assassins-creed-syndicate-release-date-revealed_yaqs.1920Il 12 maggio Ubisoft ha presentato in anteprima mondiale il nuovo capitolo Assassin’s Creed Syndicate. L’annuncio ha portato con se molte novità, notizie che abbiamo deciso di racchiudere in uno speciale con tutte le informazioni finora conosciute.

Cosa c’è da sapere dunque? Prima di tutto vorremmo parlare dell’ambientazione e del periodo storico. In questo titolo ci troveremo nella Londra vittoriana, anni che vedono la rivoluzione industriale, in questo caso la seconda, anni di affermazioni scientifiche come le leggi di Mendel e la tavola periodica degli elementi di Mendeleev. Non solo, la rivoluzione in questi anni sta anche nella società, dove il nuovo sovrano non è più politico ma materiale: il denaro. Assassin’s Creed Syndicate prende spunto proprio da questo. Mentre i sovrani e i politici si arricchiscono, i poveri operai vivono nella fame e nel degrado innescando così la scintilla delle rivolte popolari con bande e controlli di quartiere per sopravvivere.

In questo nuovo capitolo inizieremo dall’anno 1868 nei panni di Jacob Frye assieme alla sua gemella Evie, uniti nel controllo dei quartieri e negli scontri nei bassifondi in difesa dei soprusi della classe povera, per riportare la giustizia tra le strade di Londra.

2863633-assassins_creed_syndicate_london_darkandstormyRiportare fedelmente la storie e le sue caratteristiche principali non è per niente facile, ma Ubisoft con il suo Assassin’s Creed ha sempre fatto un eccellente lavoro, soprattutto con Unity; la fedeltà di dettagli nelle grandi opere parigine è davvero impressionante. Ma perseguendo questo obiettivo però, si può incappare in qualche anacronismo, verificatosi in alcuni dei capitoli precedenti. Quello saltato all’occhio nella presentazione di Syndicate riguarda il treno che vediamo arrivare in stazione, il quale riporta un simbolo di una società ferroviaria la British Railways fondata però nel 1949, ben 81 anni dopo al contesto del gioco. La società ferroviaria operante in quell’epoca era in realtà la North British Railway fondata nel 1844 in Irlanda, ampliando la sua rete nel 1848 con la Tratta Londra-Scozia. Questo non vuole, assolutamente, muovere critiche ma una semplice curiosità e la possibilità così di conoscere qualche stralcio storico in più. Ubisoft in merito si era già espressa dichiarando che tali imprecisioni possono essere dovute, ad esempio, al fatto che quello che vediamo è basato sui ricordi a cui il soggetto è esposto dentro l’Animus”. 

Per il nono capitolo ci sono anche novità a livello di sviluppo, passato da Montreal di Unity a Quebec per Syndicate, lasciando però invariato il motore grafico. La rilevanza di queste due curiosità non è molta ma ci fa riflette su cosa vorremmo e cosa desideriamo in questo titolo tanto atteso. Partiamo con le banalità. La speranza più grande sta nel prodotto che uscirà al Day One, che sia completo e definito senza nessuna sorpresa che possa intaccare l’esperienza di gioco fin da subito. Si è discusso molto dei problemi che hanno afflitto Unity e il suo relativo Season Pass, problemi che hanno spinto anche molti giocatori della next gen ad aspettare invece di acquistare il giorno della data di uscita. Questo si è verificato con molti titoli con il rilascio di molte patch e aggiornamenti, in alcuni casi davvero consistenti e pesanti, per andare a migliorare e correggere un prodotto “difettoso”.

Torniamo però nello specifico di Assassin’s Creed Syndicate. Altre speranze che nutriamo stanno nella semplificazione della mappa. Nel capitolo precedente, sbloccando tutti i quartieri, ci trovavamo di fronte ad un mappa davvero piena zeppa di scrigni, missioni secondarie, coccarde e chi più ne ha più ne metta. I filtri erano indispensabili per la consultazione ma non sempre la legenda semplificava la nostra ricerca. Nella mappa si sono riscontrati anche problemi relativi alla localizzazione di alcuni elementi come successo per il DLC Dead Kings dove si poteva notare per esempio, che mancava un unico stemma per completarli tutti ma non ve ne era traccia nella mappa. Questo non vuol dire che ci devono essere meno oggetti e missioni, anzi, sono elementi molto amati, speriamo solo in una ricerca di essi più semplice. Stessa cosa ci auguriamo per l’App Companion che accompagna ormai questi titoli.2864033-assassins_creed_syndicate_cart_race

Passiamo ora al gameplay. Dal video di lancio e dal developer diary possiamo dedurre un piccolo passo in avanti per quanto riguarda i combattimenti, monotoni e ripetitivi negli ultimi titoli con IA non proprio intelligenti per gli avversari. Si da più spazio ai combattimenti corpo a corpo ben affini agli scontri tra bande, diminuendo l’incidenza delle armi bianche per dare spazio a tirapugni in ottone e bastoni da passeggio con lama nascosta. Una novità che ci piace molto sono le carrozze, oltre che simbolo dell’era, saranno “giocabili” dando vita a frenetici inseguimenti per le strade di Londra.

Inoltre François Pelland di Ubisoft ha dichiarato che le missioni secondarie saranno migliori e più attinenti alla trama principale: “Riguarderanno come sempre Assassini e Templari ma a seconda di come si evolverà la nostra storia principale si modificheranno anche le impostazioni delle side quests“. Questo ci lascia molta curiosità essendo una possibilità davvero interessante a livello di rigiocabilità e durata del gioco.

Ultima nota su cui vorremmo soffermarci riguarda un’indiscrezione scovata sulla pagina del Playstation Network da un utente che ha segnalato al sito IGN.it la possibilità multiplayer e 3D.

acsyndicate-ps4_zvgq

 

Stando alla pagina si prevede un multiplayer online da 2 a 4 giocatori e addirittura una compatibilità con la tecnologia stereoscopica in 3D. Al momento non ci sono smentite da parte di Ubisoft e neanche correzioni da parte del sito Playstation. Altri titoli imminenti non riportano queste voci nelle loro descrizione lasciando così ancora il dubbio nonostante la dichiarazione di nessun reparto multiplayer al momento della presentazione di Assassin’s Creed Syndicate.

Quello che rimane da dire è riguardo alle edizioni previste e già prenotabili dallo Store Ufficiale.

Vediamole insieme, ricordando che qualsiasi edizione ordiniate avrete come bonus pre order riceveranno la missione “Il Complotto di Darwin e Dickens“. La data di uscita è prevista per il 23 ottobre 2015.

  • Special Edition: comprende il gioco singolo al prezzo di 59,99€ per PC e PC Download e 69,99€ per PS4 e Xbox One
  • Rooks Edition: comprende il gioco singolo, la missione extra “Treno Fuori Controllo” (insieme a quella prevista per il pre order), Collector Box esclusiva, mappa fronte retro di Londra, Art Book e Colonna Sonora Ufficiale al prezzo di 69,99€ per PC e 79,99€ per PS4 e Xbox One
  • Gold Edition: comprende il gioco singolo, il Season Pass e l’esclusivo completo Bakery Street al prezzo di 89,99€ solamente in PC Download e in digitale per PS4
  • Charing Cross Edition: comprende il gioco singolo, la missione extra “Treno Fuori Controllo” (insieme a quella prevista per il pre order), Collector Box esclusiva. mappa fronte retro di Londra, Art Book, Colonna Sonora Ufficiale e Action figure di Jacob di 26 cm versione cross road al prezzo di 89,99€ per PC e 99,99€ per PS4 e Xbox One
  • Big Ben Collector Edition: comprende il gioco singolo, il Season Pass, la missione extra “Treno Fuori Controllo” (insieme a quella prevista con il pre order), Collector Box esclusiva, mappa fonte retro di Londra, Art Book, Colonna Sonora Ufficiale, Action Figure di Jacob di 30 cm versione Big Ben, una Fiaschetta di Jacob esclusiva e una Litografia numerata scelta dai fan al prezzo di 139,99€ per PC e 149,99€ per PS4 e Xbox One

01_jpg_960x540_crop_upscale_q85