FortniteIl nostro incontro con Fortnite è stato nel lontano 2017, in early access, con il suo lancio mondiale rappresentato dal comparto “Salva il mondo“, prima del fenomeno incarnato nella Battle Royale. Costruzioni, zombie, fucili, munizioni ed eliminazione reciproca ha costretto Epic Games ad espandere l’universo di gioco anche nel mondo reale.
Oltre ai classici prodotti di merchandising rappresentati da magliette, zaini, sveglie e funko, sono giunti nelle nostre case anche i box contenenti un set di carte collezionabili (per un totale di 300 unità) raffiguranti personaggi, splash, skin, consumabili e oggetti estetici presenti in gioco.

Fortnite
Lo scrigno contenente il tesoro…

All’interno del box, inerente alla Series 1, sono presenti ventiquattro pacchetti contenenti ognuno sei carte di rarità differente (di dimensione 63×89 mm). Il primo deck si posiziona come set Comune, suddiviso a sua volta da nove colorazioni difformi. Sul retro di ogni carta sarà possibile risalire alla rispettiva collocazione nella collezione tramite un numero posto in basso, compresa la descrizione del soggetto raffigurato e la rarità.

Fortnite
Le carte di rarità comune.

Andando avanti con lo spacchettamento, le cose cambiano in meglio (come raffigurazione) grazie alle carte Non Comuni. Esse rappresentano personaggi iconici e armi, compresi oggetti e consumabili, con colorazioni più disparate. Ovviamente anche queste ultime hanno indicato il numero di riferimento ed il nome relativo alla rappresentazione.

Fortnite
La qualità delle carte non comuni.

Sempre in ordine di importanza, tra una bustina e l’altra siamo incappati nelle carte più Rare, anch’esse caratterizzate da personaggi o item più importanti incontrati nelle varie stagioni di Fortnite, come la skin dell’Infiltrator o Sunbird.

Fortnite
Le carte rare trovate nello scrigno.

Andando avanti, la cerchia si restringe, fino ad arrivare alle carte più succulenti, ovvero le Epiche. Avendo una qualità abbastanza importante, nella nostra ricerca, ne abbiamo trovate quattro, tra cui la skin Sidewinder.

Fortnite
Le nostre carte Epiche trovate.

Dulcis in fundo, sempre in quantità esigua (come ovvio), l’ultimo baluardo dello scrigno è rappresentato dalle carte Leggendarie, dove la personalità di Musha ha oscurato le altre. Nonostante tutto, le quattro carte rivelate si sono dimostrate appaganti.

fortnite
Le Leggendarie ritrovate.

Oltre al divertimento di dover spacchettare tantissime bustine, con conseguenti doppioni ritrovati, la qualità delle carte è eccellente. Si tratta di un prodotto plastificato e robusto al tatto, ma ovviamente bisogna prestare attenzione a non maltrattare troppo le carte. Imbustarle non sarà necessario e si potranno esporre come un trofeo di caccia per mostrarle a tutti. La rappresentazione grafica riprende fedelmente i modelli e le skin visibili in gioco, con colorazioni e tipologia ben definite. A ricordare il numero del posizionamento, compreso il nome della carta, ci pensano le speciali Checklist, in modo da tenere tutto sempre in ordine.

Le sorprese non finiscono qui però. La Series 1 comprende ben 300 carte (stando alla checklist) e sarebbe un peccato lasciarle incustodite, senza nemmeno una catalogazione specifica. In nostro aiuto vi è il rispettivo raccoglitore, dove sfoggiare tutto il materiale senza che si rovini. Esso comprende sei bustine aggiuntive più una carta bonus da aggiungere alla collezione.

Per il momento, il nostro primo spacchettamento termina qui, in attesa del prossimo scrigno da scoperchiare e ulteriori Leggendarie da portare alla luce. Per ulteriori informazioni, la Series 1 è disponibile in edicola, in aggiunta al raccoglitore (acquistabile a parte) per poter collocare le carte, al costo di 48€.