Ieri sera alle 21:00 locali ha avuto inizio la prima conferenza dell’edizione 2017 dell’Electronic Entertainment Expo (E3) a Los Angeles, con EA Games che ha aperto le danze a suon di tamburi e senza esitazione; la conferenza ha avuto un buon ritmo, spezzato talvolta dagli intermezzi commentati e riguardanti per lo più i titoli sportivi, la cui presenza per quanto scontata è necessaria.

Il primo titolo ad essere presentato è stato NFL Madden 2018; come vedremo accadere per tutti i titoli sportivi di rilievo pubblicati da EA Games, anche Madden ora vede implementata una modalità storia, detta “Long Shot“; viene anche in seguito precisato che il titolo sfrutterà al massimo il potenziale offerto da Xbox Scorpio, per il cui development kit i presentatori non hanno risparmiato complimenti.

Battlefield 1

A seguire un annuncio su Battlefield 1, riguardante il DLC “In the name of the Tsar“, che gli sviluppatori di DICE affermano essere il più grande DLC mai realizzato per la serie: infatti verranno inserite ben 8 nuove mappe multigiocatore ambientate nella russia invernale; due mappe sono state mostrate finora, una che sembra essere ambientata in campagna ed una che invece è ambientata in contesto cittadino, di notte, con tantissime trincee; il gioco inoltre introdurrà alcuni aggiornamenti legati alla progressione del personaggio, come ad esempio le specializzazioni, su cui tuttavia non è stata fatta molta luce. Il pacchetto è previsto per settembre di quest’anno.

Sempre correlato a Battlefield 1, DICE afferma di aver voluto soddisfare le richieste della community, realizzando una modalità fortemente competitiva e orientata al teamplay, le cui specifiche verranno rivelate alla Gamescom di Colonia quest’anno.

Successivamente arriva un trailer spettacolare per Fifa 2018, che continuerà The Journey, la storia di Alex Hunter, il calciatore protagonista del racconto che la serie ha introdotto nel 2017.

Need for Speed Payback

Salgono sul palco due commentatori che introducono Need for Speed Payback, il nuovo capitolo della serie di corse automobilistiche, che anche in questo caso vede una storia piena di azione alla fast & furious e un gameplay rivisto, contemplando ben 3 protagonisti, ciascuno un pilota con diverse caratteristiche, abilità e stile di guida; il gioco sarà Open World e sono stati mostrati diversi ambienti che sembrano avere principalmente a che fare col paesaggio extraurbano degli Stati Uniti; segue un gameplay trailer con scene ben oltre il reale ma che sa intrattenere.

A Way Out
Una delle IP più interessanti presentate a questo E3

Giunge invece il momento della prima nuova IP EA games, prodotta sotto il marchio “EA Originals”, ovvero quegli studi minori che si appoggiano alle capacità e alle risorse di EA Games per rendere reali grandi progetti sulla carta; A Way Out è il nome del titolo, rivelatosi un progetto davvero interessante, pensato e costruito per essere giocato solo ed esclusivamente in Split-Screen: potremo giocare in locale così come online, ma in entrambi i casi potremo vedere la metà dello schermo di chi sta giocando con noi. Il titolo non è interamente nuovo, riprendendo una formula che mescola giochi come Army of Two e titoli fortemente pilotati da una storia come The Last of Us: il risultato è qualcosa di molto promettente, narrando la storia di due uomini che organizzano la propria fuga da un penitenziario e il successivo viaggio intrapreso, che porterà a vivere situazioni sempre più diverse fra loro a detta degli sviluppatori.

Un breve intermezzo vede il presentatore principale rivolgere parecchi elogi alla piattaforma Scorpio di Microsoft, che permetterà ai suoi fortunati proprietari di vivere le esperienze proposte da EA Games al massimo della fedeltà e in 4k; in questa occasione viene introdotta una seconda nuova IP di tipo Sci-fi, Anthem, che verrà mostrata più in profondità durante la conferenza xbox nell’arco dedicato a Project Scorpio; anche se non abbiamo niente sulla carta, quel poco che è stato mostrato ci ha incuriosito e non vediamo l’ora di saperne di più.

Ritornano sul palco i giochi sportivi, con NBA Live 18 di cui ci viene mostrata una sessione di gameplay e la sua modalità storia, “The One“, che vedrà il giocatore affrontare due realtà, quella del gioco di strada e quello delle competizioni, the League, in cui il personaggio godrà di reputazione diversa.

Subito prima del grande spazio dedicato a Star Wars Battlefront II vi è un breve spazio dedicato ad un’opera di beneficenza di EA Games, “Play to give”, in cui EA annuncia l’intenzione di donare 1 milione di dollari ad alcuni partner dedicati nell’ambiente della parità di sessi e della tecnologia.

E’ qui che infine EA si è giocata il tutto per tutto, mostrando uno Star Wars Battlefront II che cerca di andare incontro a tutte le critiche che sono state mosse al primo: c’è quasi da chiedersi se il mondo non abbia cominciato a funzionare al contrario viste le premesse fatte in materia, dato che Battlefront II da già la sensazione di essere un titolo completo al lancio e le cui espansioni saranno totalmente gratuite, costituite da eventi stagionali che ricopriranno tutto il titolo.

La tanto attesa modalità storia del gioco è stata finalmente introdotta e arriva dritta dritta dalle penne di LucasFilms; per quanto riguarda il titolo in sé, una lunga demo è stata giocata e commentata in diretta, in cui ci è parso di vedere un titolo decisamente più robusto e ambizioso del primo, sebbene ancora necessiti di aggiustamenti e pulizia; come per il titolo precedente, il multiplayer sembra mescolare assieme tutti i contenuti delle 3 ere di Star Wars, consentendo di giocare eroi di qualunque epoca in qualunque missione; inoltre, sebbene non ci sia stata molta copertura sull’argomento, è possibile che venga re-introdotto il combattimento spaziale, andato perduto nel titolo precedente.

Fra le altre info riguardanti Battlefront II, ci viene rivelato da un video in cui compare John Boyega (Finn in Star Wars Episodio VII) che il preordine del titolo ci darà accesso alla prova beta e che una delle mappe del gioco contemplerà un pianeta di Star Wars Episodio VIII; per ulteriori informazioni vi rimandiamo alla nostra news in merito.

A seguire, EA play si è di fatto concluso con una presentazione di Star Wars Galaxy of Heroes, un’app per dispositivi android, seguita da una serie di interviste, dibattiti e sessioni di gameplay di vari titoli presentati durante la conferenza.

Complessivamente EA si è difesa molto bene durante questa presentazione, dove un grande spazio è stato dedicato a Star Wars e ai titoli sportivi, ma dove han comunque saputo trovare spicco piccole perle come A Way Out; tuttavia è importante ribadire come EA intenda giocarsi altre carte durante la conferenza Xbox che si terrà questa notte alle 23:00.