Guitar Hero Live è l’ultimo titolo sfornato da FreeStyleGames, creatori di DJ Hero 1 e 2 e dei precedenti Guitar Hero, che arriva per la prima volta su console di nuova generazione con un concetto tutto nuovo!
Il titolo, in uscita per console Microsoft, Sony, Nintendo e alcuni Smartphone selezionati questo autunno, più precisamente il 23 di ottobre, si presenta nel più spettacolare dei modi, dandoci modo di ammirare fin da subito alcune delle sue peculiarità.

IL NUOVO CONTROLLER

La novità più evidente del nuovo capitolo dell’amata serie è il caratteristico controller-chitarra che si distingue subito dai suoi predecessori per la sostituzione dei suoi storici 5 tasti colorati disposti in fila sul manico della periferica con due file da 3 tasti differenziati non più dal colore diverso (i tasti infatti sono tutti dello stesso colore, lo stesso del manico), ma dalla trama dei tasti stessi che si distinguono in 3 Tasti Neri (con una trama incrociata), disposti nella fila superiore e 3 Tasti Bianchi disposti nella fila sottostante (che sono invece lisci), per un totale di 6 Tasti, rispettivamente neri e bianchi nell’interfaccia di gioco.
Il design del nuovo controller, decisamente più realistico ed elegante dei precedenti ha, come si può immaginare, anche un riscontro nuovo nel gameplay di gioco che non richiede più l’utilizzo del mignolo nelle performance dei giocatori ma lascia che essi si concentrino su indice, medio ed anulare.
new-ghlive-hardware

Il disporre i tasti in due file parallele inoltre, apre al giocatore un modo più realistico di suonare la chitarra, introducendo infatti, già a partire dal livello medio di difficoltà, la realizzazione di accordi, premendo quindi tasti neri e bianchi allo stesso tempo in diverse combinazioni rendendo più semplici le performance ai “novellini” che si confrontano col gioco per la prima volta e allo stesso tempo più arduo per i veterani del titolo che avranno pane per i loro denti.

Sono rimaste pressoché invariate nella loro disposizione, la barra della pennata, l’asta del vibrato, il tasto Star Power, adesso rinominato Hero Power e il tasto di pausa, in aggiunta invece troveremo il nuovo tasto GHTV che non è altro che una scorciatoia alla modalità GHTV di cui vi parleremo a breve.

UN NUOVO MODO DI VIVERE LA PERFORMANCE

Passando al gioco in sé, è certamente una novità la prospettiva adottata in Guitar Hero Live rispetto ai precedenti titoli. Il nuovo titolo di FreeStyleGames infatti offrirà due diverse modalità che si contrappongono e completano allo stesso tempo, offrendo due punti di vista diversi al giocatore-musicista che potrà giocare la modalità Live e la modalità “TV”.ghlive1

La modalità Live

Nella modalità Live, il giocatore, abituato fino ad ora a vedere la sua performance dal punto di vista dello spettatore, viene adesso a trovarsi direttamente sul palco con una visuale in prima persona che si focalizza, anziché sugli artisti, sul pubblico, che reagisce in modo positivo o negativo in base alla bravura del giocatore; per la realizzazione di questa modalità sono infatti state registrate delle cinematiche dal vivo che simulano la visuale che il musicista sul palco ha dei suoi spettatori e dei compagni della sua band che risultano molto realistiche e pongono il giocatore al centro della scena, facendogli quasi sentire la pressione che hanno addosso gli artisti che si esibiscono dal vivo.
Questa cosa è amplificata anche dal fatto che le cinematiche sono state realizzate in due versioni diverse che si alternano durante la riproduzione dei brani a seconda dell’abilità del giocatore: una in cui il pubblico si mostra entusiasta dello spettacolo e una in cui il pubblico è evidentemente deluso dalla performance.guitar_hero_live_ghlive_rock_the_block_1

Questa nuova modalità è divisa a sua volta in due “sotto categorie”, due tipi differenti di Festival: SoundDial e Rock the Block, concerti differenziati dal tipo di pubblico e location in cui il giocatore si troverà a inscenare la sua performance.

Se verrà selezionata dal giocatore la modalità SoundDial, egli si troverà davanti un pubblico di milioni di persone come tipico dei concerti britannici all’aperto, se verrà invece selezionata la modalità Rock the Block, si avrà un’esperienza più simile ai concerti tipici americani, in locali al chiuso o in parchi cittadini.

La modalità GHTV

La modalità TV, invece, rappresenterà la modalità multiplayer del titolo, in cui più giocatori, online o in co-op locale, suonando contemporaneamente lo stesso brano, allo stesso livello di difficoltà, si sfideranno sui video musicali presenti nei “Canali” che vengono introdotti proprio con questa modalità che offriranno una limitata ma frequentemente aggiornata selezione di video musicali e permetterà ai giocatori di guadagnare monete virtuali sfidandosi in game e soprattutto farà scoprire loro nuove canzoni, cosa che sarà possibile anche nella modalità live grazie all’elenco brani che verrà sempre aggiornato con nuovi brani aggiunti tramite DLC scaricabili gratuitamente o DLC acquistabili con soldi reali.

Con la modalità TV la sensazione del giocatore, come dice il nome stesso, sarà simile a quella data da una TV, la possibilità di cambiare canale, il poter riprodurre i video musicali in diretta, danno un’esperienza più coinvolgente al giocatore che si potrà trovare per esempio, come nell’esperienza televisiva, a guardare un programma che volge già al termine o ritrovarsi al culmine della riproduzione del brano, saranno inoltre presenti dei piccoli video introduttivi che simuleranno una pubblicità, esattamente come nella TV tradizionale, i brani infatti, non saranno scaricati in locale ma riprodotti direttamente in streaming, non appesantendo il nostro Hard Disk.Guitar Hero Live TV

Suonare brani farà sì che il giocatore guadagni una moneta virtuale salendo di livello, spendibile in potenziamenti in game, nuove skin, in nuovi Hero Powers (che, come lo Star Power dei capitoli precedenti, permetterà ai giocatori di avere un vantaggio sull’avversario e stabilire nuovi punteggi record sulla leaderboard globale) e molto altro, tra cui nuovi brani “on demand”.

Il livello ottenuto con i punteggi in game sarà utile per sbloccare nuovi concerti premium” accompagnati dai relativi contenuti nella modalità GHTV gratuitamente, ma se si volesse accedervi subito, sarà anche possibile acquistarli con soldi veri.

Caratteristica dei precedenti Guitar Hero è senza dubbio la possibilità di collegare un microfono alla propria console e cantare i brani insieme ai propri amici, cosa che sarà disponibile anche in questa nuova versione, nuova interessante aggiunta, però, nell’era degli smartphone, sarà la possibilità di sostituire il microfono con il proprio smartphone che si sincronizzerà col gioco tramite un’applicazione apposita e ci permetterà di scatenare le nostre corde vocali a suon di note musicali.

PICCOLE CURIOSITÀ

Come abbiamo accennato nel corso di questa Anteprima, una delle curiosità più interessanti sulla produzione del titolo è proprio il fatto che tutte le reazioni del pubblico e dei compagni di scena sono state registrate dal vivo su palchi e locations appositamente create per l’occasione.
Altra piccola curiosità è che una delle band che ci accompagneranno nelle nostre performance sul palco è effettivamente una band musicale esistente, che, da fan della serie, si è proposta per collaborare con FreeStyleGames e Activision alla creazione del titolo recitando sul palco dei festival durante le riprese.
Parlando dei festival, uno dei festival della modalità Live, Rock the Block, è ispirato al circuito di festival americano di Boulder City mentre SoundDial è famosissimo in Inghilterra per con concerti da più di 300.000 spettatori!

LA NOSTRA ESPERIENZA ALLA GAMESCOM

Durante il nostro soggiorno a Colonia, tra le altre avventure alla Gamescom 2015, ho avuto modo di provare il titolo insieme agli sviluppatori di FreeStyleGames che dopo avermi fatto una panoramica nell’interfaccia di gioco e delle sue caratteristiche e diverse modalità, raccontandomi nel frattempo qualcuna delle curiosità menzionate su, mi hanno fatto finalmente imbracciare la nuova chitarra.ghlive2
All’inizio ero un po’ stranita, abituata ai 5 tasti colorati dell’interfaccia dei precedenti capitoli, i tre plettri bianchi con la punta rivolta verso il basso della modalità facile mi stranivano un po’, poi continuando a suonare il brano ho iniziato a prenderci la mano e il simpatico omone barbuto di FreeStyleGames mi ha proposto di cambiare la difficoltà, impostandola su Medio, ed è stato lì che il vero gioco è iniziato!
Gli accordi e il rapido alternarsi di plettri bianchi e plettri neri sullo schermo (con le punte rivolte in modo opposto l’uno all’altro) e di tanto in tanto anche l’alternarsi di note bianche e nere in contemporanea, ha reso un po’ meglio il concetto del nuovo titolo che si è mostrato un degno successore dei precedenti, insieme alle sue novità che sono sicuramente riuscite ad attirare la mia attenzione.

È ancora presto per dare un giudizio vero e proprio, ma le premesse sembrano più che buone!
Ci sentiamo ad Ottobre con la recensione finale! 😉