The Elder Scrolls V: Skyrim ha da poco fatto ritorno con la Special Edition e considerando che il gioco non è interamente compatibile coi salvataggi della versione originale, si presenta dunque un’occasione per molti di ricominciare da zero e per i novellini è l’inizio dell’avventura nella fredda regione a nord di Tamriel; Skyrim è un gioco molto flessibile ma l’equipaggiamento è un elemento essenziale per avere successo nel corso dei nostri viaggi, in questo articolo andiamo dunque a vedere dove possiamo trovare le risorse più utili per chi fa grande uso degli archi.


1 – ZEFIRO

Zefiro è un arco nanico dotato di una tratto del tutto unico: un incantamento innato nell’arco aumenta la sua velocità di trazione del 30%. Sebbene Zefiro abbia un danno per colpo piuttosto basso rispetto alla maggior parte degli archi presenti nel gioco, la sua velocità di utilizzo lo rende l’arco più veloce di tutto il gioco, in grado di scoccare una freccia circa ogni secondo e mezzo.

Tuttavia Zefiro è un arco che trova il suo migliore impiego in pochi particolari contesti: il suo danno basso e l’immunità agli incantesimi lo rendono sconveniente per gli arcieri furtivi o coloro che contano sull’infliggere danni massici, tuttavia è di ottimo impiego contro nemici di grandi dimensione o stile boss, specialmente se combinato coi poteri Tiro Potente e Colpo Perfetto, rispettivamente in grado di bloccare e paralizzare il bersaglio.

DOVE TROVARLO

Zefiro si può ottenere nella rovina nanica di Arkngthamz, nel Reach meridionale, a sud della fortezza orchesca di Dushnikh Yal; l’area sarà scossa occasionalmente da terremoti prima di aver completato la quest legata al dungeon. L’arco è appeso a un albero che sporge su un fossato.


2 – ARCO DI AURIEL

L’arco di Auriel è un artefatto leggendario di Elder Scrolls che è passato per le mani di diversi eroi di Tamriel; il caso vuole che durante gli eventi di Skyrim l’arco venga cercato dai vampiri Volkihar e dai Dawnguard; sarà proprio verso la fine dell’espansione dedicata al conflitto tra vampiri e la loro nemesi che potremo mettere le mani su quest’arma.

L’arco di Auriel possiede buone statistiche in generale ed è dotato di un incantesimo unico che infligge bruciature solari ai propri bersagli, triplicando i danni se si tratta di non morti; inoltre l’arco possiede una qualità del tutto speciale: utilizzando frecce speciali ad esso dedicate, è possibile manipolare il tempo, infliggendo danni solari a tutti i nemici intorno a noi o facendo calare la notte istantaneamente, un potere utile per contrastare gli effetti negativi del sole sui vampiri. Zefiro è una delle migliori armi per combattere i non morti come i Draugr nei tumuli dei Nord.

DOVE TROVARLO

Al termine della quest “Toccare il cielo” della questline di Dawnguard si otterrà il possesso dell’arco di Auriel; è possibile ottenere un quantitativo limitato di frecce solaridel sangue dal Paladino Cavaliere Gelebor o da Serana.


3 – ARCO DEI NIGHTINGALE

 

L’arco dei Nightingale è una delle armi più potenti di tutto Skyrim, dotato di un incantamento speciale che gli consente di infliggere contemporaneamente danni congelanti ed elettrici. Il problema con quest’arma è che la sua potenza dipende dal livello in cui viene acquisita, raggiungendo il suo massimo potenziale dal livello 46 in avanti; ciononostante, l’arco Nightingale rimane una delle armi più potenti disponibili in tutto Skyrim, superato soltanto da armi realizzate ad altissimi livelli di forgiatura, alchimia e incantamento.

L’arco Nightingale è estremamente versatile e non ha contesti specifici di utilizzo; mentre i danni congelanti possono essere smorzati grazie a resistenze specifiche, i danni elettrici non vengono bloccati da quasi nessun nemico in gioco e sono utili per esaurire le riserve di magicka.

DOVE TROVARLO

L’arco dei Nightingale viene consegnato al giocatore durante la questline della Gilda dei Ladri, assieme al set di armatura completo da Nightingale.


4 – BALESTRE MIGLIORATE

Le balestre sono state introdotte a loro tempo grazie all’espansione Dawnguard e fanno ritorno per la prima volta dai tempi di Morrowind; si tratta di armi dal potere eccezionale, con un ottimo danno di partenza e nel caso della balestra nanica il più alto danno di partenza per un’arma da arciere in tutto il gioco; gli svantaggi si trovano nel rumore prodotto dal loro meccanismo di sparo, nella velocità di armamento piuttosto lenta e nella scarsa disponibilità di munizioni che ci obbliga ad appoggiarci al castello dei Dawnguard per i rifornimenti.

Le balestre nella loro variante migliorata sono in grado di ignorare il 50% dell’armatura, diventando ancora più forti rispetto ai normali archi disponibili al giocatore; la velocità dei dardi è più alta di quella delle frecce degli archi e questi possono bloccare il bersaglio nel 50% dei casi (fino al 75% se combinato con Tiro Potente); oltre a questo va menzionata la possibilità di incantare una balestra a piacimento, rendendola in grado di infliggere danni magici a nostra discrezione. Combinandosi anche coi dardi elementali esplosivi e coi veleni, le balestre potenziate godono di potenziamenti e versatilità senza pari in tutto l’arsenale di Skyrim.

Tuttavia va menzionato che le meccaniche di gioco di Skyrim fan sì che i dardi esplosivi annullino i bonus danni degli attacchi furtivi, rendendo un arco comunque preferibile in tali contesti.

DOVE TROVARLE

A differenza dei casi precedenti, fatta eccezione per la versione più basilare, le balestre vengono solamente realizzate grazie alla forgiatura o comprate da Sorine Jurard al castello Dawnguard; per accedere alle varianti potenziate bisogna recuperare dei progetti grazie alle missioni a destinazione casuale dei Dawnguard.


5 – ARCO NANICO NERO DEL DESTINO

Quello che è forse l’arco più potente di tutto Skyrim è anche un’arma dall’efficacia estremamente volatile e con notevoli costi di manutenzione: l’Arco Nanico Nero del Destino è infatti un artefatto con un incantamento unico che gli fornisce il 50% di possibilità di assorbire 25 punti per ognuno dei tre attributi (salute, magicka e vigore) dal bersaglio malcapitato. Questo incantesimo non può essere imparato dal sangue di drago per essere usato su altri oggetti, dunque è vincolato alle performance degli archi nanici e dalla quantità di energia dell’incantamento originale.

Le qualità dell’incantesimo lo rendono utile in qualsiasi contesto e contro qualunque nemico: non trattandosi di danni elementali, gli assorbimenti di attributo non vengono bloccati o smorzati da quasi nessun nemico esistente in tutto Skyrim.

DOVE TROVARLO

L’Arco Nanico Nero del Destino può essere recuperato da Kagrumez, una rovina nanica su Solstheim, al termine di una serie di puzzle e di battaglie. Il Dungeon offre come ricompensa anche la possibilità di reclutare automi nanici come compagni al posto di un animale.


ALTRI ARTICOLI UTILI