E’ da poco stata rilasciata la prima incursione di Destiny 2, Il Leviatano, e sin dalle prime ore ha tenuto impegnato un numero elevato di giocatori. Tuttavia in molti ritornando in Orbita per poi ricalarsi nell’attività, sono stati colti da un dubbio: “ma il checkpoint?”

Come i veterani di Destiny sapranno, i checkpoint dell’incursione non sono altro che dei salvataggi in determinati punti predefiniti, per permettere ai giocatori di poter riprendere l’attività da un determinato step, la volta successiva in cui si ha intenzione di giocare l’incursione. Se nel caso del primo capitolo, il salvataggio del checkpoint era immediato, nel caso de Il Leviatano di Destiny 2 non è esattamente così.

Il primo step da affrontare nella nuova incursione, è la conquista di alcune bandiere che va a ripetersi ogni qualvolta bisogni affrontare una nuova stanza. Questo significa quindi che il checkpoint dello step successivo inizia esattamente con la conquista delle bandiere, ed è qui che i giocatori hanno avuto dei dubbi sulla mancanza dei checkpoint, data la procedura identica a quella di inizio incursione a cui si viene posti una volta atterrati.
Tuttavia, basta affrontare la conquista delle bandiere (o anche solo estrarre lo Spettro) per rendersi subito conto del fatto che tutto procede per il verso giusto, e proseguire quindi da dove l’incursione è stata lasciata.

Un dubbio che sicuramente ha fatto preoccupare i più, ma nulla di cui aver paura. Nel frattempo, avete già affrontato Il Leviatano? Cosa ne pensate?