raccomandato) e spostarsi alla sua sinistra per evitare di essere presi in pieno dalla martellata che sferrerà verso l’alto immediatamente dopo.
Tuttavia, bisogna stare attenti al suo schianto in picchiata: Smough spiccherà un salto, per poi schiantarsi sprigionando un’esplosione di fulmini sul terreno. Bisogna saper riconoscere l’animazione iniziale di tale mossa in modo tale da spostarsi per fare in modo che i fulmini, o il suo enorme corpo, non vi colpiscano.

Se seguirete questi consigli, il temibile duo non dovrebbe darvi troppi problemi e potrete addirittura abbatterli al primo tentativo.

Gargoyle della Campana

I Gargoyle della campana sono un primissimo, e duro, ostacolo per coloro i quali decidono di suonare la prima campana. Bisogna tener conto che il Gargoyle, da solo, non costituisce una grossa minaccia, soprattutto se deciderete di tagliare la sua coda.
Se gli taglierete la coda, il nemico si troverà con un’arma in meno e, quando si solleverà in volo, risulterà solo difficile da seguire senza però sferrare attacchi con l’ascia al termine della coda. Proprio a causa del suo continuo saltare e librarsi in volo, si sconsiglia l’uso del sistema di target che non farà altro che disorientarvi muovendo la telecamera.
E’ fondamentale mantenersi al centro dell’arena per evitare di cadere e quindi morire.

Danneggiando il Gargoyle provocherà l’arrivo di un secondo Gargoyle, più piccolo e decisamente più fastidioso. Infatti il secondo Gargoyle avrà la capacità di sputare fiamme, con il rischio di provocare la vostra morte. Dovrete approfittare della lontananza del primo nemico per colpirlo e ucciderlo il prima possibile perché non farà altro che ridurre le vostre finestre d’attacco con le sue lingue infuocate.

Inoltre, se riuscite ad arrivare alla boss-fight in forma umana potrete contare sull’aiuto di Solaire di Astora, un NPC molto utile in grado di spostare l’attenzione di uno o entrambi i Gargoyle dandovi la possibilità di mettere a segno più colpi.

Questi tre boss, che mettono in crisi la maggior parte dei giocatori, come vedete, risultano piuttosto semplici se li si fronteggia con criterio, cognizione di causa e soprattutto un minimo di furbizia.
Continuate a seguirci per ulteriori guide su Dark Souls, in uscita in occasione di Dark Souls Remastered