Se avete seguito i nostri canali, avrete notato che negli scorsi giorni siamo volati a Colonia in occasione della Gamescom 2015. Uno dei principali titoli su cui abbiamo potuto mettere le mani in prima persona è stato il nuovissimo Call of Duty Black Ops 3 sviluppato da Treyarch! Il titolo è in arrivo questo 6 Novembre per PlayStation 4, PlayStation 3, Xbox One, Xbox 360 e PC.

Call of Duty è tornato, questa volta con un focus ancora maggiore sul proprio gameplay e sulla trama. Abbiamo infatti avuto la possibilità di provare sia vari match multiplayer, sia una demo campagna.
Inizieremo proprio parlando dell’aspetto campagna e sopratutto Cooperativo.

 Call of Duty Black Ops 3 trasporta i giocatori in un futuro in cui la biotecnologia ha portato alla creazione di una nuova specie di soldati cibernetici. Questi soldati, sempre attivi e connessi alla rete di servizi segreti e ai propri compagni, sono più veloci, più forti e più intelligenti. In un mondo straziato dalla guerra, i soldati scelti Black Ops devono prendere decisioni difficili e visitare i luoghi più oscuri di questa storia violenta e avvincente.

Con il terzo capitolo di Black Ops, Treyarch ha quindi deciso di dedicare molte risorse, non solo sul solido multiplayer della saga, ma sopratutto sull’aspetto campagna fornendo al titolo un entusiasmante co-op online a 4 giocatori la cui parola chiave è rigiocabilità.
Momenti epici e cinematografici ci faranno compagnia in combattimenti in vaste aree aperte a cui il nostro soldato dovrà approcciarsi con strategie diverse partita dopo partita.
Nel realizzare tutto questo, il team ha approfittato del nuovo Hardware a disposizione per permettere al giocatore di pensare fuori dagli schemi ed interagire con l’intera mappa, fronteggiando un IA costruita basandosi, a detta di Tryarch, su oltre 20 sistemi emergenti di Intelligenza Artificiale.

La nostra prova su Campagna

Arrivati sulla nostra postazione, ci viene presentato brevemente il gioco ed i nostri soldati. Impersoneremo solo il meglio del meglio, i nuovi soldati sono muniti di nuclei cybernetici e apparati tattici che gli permettono un enorme livello di personalizzazione, dall’hacking a distanza con possibilità ad esempio di controllare un drone nemico, a sequenze di colpi corpo a corpo o ancora potenziamenti passivi e perk vari a cui tutti siamo solitamente abituati.

La missione che abbiamo provato consiste nel difendere una postazione isolata da un muro fortificato, aldilà del quale ci sono orde di nemici che stanno per sfondare le nostre difese. Prima di iniziare con la missione, ci coordiniamo con i nostri compagni e prepariamo il nostro armamento, per poi cimentarci in una frenetica quanto spettacolare azione co-op a 4 giocatori.call_of_duty_black_ops_3-game-screenshot-FPS-game-1920x1080
Si nota subito un eccezionale lavoro tecnico, sia per quanto riguarda l’engine di gioco che oltre a muovere molti nemici è ricco di dettagli ed effetti, sia per quanto riguarda il comparto animazioni, decisamente migliorato. Nel pieno della nostra azione, abbiamo potuto provare in prima persona i potenziamenti Cybernetici del nostro soldato, che ci hanno permesso di controllare IA nemiche in prima persona oppure rivoltarle automaticamente contro, ma questi sono solo due dei vari potenziamenti ed abilità di cui è munito il nostro soldato.
Durante tutta la prova, nonostante il livello di difficoltà fosse moderato, rimanere per terra era molto semplice se non si faceva un team work definibile tale con i propri compagni, un solo passo falso o una mossa avventata poteva costare caro non solo a noi, ma a tutta la squadra.

La demo è durata relativamente poco, lasciandoci tuttavia soddisfatti di quanto provato. Il sistema Co-op a 4 giocatori è efficiente e divertente, così come il solidissimo gameplay della saga, evoluto per console di nuova generazione.
In vista di quanto provato sulla campagna, Call of Duty Black Ops 3 si prospetta un’entusiasmante esperienza Campagna per tutti gli amanti degli sparatutto.

Frenesia Multiplayer

Il nuovo multiplayer del titolo di Treyarch ci propone molte migliorie e nuove funzionalità, prima di tutte tra queste un sistema di movimento interamente nuovo e migliorato. Il tutto è sequenziale, ovvero, le azioni in prima persona saranno veloci ed immediate, permettendo al giocatore di focalizzarsi sulla precisione ma al contempo muoversi in piena libertà sfruttando l’ambiente circostante.
Durante la nostra prova abbiamo potuto osservare in azione salti potenziati con un piccolo propulsore, potenti scivolate, corse sui muri e tanto altro, il tutto senza che pesi sul giocatore o che faccia perde il focus sulla propria mira.
Sfruttare la mobilità a 360 gradi sulle nuove mappe appositamente studiate per il nuovo sistema di movimento, è stata la chiave vincente che ha permesso di posizionarci tra i primi posti durante le nostre partite alla Gamescom 2015.

Ma le novità non finiscono qui, vengono introdotti gli Specialisti, i veri protagonisti del Multiplayer di Call of Duty Black Ops 3. Si tratta di veri e propri specialisti d’elite, tra cui scegliere, per un totale di nove, ciascuno dei quali con proprie caratteristiche uniche e proprio carattere, voce e così via. Gli specialisti saliranno di livello e potranno essere potenziati, affiancando quindi la normale esperienza guadagnata per potenziare armi.
Il sistema di specialisti, cambia l’approccio del giocatore al gioco stesso, alcuni sono portati per gli scontri a distanza, altri invece sono l’ideale per il combattimento da mischia, ognuno ha le proprie abilità e perk unici, insomma, ce n’è per tutti i gusti!call-of-duty-specialisti

Nella nostra prova ad esempio abbiamo potuto impersonare Nomad, uno specialista con la possibilità di rianimarsi grazie all’uso di nano-particelle nel suo sistema sanguigno, mentre la sua arma speciale, H.I.V.E, rilascia delle trappole a boccello di letalissimi nano-droni.
Ma era solo uno dei tanti, e purtroppo il tempo limitato non ci ha permesso di provarli tutti quanti.
Per conoscerli, basta comunque visitare il sito web ufficialie!

Ultimo ma non meno importante, persistente su Call of Duty è l’ottimo sistema di personalizzazione, che tramite una nuovissima Armeria ci permette di adattare ogni arma alle nostre esigenze, aggiungendo molteplici accessori per modificarne il comportamento, mimetiche e persino emblemi personalizzati, se vi piace un arma, perché non crearne una vostra personalissima versione definitiva?
Qui, Treyarch ha dato il meglio di se, creando un editor, il Weapon Paint Shop, che permette ai giocatori su Xbox One, PlayStation 4 e PC, di personalizzare interamente la propria arma con grafiche disegnate dal giocatore stesso, il tutto per un totale di 64 livelli e tre lati su cui disegnare la propria skin.

Concludendo

Outrider_Profile_BOIIIAlla luce di tutto questo e quanto provato, Call of Duty, con Black Ops 3, si evolve nella giusta direzione, con un gameplay coinvolgente ed una campagna che, finora, promette di essere una delle più avvincenti e coinvolgenti di sempre, sopratutto se giocata in co-op con un gruppo di Amici.
Il multiplayer lascia completa scelta al giocatore sul fronte della personalizzazione e delle possibilità. Il nuovo sistema di movimento è solido e funzionale, e permette al giocatore una libertà di movimento senza precedenti, unita al costante focus sul proprio gameplay che non viene disturbato da fastidiose animazioni.
Oltre a questo, il sistema di personalizzazione più l’utilizzo di specialisti, è pronto ad accontentare anche il giocatore più esigente, dandogli in questo modo un’enorme possibilità di scelta.
Call of Duty Black Ops 3 è in arrivo il 6 novembre su PlayStation 4, Xbox One e PC. Il gioco sarà inoltre disponibile per console di vecchia generazione, ovvero Xbox 360 e PlayStation 3.
La beta avrà inizio il 19 Agosto su PlayStation 4, per poi arrivare su Xbox One e PC il 26 Agosto.