The Elder Scrolls V: Skyrim è stato una pietra miliare del gaming e uno dei titoli più iconici sin dall’inizio del decennio corrente e ha da poco fatto ritorno con la Special Edition; fra le varie meccaniche di gioco proposte da skyrim vi è l’alchimia, la forma principale di crafting messa a disposizione delle classi che seguono la via del ladro.

Spesso alcuni giocatori potrebbero ignorare completamente l’alchimia perché gli effetti degli ingredienti sono inizialmente sconosciuti; tuttavia l’alchimia è una meccanica di gioco talmente radicata e talmente utile che può non solo farvi avere successo in situazioni complicate, ma anche aprirvi gli occhi di fronte a un mondo di strategie che prima potreste non aver nemmeno considerato. Con questa guida intendiamo mostrarvi i principali benefici dell’alchimia espressi in maniera sintetica e come sfruttarli al meglio, oltre a mostrarvi come e dove recuperare gli ingredienti necessari.


PREMESSA – USI DELL’ALCHIMIA

La forma più immediata da apprendere di uso dell’alchimia è nel ristoro degli attributi di energia, magicka e vigore; non avere a disposizione riserve di questi attributi può implicare il vostro insuccesso (o la morte, nel caso dell’energia) e l’alchimia offre in skyrim il metodo più immediato per ripristinarli in modo istantaneo.

Successivamente, l’alchimia viene utilizzata per infliggere danno grazie ai veleni: grazie a questa funzionalità potete aumentare temporaneamente il danno inflitto o applicare dei malus alla vittima, ad esempio impedendole di rigenerare magicka o vigore (rendendo impossibile ai maghi di lanciare magie e ai draghi di volare). Esistono due modalità per infliggere danno grazie ai veleni, il danno diretto e istantaneo, il cui ammontare viene influenzato dagli attacchi furtivi e il danno nel tempo, che offre quantità di danno maggiore ma non viene influenzato dagli attacchi furtivi.

Infine, l’alchimia viene usata per dare un boost temporaneo a tutti gli attributi, infatti per ogni abilità esiste una pozione che ne potenzia gli effetti per un tempo limitato: fortifica armi a una mano, fortifica armatura pesante, bloccare e così via. Può sembrare poco importante ma in verità i boost offerti da queste pozioni vanno sempre tenuti in considerazione; ciò che potrebbe farvi da ostacolo in tutto questo è l’interfaccia grafica di Skyrim che non consente una comoda consultazione e navigazione dell’inventario delle pozioni.


RIPRISTINO ATTRIBUTI

Esistono 3 attributi che possono essere ripristinati in Skyrim, andremo a vedere per ciascuno di questi degli ingredienti molto comuni.

SALUTE: per ripristinare la salute si possono usare i fiori di montagna blu, il ceppo folletto, il ranucolo e il grano, tutti ingredienti estremamente comuni nelle lande di skyrim, nelle caverne e nei pressi delle città. Queste pozioni tornano comode a qualunque classe, in particolare a quelle che non possono far comodo uso del recupero.

MAGICKA: per ripristinare la magicka si possono utilizzare ingredienti estremamente comuni come il mora tapinella e i fiori di montagna rossi, comunemente sparsi per tutte le aree boscose di skyrim, i rampicanti che crescono vicino ai geyser a sud di windhelm o i bacelli d’erba che crescono presso la costa settentrionale di Tamriel; esistono anche altri ingredienti molto comuni, ma quelli menzionati finora sono quelli di cui è facile fare una grande scorta senza fatica. Le pozioni per ripristinare la magicka sono fondamentali per coloro che fanno grande uso della magia in combattimento, in particolar modo a livelli bassi quando le riserve e la capacità di rigenerarle sono limitate.

VIGORE: per ripristinare il vigore si possono utilizzare i fiori di montagna viola e un grandissimo range di altri ingredienti che non sono diffusi in grandissima concentrazione in Skyrim, ma che è facile trovare ovunque: addomi di lucciola, artigli di orso, parti di tigre dai denti a sciabola, chitine di granchio del fango, api e così via. Di tutte le pozioni per ripristinare attributi queste sono forse le meno utili, visto come per chi fa uso di questo attributo esistano modi più comodi per renderlo virtualmente infinito; ne parleremo in un altro momento.


VELENI

Questo grafico vale più di mille parole quando si tratta di esporre l'efficacia dei veleni in game.
Questo grafico vale più di mille parole quando si tratta di esporre l’efficacia degli ingredienti dei veleni in gioco.

Andremo a osservare alcuni tipi di veleno che possono rivelarsi utili non solo in combattimento quanto proprio come materiale di scambio nel commercio.

DANNEGGIA SALUTE: Esistono due varianti nell’edizione italiana di Skyrim, una che riduce la salute massima della vittima per un breve tempo e una che invece infligge danni istantanei, ci interesseremo a quest’ultima. I due ingredienti più comuni per ottenere questo effetto sono la campanula mortale e la belladonna, diffuse soprattutto nella palude a sudest di Solitude nel primo caso e un po ovunque in tutta skyrim nel secondo, con particolare concentrazione nei cimiteri o nei luoghi di sepoltura, ad esempio a Falkreath e a Riften; successivamente viene la radice di Nirn, estremamente diffusa nei pressi delle fonti di acqua di tutta la regione e la codalarga: quest’ultimo ingrediente è uno dei più efficienti in questa applicazione, aumentando i danni e infliggendo anche un effetto di rallentamento velocità alla vittima. Uno dei migliori veleni possibili vede l’uso di campanule mortali, della codalarga e della corona sanguinante per realizzare un veleno che danneggia, rallenta e amplifica la debolezza al veleno della vittima ed è realizzato con ingredienti estremamente comuni.

DANNEGGIA SALUTE NEL TEMPO: Questo è il signore di tutti i veleni quando si tratta di voler infliggere un grande quantitativo di danni a nemici dotati di una grande quantità di energia come boss di dungeon o draghi; in generale dovreste fare affidamento a questo genere di veleno se disponete di una grande abilità in alchimia e volete infliggere tanti danni in un combattimento in cui la vostra furtività è compromessa. Gli ingredienti principali sono il Mora Tapinella e il Ceppo Folletto, due funghi molto diffusi in tutto il gioco; il ceppo folletto include anche l’effetto di paralisi, per cui è possibile realizzare veleni estremamente potenti aggiungendo solo un altro ingrediente con lo stesso effetto. Altri ingredienti molto comuni sono le scaglie e le uova di pesce macellaio.

DANNEGGIA RIGENERAZIONE MAGICKA/VIGORE: Questi due generi di veleno sono, purtroppo, piuttosto inutili all’interno di Skyrim: il più delle volte prima di poterli sfruttare a proprio vantaggio si conclude per aver già ucciso la vittima in altri modi (o essere stati uccisi, alle difficoltà più alte), pertanto il più delle volte non li utilizzerete nemmeno: avrete ben altre preferenze al fine di attuare la vostra strategia con successo. Tuttavia il valore di questi veleni è per qualche strana ragione elevatissimo e possono tornare utili per ottenere grandissime quantità di oro commerciando, quasi senza sforzo; in questo modo potrete potenziare la vostra abilità in alchimia ma anche l’oratoria. Per il primo effetto potete usare il comune e largamente inutile muschio, le ali di farfalla blu, la belladonna e i fiori di montagna blu; per il secondo potete usare il grano e le bacche di ginepro o i rampicanti, entrambi estremamente diffusi sulle colline vicino Markhart e nell’area dei geyser di Windhelm rispettivamente.


UTILITÀ E SUPPORTO

Di seguito invece alcuni degli effetti benefici delle pozioni che possono tornare particolarmente comodi a specifiche classi o in generale.

FORTIFICA DISTRUZIONE: Questo genere di pozioni è importante per coloro che giocano sfruttando la magia della distruzione come principale metodo per infliggere danni in combattimento, ma hanno ricaduta anche sull’effetto degli incantesimi delle armi. Gli ingredienti migliori per questo effetto sono la Belladonna e il fungo luminoso: oltre ad essere comuni, possono essere coltivati nelle serre o nei giardini delle abitazioni.

FORTIFICA TIRO: Questo genere di pozione è come una manna dal cielo per i giocatori che prediligono il combattimento a distanza, in particolar modo se furtivo; ha anche l’effetto di migliorare i danni dei pugnali. Due ingredienti comuni per realizzarle sono le bacche di ginepro e la radice canina, due ingredienti estremamente diffusi nel Reach, il feudo di Markhart.

INVISIBILITÀ: Questo preziosissimo effetto torna comodo per passare inosservati attraverso aree del gioco, in particolar modo per potenziare le nostre capacità di furtività e rimanere inosservati anche alla luce del sole; possono essere utilizzati anche con modesta efficienza per fuggire dagli scontri. Fra gli ingredienti più comuni per realizzarlo vi sono le uova di chaurus, in genere diffuse in quantità che raggiungono le decine per non dire le centinaia dove si rifugiano queste creature, le ali di falena e la radice di nirn.

FORTIFICA INCANTAMENTO: Uno degli effetti più utili in assoluto fra tutte le pozioni di Skyrim, ma anche uno che richiede una maestria più che considerevole nella materia al fine di apprezzare i vantaggi se realizzato di persona e non ottenuto tramite commercio. Gli ingredienti più comuni sono le baccaneve e le ali di farfalla blu.

FORTIFICA FORGIATURA: Un altro degli effetti più utili in tutto il gioco, grazie a pozioni con questo effetto potrete migliorare più che sensibilmente il vostro equipaggiamento. I due ingredienti più comuni per ottenere questo effetto sono il fungo luminoso e il ranucolo. Questa è una delle pozioni più importanti da utilizzare alle difficoltà più alte, in quanto può fare la differenza fra la vita e la morte: solo con un elevato quantitativo di corazza potrete sopravvivere agli attacchi dei miniboss sparsi per tutto skyrim, in grado di uccidervi tranquillamente con un colpo solo.

FORTIFICA RECUPERO: Menzioniamo questo effetto non solo per l’enorme utilità che ne deriva, ma anche perché gli effetti benefici della fortificazione del recupero tramite pozioni hanno, per qualche strana ragione, ricaduta positiva su tutte le altre pozioni e sugli incantamenti indossati dal giocatore. Non siamo sicuri se si tratti di un errore di programmazione mai corretto o una meccanica intenzionale, ma con la fortificazione recupero è possibile letteralmente rompere il gioco, arrivando a realizzare pozioni o equipaggiamento di altro genere così potenti da rendere la difficoltà leggendaria una passeggiata e il gioco fondamentalmente noioso. Tratteremo questo effetto in un altro momento, per ora ci limitiamo a menzionare gli ingredienti più comuni: i mucchi di sali onnipresenti in tutta Skyrim e due specie di pesci che popolano le acque di Skyrim, il pinnalunga abeceano e lo spadino cyrodilico.

RESISTENZA ALLA MAGIA: Un effetto fra i più importanti offerti dall’alchimia e uno dei pochi mezzi per ottenerlo senza dover costruire una build estremamente specifica. Viene ottenuto mescolando ingredienti molto comuni come la corona sanguinante, la radice di nirn, il cotone della tundra e la lavanda o le uova di gallina. Tutto sommato, noterete che molti di questi ingredienti sono molto comuni e al contempo assai poco utilizzati all’interno del gioco, lasciando una ampia destinazione d’uso ad uno degli effetti passivi più utili di tutto il gioco.

Esistono innumerevoli altri effetti che potremmo menzionare, ma questi sono quelli che più possono tornare utili alle classi che farebbero maggiore uso dell’alchimia e/o per qualunque classe alle difficoltà più alte.


ALTRI ARTICOLI UTILI