Dopo tante chiacchiere, anteprime e recensioni ecco che la nuova opera dei Tango Gameworks si prepara a debuttare sulle nostre PS5 e PC. Infatti, questo venerdì molti fan potranno finalmente mettere le mani sopra Ghostwire Tokyo. Potenzialmente se avete preso la Deluxe Edition del gioco starete già giocando (grazie alla possibilità di provare il gioco con 3 giorni di anticipo), ma a prescindere da questo dettaglio qualche piccolo consiglio non guasta se volete dominare ogni singolo angolo buio di Shibuya.

Come ben saprete ormai, Ghostwire Tokyo è un Action Open World dove la crescita del nostro personaggio (Akito) sarà fondamentale per affrontare al meglio certe minacce Yokai presenti dentro la città nipponica. Non siamo di fronte sicuramente a uno dei giochi più difficili di quest’annata, ma questo non ci impedisce a fare una “guida agli acquisti” e spiegarvi quali abilità conviene sbloccare per prime.

Estrazione nucleo – Rigenerazione PV

 

 

Si dice che la migliore difesa è l’attacco e proprio con questa teoria alla base, Ghostwire Tokyo vi da la possibilità di diventare delle macchine da guerra inarrestabili sfruttando l’abilità di assorbimento dei nuclei Yokai. Il gioco vi spiegherà già nei primi minuti che questa “capacità” di Akito sarà fondamentale per recuperare “munizioni”. Tuttavia, con il giusto potenziamento, questa abilità vi daràun Action Open World dove la crescita del nostro personaggio (Akito) sarà fondamentale la possibilità di curarvi senza l’utilizzo dei cibi e oggetti di cura specifici. È potenzialmente vero che verso la fine del gioco l’abilità risulterà abbastanza superflua (in quanto le cure saranno eccessivamente minori) però nelle prime ore di Ghostwire Tokyo quest’abilità si rivelerà fondamentale.

Attacco potenziato – Aumento Velocità

Essendo che le creature che incontrerete per le strade di Shibuya si riveleranno sempre più aggressive e con la tendenza di attaccarvi in branco, sarà essenziale avere abilità rapide in grado di gestire il crowd control al meglio. Proprio per questo motivo noi vi consigliamo di portare fin da subito l’Attacco Caricato a livello massimo. Così facendo ridurrete di tantissimo il tempo impiegato per lanciare un tipo d’attacco potente (circa 25% a livello 2 e 50% a livello massimo), in grado di far fuori i nemici in pochissimi colpi. Quindi non sottovalutate quest’abilità che sarà in grado di togliervi da situazioni rischiose ben più di una volta

Rosari – Spazio d’equipaggiamento extra

Anche se la meccanica dei rosari non si sbloccherà sin da subito in Ghostwire Tokyo, questi piccoli equip saranno davvero straordinari per le vostre “build” in quanto daranno dei boost non indifferenti ai vostri attacchi. Tuttavia, appena il gioco vi darà la possibilità di usare questi oggetti, purtroppo Akito sarà “costretto” ad utilizzarne solo e soltanto uno. Ma non temete! Grazie al nostro albero delle abilità, avremmo la possibilità di sbloccare 3 slot dedicati ai rosari. Quindi il nostro consiglio è di investire subito risorse in questi potenziamenti, così da rendere la gita a Shibuya molto più gradevole. L’unica cosa diversa dalle altre abilità consiste nel fatto che per sbloccare l’ultimo slot dei rosari non basteranno solo i punti abilità, ma anche 3 Magatama (risorse disponibili grazie a certe missioni secodarie).

Visione spettrale

 

Come ogni protagonista di un gioco open world, anche il nostro Akito avrà la possibilità di usare una “visione speciale” per tenere traccia dei vari obbiettivi e per scavare tesori nascosti. Tuttavia all’inizio quest’abilità sarà relativamente debole, dandovi la possibilità di sfruttarla solo per un raggio di pochi metri. Essendo che dentro Ghostwire Tokyo si celano segreti non indifferenti (che vi serviranno se siete completisti seriali) il nostro consiglio è di dare priorità alla visione spettrale e portarla il prima possibile al massimo. In combinazione con certi rosari, quest’abilità vi farà trovare tutti i segreti nascosti di Shibuya, portandovi sempre più vicini al trofeo di platino.

Glide e Grapple – Summon Tengu

Per finire abbiamo deciso di unire due abilità che potenzialmente hanno un’utilizzo sinergico. Ghostwire Tokyo per quanto potrebbe non sembrare è un gioco con una verticalità spiccata ne suo open world. Proprio per questo motivo l’opera di Shinji Mikami vi darà la possibilità di “volare” ed arrampicarvi sui grattacieli di Shibuya grazie a delle abilità specifiche. 

Il Glide sarà sbloccato in automatico ma a livello base sarà praticamente inutile. Con una durata di appena 2 secondi, il livello base del glide servirà più per farvi attutire i colpi (in caso di caduta da grosse distanze) più che per farvi esplorare. Proprio per questo motivo vi consigliamo di aumentare al massimo questa skill, così da esplorare al meglio anche le parti alti della città (dove giacciono segreti fondamentali per il vostro progresso verso il platino).

La seconda abilità da non sottovalutare è quella legata alla possibilità di evocare un Tengu per arrivare in dei posti da noi desiderati. I Tengu sono degli Yokai specifici che daranno la possibilità al nostro Akito di “portarsi in aria”. Tuttavia queste creature saranno predisposte in maniera ben specifica, lasciandoci molte volte impossibilitati a raggiungere certe “sporgenze”. Proprio per questo motivo l’abilità di evocare un Tengu in qualsiasi momento si rivelerà “game changing”, specie quando dovremmo raggiungere determinate altezze per esplorare al meglio.

E con questo ultimo consiglio la nostra guida si conclude. Fateci sapere se state già alle prese con Ghostwire Tokyo o se non vedete l’ora di provarlo per bene Venerdì.