Chi abita a Roma ed è appassionato di videogames lo sa bene:  la nostra città spesso viene ignorata per quanto riguarda eventi ed appuntamenti a tema videogames, che spesso si concentrano tutti nella zona di Milano. Ne è cosciente ancor di più chi appartiene al mondo dell’informazione di settore, con decine e decine di anteprime, presentazioni e conferenze stampa che si svolgono ogni mese nel nebbioso capoluogo lombardo. Roma, dal canto suo, è popolata da un numero impressionante di videogiocatori, che aspettano soltanto l’occasione di poter partecipare ad un evento che assomigli vagamente alla celebre Milan Games Week, che ogni anno fa registrare migliaia di accessi ai suoi padiglioni. Qualcuno sembra aver colto questo potenziale, e prima Vigamus con il suo GameRome, poi AESVI con il festival Let’s Play hanno portato finalmente il videogioco ad essere protagonista della capitale. La manifestazione promossa dall’Associazione Editori e Sviluppatori Italiani è andata in scena la scorsa settimana tra le aree del Guido Reni District, ennesimo esempio della capacità di Roma di riconvertire i suoi spazi per donarli al grande pubblico, e si è conclusa questa Domenica riscontrando un’ottima affluenza. 17K Group c’era, e in questo articolo vi portiamo la nostra esperienza del Let’s Play Roma!

lets-play-roma-3

Situato nel cuore pulsante di Roma, di fronte al Museo Maxxi, il Guido Reni District non sarà facilissimo da raggiungere, ma è una location suggestiva e perfetta per un evento come il Let’s Play. Attorno ad un ampio cortile si dispongono i padiglioni, ognuno dedicato ad un aspetto diverso del gaming. C’è quello riservato ai team di sviluppo indipendenti, quello del retrogaming, poi l’enorme area espositiva occupata dagli stand Xbox, Sony e Nintendo. Le postazioni per i tornei, le aree YouTubers e le sale che hanno ospitato numerose conferenze e workshop sul mondo dei videogiochi. Un’offerta ampia in grado di soddisfare i gusti davvero di tutti, e proprio per questo non sorprende il dato che registra ben 31.300 accessi alla fiera nei 5 giorni del Let’s Play Roma.

lets-play-roma-11

lets-play-roma-10

Molto spesso, come capita anche ad eventi come la Milan Games Week, le fiere del videogioco non riescono a tradursi in appuntamenti utili a giocare insieme, a causa dell’esiguo numero di postazioni presenti. Nella manifestazione capitolina invece, sia nel padiglione degli espositori che in quello del retrogaming, decine e decine di console sono state le grandi protagoniste. Poter giocare insieme ai grandi classici del passato e ai nuovi titoli in arrivo nel prossimo futuro è stata sicuramente la “core experience” che il Let’s Play Roma ha saputo offrire ai suoi visitatori. Ma oltre al mero intrattenimento, la fiera si è occupata anche di fare informazione e cultura, con oltre 1000 ragazzi che hanno animato i workshop progettati da Agnese Addone e Marco Vigelini. Per non parlare delle conferenze che hanno visto la partecipazione di alcune delle più importanti personalità appartenenti all’industria, con ospiti internazionali e figure professionali provenienti dalle più importanti aziende legate al videogioco. Il Let’s Play è stata inoltre la cornice dove si è svolta la quinta edizione del Premio Drago d’Oro, che quest’anno ha conferito la statuetta di miglior videogioco dell’anno 2016 Final Fantasy XV. Hajime Tabata e Fumito Ueda, due personalità che è inutile che vi presentiamo, sono stati il fiore all’occhiello della serata finale, che ha visto sul palco anche Marco Conti, Car Handling Designer di Forza Horizon 3 e Takeshi FurukawaTomonobu Kikuchi, che hanno ritirato il premio per la colonna sonora di The Last Guardian.

lets-play-roma-9 lets-play-roma-8 lets-play-roma-4

Insomma, un evento dal respiro internazionale che ha reso per questa settimana Roma la vera capitale del videogioco mondiale. Forse il trend del Milanocentrismo sta cambiando, e vedremo spesso altre manifestazioni legate al videogioco nella nostra città. Nel frattempo, grazie all’enorme successo, Let’s Play tornerà quasi sicuramente con una seconda edizione l’anno prossimo, più ricca e più grande di prima!

lets-play-roma-1